Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 335

Lombardia cronaca nera: sei morti in due giorni

Posted by fidest press agency su domenica, 28 febbraio 2010

“Da una parte abbiamo una recrudescenza criminale senza precedenti, tra l’altro aggravata pesantemente dalla problematica dell’immigrazione clandestina completamente fuori controllo, che, solo per fare un esempio, in tre giorni ha fatto registrare ben sei omicidi in Lombardia (due morti ammazzati al giorno tra Milano, Varese, Brescia, Como e Monza).  Dall’altra parte abbiamo una dichiarazione assolutamente rivelatrice del nostro stimabile Ministro della Difesa, Ignazio La Russa, che ci ha illuminati spiegando come ‘a Milano le forze dell’ordine sono state integrate con dei militari che fanno pattugliamento anche a piedi nelle zone a rischio: dal punto di vista dei cittadini la copertura è effettiva. Il numero degli addetti alla sicurezza è esattamente quello che era stato richiesto: non importa se sono carabinieri, agenti della polizia o militari’. Mi pare che, dopo questo accostamento, ci sia ben poco da aggiungere”. E’ l’indignata analisi di Franco Maccari, Segretario Generale del Coisp, Sindacato indipendente di Polizia, a proposito di una situazione che “vede il comparto sicurezza – aggiunge – sempre più abbandonato sul piano degli interventi seri ed efficienti, e sempre più in balìa di trovate clownesche che insultano l’intelligenza degli operatori delle Forze dell’Ordine, e la buona fede ed il sacrosanto diritto dei cittadini ad essere tutelati”. “Come può il Ministro ignorare gli appelli che provengono dagli amministratori radicati sui territori, cosa farà? Dirà anche a loro che sono pazzi visionari, o che inventano esigenze che non sono reali, come fa puntualmente con i Sindacati? A ben vedere, è proprio questo che ha fatto. Ha tranquillizzato tutti spiegando che il problema è risolto con i militari che pattugliano a piedi le zone a rischio. Peccato che non abbia spiegato che i militari, preziosi e valorosi nello svolgimento dei compiti che gli sono propri e per i quali sono addestrati e preparati, hanno invece veramente ben poco da fare per le strade del Milanese e dell’Italia in generale. Non ha spiegato che essi non hanno la possibilità di esercitare neppure le più banali attività che sono proprie degli Operatori delle Forze dell’Ordine che, invece di fare (ci si passi il termine colorito) da ‘balia’ ai militari, dovrebbero essere messi in condizione di operare, con una risposta adeguata alle gravissime carenze di uomini e mezzi che li affliggono. Mi domando, chi ci governa quanto pensa che potranno ancora sopportare i cittadini?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: