Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 259

Autovie venete: Traffico in aumento, incidenti in calo

Posted by fidest press agency su domenica, 21 marzo 2010

Si è chiuso con un bilancio sostanzialmente positivo il 2009 per quanto riguarda la rete autostradale gestita da Autovie Venete, con un trend di traffico in ripresa, determinato soprattutto dai mezzi leggeri e con una drastica riduzione dei sinistri. L’incremento complessivo del traffico è stato del 2,6%. I veicoli transitati sulla rete autostradale di Autovie Venete, infatti, sono passati dai 40 milioni 819 mila del 2008, ai 41 milioni 855 mila dello scorso anno. Il risultato positivo è determinato dall’aumento del traffico leggero (+ 5,8%), perchè il traffico pesante è calato in tutte le classi, anche se l’evoluzione dei flussi segnala, rispetto al 2008, una frenata del decremento. L’andamento dei primi due mesi del 2010 è in linea con lo stesso periodo del 2009: gennaio registra un aumento del 6,5% (da 2 milioni 790 veicoli si passa a 2 milioni 920 mila fra pesanti e leggeri), mentre in febbraio c’è una flessione dello 0,7% (da 2 milioni 804 veicoli transitati nel 2009 a 2 milioni 784 quest’anno), ma si tratta di dati non consolidati e quindi soggetti a variazioni.
In calo, e questo è un segnale confortante, il numero degli incidenti, passati dai 1.015 del 2008 ai 921 del 2009, di cui 469 con coinvolgimento di veicoli pesanti (erano 599 nel 2009). Quattrocentocinquasei i feriti nel 2009, contro i 487 dell’anno precedente, 5 le persone decedute contro le 23 del 2008. I sinistri accaduti nel 2009 hanno visto coinvolti mille e 701 mezzi a fronte dei mille 911 dell’anno precedente. Oltre alle martellanti campagne messe in atto da enti e istituzioni affinché gli automobilisti adottino uno stile di guida più sicuro che sicuramente hanno contribuito a sensibilizzare gli utenti dell’autostrada, un ruolo notevole nella riduzione dei sinistri lo ha svolto il Passante, aperto al traffico nel febbraio 2009. La nuova infrastruttura, infatti, ha praticamente eliminato le code che si creavano in tangenziale e i cui effetti negativi (stanchezza e nervosismo dei guidatori, calo dell’attenzione) sugli automobilisti creavano condizioni di costante pericolo. Sul dato, ovviamente, ha influito anche il calo del traffico pesante, il cui flusso, più rarefatto ha ridotto le situazioni di criticità.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: