Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Cooperazione e filiera agro-ittica

Posted by fidest press agency su domenica, 21 marzo 2010

“Un grande contributo può giungere dalla cooperazione, leva essenziale per la sussidiarietà e per la qualità dei servizi necessari allo sviluppo del sistema agro-ittico italiano, e dalla sinergia tra Unci  e Coldiretti anche nel settore della pesca.” E’ questo in sintesi quanto emerso dal Convegno su “I servizi per la filiera agro ittica nel Lazio”, che si è svolto oggi pomeriggio, a Roma, presso la sede nazionale dell’Unci – Unione Nazionale Cooperative Italiane, al quale è intervenuto il Sottosegretario al Ministero delle Politiche Agricole con delega alla pesca, on. Antonio Buonfiglio.  Nel suo intervento l’on. Buonfiglio ha rilevato che anche “nel settore pesca va riproposto quanto ha già consentito all’agricoltura italiana di crescere e di fare un grande salto di qualità. Battaglie come quella sull’etichettatura sfociata poi nella tutela del Made in Italy, un sistema certificato, trasparente e riconoscibile, che avvicina produttori e consumatori. La sicurezza alimentare è uno degli obiettivi fondamentali, nonché una richiesta che emerge dai cittadini-consumatori. Va, infatti, – ha detto Buonfiglio – posto al centro delle questioni l’uomo, ponendo accanto alla sostenibilità ambientale, quella economica e sociale. La riduzione dello sforzo di pesca deve essere supportata con una campagna per integrare il reddito dei pescatori, utilizzando al meglio le risorse del FEP. Un grande ruolo è svolto dai Centri servizi territoriali delle Organizzazioni, prendendo come riferimento l’esperienza dell’agricoltura. I protocolli siglati per la creazione di un sistema italiano della pesca e acquacoltura (SIPA) – ha ricordato il sottosegretario – prevedono la definizione di convenzioni con le associazioni di categoria, al fine di implementare il fascicolo della pesca, che faccia perno sulla semplificazione normativa, superando l’attuale decentramento istituzionale. Il fermo biologico, infine, anche per quest’anno, si articolerà in modo differenziato come stabilito dal P.O. nelle varie regioni, utilizzando a sostegno dei redditi dei pescatori, in tali periodi, i fondi provenienti dalla cassa integrazione straordinaria”.  Il Presidente Unci, Paolo Galligioni, nel suo intervento, “condividendo il programma per un sistema integrato della pesca, ha ricordato l’obiettivo dell’Unci, ossia di promuovere un progetto di sviluppo per il Paese fondato sulla valorizzazione delle tradizioni e delle specificità locali, all’interno del quale si caratterizza proprio il ruolo sociale ed economico della cooperazione che nell’ambito della pesca è di grande importanza per la realizzazione dei servizi per la filiera agroittica e di una piena realizzazione della tracciabilità dei prodotti”. All’evento sono intervenuti: Franco Pasquali, Vice Presidente Vicario Unci nonché Segretario Generale Coldiretti, Mauro Tonello, Presidente Unci-Coldiretti, Roberto Celenza, Presidente UNCI Lazio, Aldo Mattia, Coordinatore UNCI – Coldiretti Lazio, Giuseppe Diana, Direttore Dpl Rieti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: