Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 338

Incentivi

Posted by fidest press agency su giovedì, 25 marzo 2010

Dal 6 aprile bonus per elettrodomestici, motorini, cucine e nautica A beneficiarne saranno a circa il 2-3% famiglie, cioè circa 500.000 Il meccanismo del “rubinetto” previsto per la concessione del bonus creerà molti problemi. È prevedibile, infatti, che nei primi giorni si concentreranno migliaia di domande di bonus per avere la certezza di rientrare nei fondi previsti. E’ prevedibile anche che i commercianti utilizzeranno questi incentivi in modo pubblicitario. Il rischio è che il consumatore acquisti il bene con la promessa del bonus, per poi scoprire, ad acquisto effettuato, che non è rientrato nei benefici. Per questo Adiconsum raccomanda prudenza e consiglia di prenotare il bene che si intende acquistare, confermando l’acquisto solo dopo aver accertato l’accoglimento della domanda di bonus da parte di Poste Italiane, incaricate di gestire i fondi. Adiconsum invita, inoltre, i commercianti a tenere un comportamento corretto e trasparente. In caso contrario non mancheremo di segnalare all’Autorità Antitrust, l’eventuale pratica commerciale scorretta, pesantemente sanzionata dalla normativa di legge. Per le famiglie i bonus previsti riguardano: • cucine componibili complete di elettrodomestici: bonus 10% contributo max di 1000 euro media bonus: 500 euro beneficiari: circa 120.000 famiglie• elettrodomestici (lavastoviglie, cucine, forni elettrici, scaldacqua a pompa di calore, stufe): bonus 20% contributo max di 500 euro media bonus: 150 euro beneficiari: circa 330.000 famiglie • motocicli: bonus 10% (20% per motocicli elettrici) contributo max di 750 euro (1500 euro per quelli elettrici) media bonus: 300 euro beneficiari: circa 40.000 consumatori• nautica da diporto: bonus 20% contributo max di 1000 euro media bonus: circa 600 euro beneficiari: circa 33.000 consumatori Focus su acquisto nuovi immobili ad alta efficienza energetica Adiconsum vede di difficile attuazione questo contributo pari a 116 euro/mq per un importo max di 7.000 euro per le abitazioni di classe A e di 83 euro/mq per quelle di classe B, perché il patrimonio immobiliare anche quello di recente costruzione è oggi classificato per oltre l’80% nelle categorie E, F, G. Si tratta, ad avviso di Adiconsum, di un contributo che rischia di finanziare costruzioni già efficienti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: