Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 259

Incidente mortale centrale Enel di Civitavecchia

Posted by fidest press agency su venerdì, 9 aprile 2010

La Flaei Cisl, sindacato del settore elettrico riguardo la tragica e inaccettabile morte di Sergio Capitani ha precisato: “Mentre è giusto lasciare agli Organi Inquirenti l’accertamento delle responsabilità, non può e non deve diventare occasione di divisione del Sindacato o di dubbie manovre sulla titolarità di rappresentanza. Inoltre, la verifica delle condizioni di sicurezza della centrale Enel di Civitavecchia, che verrà effettuata dagli Organi Ispettivi competenti, non può e non deve essere condizionata da un clima avvelenato che non favoriscono una  seria riflessione e la ricerca delle soluzioni, ma fa prevalere la demagogia. Questa tragica morte dimostra che sul fronte della sicurezza nessuno può dire di aver raggiunto gli obiettivi, neanche Settori come quello Elettrico dove, di là delle responsabilità oggettive e soggettive di Imprese e Manager, che dovranno essere accertate, la morte di un Lavoratore è un caso raro grazie agli alti standard di sicurezza ottenuti per effetto della contrattazione collettiva di Categoria.  Il Settore e gli impianti elettrici non sono una “zona grigia” incontrollata. Sindacato di Categoria, RSU, RLS da sempre operano incalzando le Imprese, obbligandole ad adottare standard operativi all’avanguardia. Le statistiche infortunistiche, la competenza e la professionalità dei Lavoratori elettrici, ancora titolari e esecutori dell’esercizio  e della manutenzione degli impianti, il ruolo sussidiario delle imprese in appalto sono risultati ottenuti grazie al lavoro svolto dal Sindacato di categoria che, in  questi anni di privatizzazioni e liberalizzazioni, ha impedito che il Settore elettrico degenerasse come altri Settori. Nella generazione elettrica, FILCEM FLAEI UILCEM, hanno costretto in questi anni le Imprese a contenere la terziarizzazione di attività, limitando l’intervento delle imprese a lavori manutentivi non strategici. Grazie a questa azione sindacale, ancora oggi, negli impianti di produzione elettrica, i lavoratori elettrici sono la stragrande maggioranza.  Ciò  non basta, ed è intenzione del Sindacato di categoria continuare la battaglia affinchè le terziarizzazioni siano ancor più  ridotte; affinchè gli standard di sicurezza siano ancor più  elevati; affinchè le Imprese in appalto siano ancor più qualificate;  affinchè anche i lavoratori degli appalti elettrici siano considerati come tutti gli altri  e godano delle stesse protezioni. Il Protocollo sulla Responsabilità Sociale del Gruppo Enel, sottoscritto dal Sindacato di Categoria e dalle Confederazioni, stabilisce come obiettivo di sicurezza quello della “tolleranza zero” affermando, peraltro, la piena titolarità della Categoria nell’interlocuzione con questo importante Gruppo energetico. La FLAEI, insieme alle altre Federazioni di Categoria e alle Confederazioni, intende esigere l’attuazione concreta di questo importante Accordo e, nel caso tragico di Sergio Capitani, far accertare le cause che ne hanno determinato la morte, perchè tragedie come questa non si dovranno più ripetere.  Anche per questo motivo, la FLAEI CISL farà di tutto per impedire che la Rappresentanza sindacale negli Impianti elettrici in esercizio, venga sottratta alla Categoria”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: