Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 338

Anziano: anemia e funzioni cognitive

Posted by fidest press agency su sabato, 10 aprile 2010

Una condizione di anemia, nell’anziano, può portare a una riduzione delle funzioni cognitive e di alcune attività della vita quotidiana. È quanto emerge da uno studio turco condotto su 180 individui; per valutare le attività quotidiane sono state condotte interviste frontali e sottoposti questionari, mentre per analizzare le funzioni cognitive si è usato il Folstein’s mini-mental state examination (Mmse). L’età media del gruppo anemico e di quello non anemico è stata di 76,0+/-11,7 e 72,5+/-15,2 anni, rispettivamente. Il livello medio di emoglobina nella popolazione anemica era di 10,4 g/dL rispetto ai 13,6 g/dL nella popolazione non anemica: una differenza statisticamente significativa. Inoltre, si è vista una maggiore diminuzione nello stato funzionale e cognitivo nel gruppo anemico rispetto a quello non anemico, rispettivamente. Gli anemici erano inoltre più dipendenti per il bagno, il vestirsi e il muoversi. Nel gruppo degli anziani anemici, concludono gli autori, la dipendenza per le attività quotidiane che richiedono sforzi fisici è stata maggiore rispetto ai soggetti non anemici e anche il punteggio Mmse nell’anziano anemico era inferiore di chi aveva livelli normali di emoglobina. Eur J Intern Med, 2010; 21(2):87-90 (fonte doctor news)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: