Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 34 n° 25

Le cellule staminali dalla A alla Z

Posted by fidest press agency su lunedì, 12 aprile 2010

Firenze  15 aprile 2010 ore 21:00 SMS-Rifredi, via Vittorio Emanuele 303,  con Paola Romagnani (Università di Firenze) Riccardo Saccardi (Ospedale di Careggi, Firenze) Moderatrice: Clara Ballerini (Università di Firenze) Le cellule staminali fanno notizia da tempo, sia per le speranze che suscitano, sia per le implicazioni etiche legate alla ricerca. Le staminali sono però un complesso insieme di cellule molto differenti l’una dall’altra ed è quindi utile  capirne di più, da come si ottengono a cosa servono.  Ad esempio, quali sono le malattie che già adesso possono essere curate  con le staminali e quali potrebbero esserlo nel breve futuro? Ci sono invece aspettative che sono irrealizzabili? Infine, la nuova presidenza americana ha  rimosso alcune limitazioni alla ricerca sulle staminali embrionali.  Qual è la situazione, da questo punto di vista, in Italia e in Europa?

Una Risposta a “Le cellule staminali dalla A alla Z”

  1. Secondo me le cellule staminali possono essere fatte anche con un compiuter ed i suoi componenti, che usano il principio di quello
    Scenziato Inglese che e’
    riuscito a riprodurre la cellula in laboratorio,e facendo un compiuter che riproduca le stesse caratteristiche come ha formato quella
    cellula,(con lo stesso DNA della persona interessata),ed il gioco e’ fatto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: