Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 34 n° 316

Dolore, anche dopo la legge molti freni alla cura

Posted by fidest press agency su domenica, 2 Maggio 2010

Più di 6 medici su 10 (65%) sono convinti che, nonostante la recente legge sull’accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore, in Italia resistano ancora «importanti barriere alla prescrizione» dei farmaci oppioidi. Un problema perlopiù di carattere culturale, legato anche alla convinzione che queste medicine abbiano un senso solo per il dolore oncologico. È quanto emerge da un’indagine condotta fra i camici bianchi italiani dal portale “Doloredoc”. Il 67,4% ha accolto con favore la legge 38/2010 e ritiene che aiuterà la riduzione dell’oppiofobia, cioè dei timori che ancora oggi esistono nei confronti dei derivati dalla morfina. Tuttavia agli occhi dei camici bianchi le nuove regole, da sole, non riusciranno a cambiare l’atteggiamento di diffidenza radicato nella società. «Da una situazione di oggettivo arretramento, oggi l’Italia è arrivata ad essere il primo Paese europeo con una legge dedicata alla terapia del dolore anche a livello pediatrico», precisa in una nota Guido Fanelli, coordinatore della Commissione ministeriale sulla terapia del dolore. Adesso, prosegue, «sono necessarie campagne informative ed educazionali per una corretta applicazione della legge». Obiettivo: «Informare i cittadini circa i loro diritti in fatto di trattamento del dolore – spiega Fanelli – e contemporaneamente far sapere ai medici che il monitoraggio e il trattamento sono un obbligo di legge. Anche le strutture sanitarie saranno sostenute. La legge prevede, infatti, un adeguamento tariffario a livello nazionale». A garantire informazione e formazione sulle cure anti-dolore un progetto, promosso a livello internazionale dall’associazione scientifica europea contro il dolore (Efic) con il sostegno della casa farmaceutica Grunenthal, all’interno del quale sono previsti anche specifici progetti. (fonte doctor news)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: