Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 312

Marea nera: rischio aree ornitologiche

Posted by fidest press agency su giovedì, 6 maggio 2010

Migliaia di volontari stanno intervenendo nel Golfo del Messico in aiuto degli uccelli selvatici e degli animali colpiti dal petrolio. Lo rende noto la LIPU-BirdLife Italia: i volontari sono coordinati dall’associazione ambientalista americana Audubon, che rappresenta BirdLife International negli USA. E’ grande la preoccupazione per la sorte delle 25 importantissime aree ornitologiche che sorgono sulla linea di costa del Golfo, dalla Louisiana al Sud del Florida. Sono aree “IBA” (Important Bird Areas) essenziali per la nidificazione e la sosta di centinaia di specie di uccelli. La LIPU denuncia i rischi per milioni di volatili che in questo periodo migrano attraverso il Golfo del Messico di ritorno dai siti di svernamento in Sud America. In questo ore una delle vittime privilegiate è la Sula, uccello marino pelagico che vive in alto mare. Alle isole Candelora, ultima barriera, sono invece toccati dalla marea nera il pellicano bruno, una specie appena uscita dalla lista USA delle specie a rischio di estinzione, il beccapesci e la sterna maggiore americana. Di fronte all’emergenza, BirdLife International (tramite l’Audubon) si sta attrezzando per assicurare il soccorso e la cura per gli animali selvatici che saranno colpiti.(pellican)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: