Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 321

Archive for 9 Mag 2010

Expo: Luigi Ghirri e Roberto Bertoni

Posted by fidest press agency su domenica, 9 Mag 2010

San Martino in Rio (RE) fino al 12/9/2010 corso Umberto I, 22 Rocca Estense La memoria abita qui / Tibet segreto A cura di Galleria Radium Artis (Angela Lazzaretti)  Mostra promossa da Assessorato alla Cultura (Comune di San Martino in Rio)  La Rocca estense di San Martino in Rio apre le sue stanze alla fotografia, dopo avere presentato importanti esposizioni di pittura e di scultura. Due le manifestazioni in programma nell’ambito di Fotografia Europea, la rassegna reggiana giunta alla sua quinta edizione: nella suggestiva Cappella di San Giovanni, 24 immagini a colori di Luigi Ghirri, scattate negli anni Ottanta, ripropongono il suo ineguagliabile sguardo su alcune vie e sui giardini di Reggio, e sull’interno di teatri; al piano nobile della Rocca, Roberto Bertoni presenta sessanta immagini che documentano i suoi sette viaggi in Tibet compiuti nei vari periodi dell’anno, alla ricerca di luoghi segreti, di volti e corpi di quell’indomita popolazione, delle tracce di un’identità che affonda le proprie radici nel piu’ lontano passato.  Le 24 fotografie di Luigi Ghirri (Scandiano, Reggio Emilia, 1943 – Reggio Emilia, 1992) sono di proprietà della Fondazione Reggio Tricolore, si tratta di un omaggio di Ghirri per la nuove sede dei Democratici di sinistra del centro storico, commuovono per la capacità che il grande fotografo aveva di cogliere lo “spirito” segreto dei luoghi, intrisi di un sentimento di poesia e di abbandono, come se Ghirri s’affacciasse con discrezione su un’entità che stava riposando e che, nel silenzio e nella solitudine, rivelava tutto il proprio splendore. Il catalogo pubblicato nell’occasione presenta testi di Lorenzo Capitani, Sandro Parmiggiani, Angela Lazzaretti. (Immagine: Luigi Ghirri da “La memoria abita qui”)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Agenda assessore Roma

Posted by fidest press agency su domenica, 9 Mag 2010

Roma 10 maggio Ore 10.00: Assessorato al Patrimonio, via della Moletta, 85 L’assessore al Patrimonio del Comune di Roma, Alfredo ANTONIOZZI, insieme al delegato per il Centro Storico, Dino GASPERINI, consegnerà alla signora Pierina Cesaretti  le chiavi dei nuovi locali per continuare l’attività della storica Bottega romana della casa delle bambole.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La chirurgia estetica può attendere

Posted by fidest press agency su domenica, 9 Mag 2010

La tossina botulinica, il più efficace agente miorilassante utilizzato anche per le rughe glabellari, è affiancata oggi dalla gamma di filler Juvéderm, la più grande e affermata famiglia di dermal filler nel mondo. Una ricerca dell’American Society of Plastic Surgeons appena pubblicata rileva come il 14% degli iscritti ad un famoso social network sui trattamenti di chirurgia plastica ed estetica ha pianificato nel 201 un intervento con filler (11%) e botulino (3%).  Una percentuale che supera quella di coloro che hanno deciso per una addominoplastica (12%), mastoplastica additiva (8%) o liposuzione (8%). In principio era il lifting facciale, poi declinato nella sua versione ‘mini’, ma il presente vede protagonisti i “dermal filler” e il botulino, trattamenti iniettivi e mini-invasivi che hanno conquistato il pubblico di tutto il mondo per la loro versatilità.  Il botulino innanzitutto, noto in Italia con il nome commerciale Vistabex, indicato per le rughe glabellari da moderate a severe, ha il vantaggio di permettere un risultato prevedibile, ma anche modulabile a seconda della diluizione scelta dal medico. Basta una piccola quantità per ottenere un risultato naturale. Le pazienti chiedono spesso al medico: ‘ma mio marito, o le amiche, se ne accorgeranno?’ La risposta è no, in nessun modo, anche se avranno l’impressione di un aspetto DISTESO (e non TIRATO), RIPOSATO e fresco come dopo una lunga vacanza.   “L’utilizzo della molecola è infatti uno dei cardini di un trattamento che può essere modulato per ottenere il risultato desiderato – dice il Professor Niccolò Scuderi, Presidente del Collegio dei Professori di Chirurgia Plastica – rilassare rughe anche molto profonde e marcate oppure addolcire una mimica eccessiva che rende le espressioni del volto sgradevoli e stanche”.  L’obiettivo non è  spianare in maniera indiscriminata, talora basta bloccare alcuni muscoli e non quelli adiacenti. L’importante è sapere dove andare ad agire e quale risultato si vuole ottenere, per questo i medici che utilizzano il botulino per uso cosmetico e farmacologico sono sottoposti a training specifici per imparare ad usare questa sostanza nel migliore dei modi.   E poi la variegata famiglia di filler a base di acido ialuronico, Juvéderm, che permettono invece un trattamento medico-estetico delle rughe statiche, quelle dovute all’eredità genetica, al crono e al foto-invecchiamento. Filler a diverso peso molecolare a seconda della zona del volto da trattare e del risultato che si vuole ottenere. Ed oggi anche per il delicato tessuto delle labbra per le quali era necessario un filler morbido ma estremamente stabile per resistere al continuo movimento di questa zona: Juvéderm ULTRA SMILE, infatti, non solo permette un risultato armonico e naturale, ma ha una durata di circa 12 mesi, il che lo rende gradito alle pazienti più impegnate oltre a non diventare un onere economico troppo gravoso.  A completamento della gamma di filler riassorbibili mirati per le diverse zone del volto, oggi la famiglia Juvéderm può annoverare anche un trattamento specifico per la profonda idratazione della pelle del viso, Juvéderm HYDRATE, che combina le caratteristiche di morbidezza proprie della linea dei dermal filler Juvéderm a base di acido ialuronico con un anti-ossidante (il mannitolo) e può essere considerato il complemento ideale per altri trattamenti anti-aging. La ricerca è  quindi volta sempre di più ad ottenere una serie di trattamenti sempre più mirati e precisi per rendere personale e individuale il trattamento alla luce dei risultati globali armoniosi per un look che soddisfa, fidelizza e seduce chi ancora non l’ha provato.  “E i filler riassorbibili – continua il Professor Scuderi – a base di acido ialuronico e lidocaina, soddisfano sia il paziente per la personalizzazione del trattamento, che il medico per la facilità di somministrazione, un’esperienza indolore che permette di fidelizzare il cliente“.  La combinazione di entrambi i trattamenti per le diverse zone del volto è ormai la scelta più gradita sia dalle giovani donne che vogliono rallentare l’andamento del tempo, sia per i baby-boomers (la grande percentuale di persone nate nel dopoguerra) che hanno ancora molti anni davanti a sé.   Sono proprio loro, e vengono compresi anche gli uomini, a chiedere trattamenti correttivi mininvasivi, ambulatoriali, di medicina estetica. Non vogliono dimostrare più anni di quelli anagrafici e soprattutto vogliono stare bene con loro stessi, ma soprattutto chiedono trattamenti che li faccia apparire più freschi e non che stravolgano i lineamenti e l’espressività.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Il futuro dei Nebrodi …

Posted by fidest press agency su domenica, 9 Mag 2010

10 maggio 2010 nella bella cittadina di Tortorici si svolgerà una giornata di approfondimento sulle tematiche legate alla sicurezza del territorio e delle comunità dei Nebrodi. La giornata è organizzata dal PD dei Nebrodi, insieme ad altri soggetti Istituzionali e no, e vedrà infatti l’intervento di personalità del calibro dell’ on. Francesco Calanna, dell’On. Beppe Lumia oltre che, ovviamente, del Primo Cittadino di Tortorici, Dott. Carmelo Rizzo Nervo. Si tratta, quindi, di un ampio e qualificato parterre e la giornata, infine, culminerà in un comizio nella Piazza Faranda della città nebroidea. Ciò che Cumitatu Missinisi du Frunti Nazziunali Sicilianu – “Sicilia Indipinnenti” preme sottolineare non è solo o tanto la evidente lontananza ideale e politica dal PD come anche, del resto, dai vari PDL (lealisti e no) o MPA e UDC, rispetto ai quali si è egualmente equilontani quanto affermare il punto di vista sui temi che si tratteranno e che offrono al pubblico e agli stessi relatori come occasione per spunti e ulteriori riflessioni. D’altra parte le posizioni degli Indipendentisti Progressisti du FNS per i Nebrodi sono peculiari. “Noi – si fa notare in n comunicato – du Cumitatu Missinisi du FNS abbiamo, infatti, le nostre idee per risolvere la questione dei collegamenti e della marginalità, dello spopolamento e dell’abbandono nei Nebrodi che ad essi sono correlati. Ciò che ci differenzia, distanzia dalle altre posizioni politiche è l’idea che il tema dello sviluppo dei Nebrodi richieda , senza più tentennamenti, una soluzione di cambiamento e/o rottura. Ci riferiamo alla proposta, da Noi e da pochi altri oggi perorata ( tra cui alcune personalità socialiste ) di creare la Provincia Regionale dei Nebrodi. Ovvero noi crediamo che i tanti diversi temi non escluso anche quello appunto della Protezione Civile nel territorio e della messa in sicurezza del comprensorio nebroideo richiedano una soluzione coordinata e vocata. Tutto il resto le soluzioni parziali o comunque legate a diversi livelli di responsabilita’ o competenze rischiano di essere meri palliativi, poco più che “pannicelli caldi”, che servono al massimo a perpetuare un sistema di relazioni politico-burocratiche vigenti dove i gruppi, le cordate prevalgono sempre sull’interesse collettivo nebroideo e siciliano diluendo in troppi rivoli le responsabilità ed impedendone di fatto così l’accertamento. Chiarito ciò speriamo che seppure da ottiche diverse anche gli organizzatori della giornata di Tortorici possano giungere a conclusioni analoghe alle nostre e non limitare pur lecitamente l’occasione di lunedì ad una mera occasione di parte e/o partito”. http://siciliaindipendentefns.blogspot.com

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Impegni del ministro Renato Brunetta

Posted by fidest press agency su domenica, 9 Mag 2010

Milano 10 maggio 2010 ore   11,00 Università Bocconi – Aula Magna, Via Röntgen, 1 “Un anno di riforme per il settore pubblico” Intervengono  Il Ministro per la Pubblica Amministrazione e l’Innovazione Renato Brunetta Il Consigliere Delegato dell’Università Bocconi Bruno Pavesi Il Direttore della Scuola Universitaria Bocconi Giovanni Valotti  Premiazione del progetto vincitore del concorso “Dà voce alle tue idee” A seguire  Università Bocconi – Aula Magna, Via Röntgen, 1 Milano Il Ministro per la Pubblica Amministrazione e l’Innovazione Renato Brunetta, il Presidente di FormezItalia S.p.A Secondo Amalfitano e il Consigliere Delegato SDA Bocconi School of Management Bruno Pavesi firmano il Protocollo per l’individuazione di metodi e strumenti innovativi per la selezione e il reclutamento del personale delle pubbliche amministrazioni.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La mappa delle associazioni di Mestre e Venezia

Posted by fidest press agency su domenica, 9 Mag 2010

Mestre 10 maggio ore 10.30 Villa Settembrini, Via Carducci 32. Presentazione alla stampa della ricerca Capitale sociale e governo della città: il ruolo delle associazioni a Mestre e Venezia Quante sono le associazioni attive a Mestre e Venezia? Quante persone sono coinvolte?  E quante le risorse mobilitate? L’obiettivo della Fondazione è comprendere a fondo e decifrare il mondo dell’associazionismo veneziano. Attraverso cifre e tabelle verranno presentati i dati relativi alle risorse economiche mobilitate e al numero di persone impegnate nelle associazioni. La ricerca sarà presentata al pubblico giovedì 13 maggio alle ore 17.30 nell’auditorium di Villa Settembrini (via Carducci 32), nel corso di un convegno al quale parteciperanno: Giuliano Segre, presidente della Fondazione di Venezia, Sandro Simionato, vicesindaco di Venezia, Tiziana Agostini, assessore alle Attività culturali, Raffaele Speranzon assessore provinciale alla Cultura, Sandro Del Todesco,  direttore Politiche del Welfare del Comune e Roberto Ellero direttore attività e produzioni culturali del Comune. La ricerca arriva un anno dopo la presentazione di http://www.mapin.eu, la prima mappa georeferenziale dell’associazionismo cittadino, che ha censito oltre 900 associazioni tra Mestre e Venezia. Saranno inoltre presentate le nuove funzionalità di ricerca del sito.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Premio Webmaster siti cattolici

Posted by fidest press agency su domenica, 9 Mag 2010

Palermo 10 maggio 2010 – ore 19Salone “Beato Giacomo Alberione”Libreria Paoline – corso Vittorio Emanuele, 456 Al concorso organizzato dall’Ufficio Comunicazioni sociali dell’Arcidiocesi di Palermo diretto dal diac. Pino Grasso, nell’ambito del programma della Settimana della Comunicazione curata dalle Paoline e in collaborazione con Radio Spazio Noi, hanno partecipato 26 webmaster che curano siti parrocchiali e di associazioni cattoliche del territorio. Tra questi i responsabili del sito della Missione “Speranza e Carità”, fondata da Biagio Conte, delle suore del Bell’Amore fondate dal card. Salvatore Pappalardo, del Giornale telematico della Curia di Monreale diretto da mons. Vincenzo Noto e tanti altri parrocchiali.Ai primi tre classificati andranno una fotocamera digitale, un telefono cellulare e un lettore Mp4, mentre a tutti i concorrenti sarà consegnato un diploma di partecipazione. Premieranno il preside della facoltà teologica di Sicilia “San Giovanni Evangelista” prof. Rino La Delfa, il dr. Giovanni Silvestri, presidente dell’associazione WECA, Webmaster Cattolici Italiani e suor Fernanda Di Monte, responsabile animazione culturale Paoline.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Manconi: sul Ddl Alfano le bizzarre parole di Maroni

Posted by fidest press agency su domenica, 9 Mag 2010

Luigi Manconi, presidente di A Buon Diritto: “In una intervista, il ministro dell’Interno Roberto Maroni dice, in materia di immigrazione e di carcere, cose bizzarre e molto, ma molto approssimative. Afferma, ad esempio, di aver votato in Consiglio dei Ministri in favore del Ddl Alfano, un po’ perché  distratto e, poi, perché “sul principio della riabilitazione del condannato siamo tutti d’accordo”.  Riabilitazione che, palesemente, col Ddl Alfano, nulla ha a che fare. Afferma, quindi, che con le misure previste da quel Ddl alle attuali 3500 persone in detenzione domiciliare se ne aggiungerebbero 10500 per un totale di 14000. Un Ministro di polizia dovrebbe pur sapere che nel non lontanissimo 2005, durante il Governo Berlusconi i condannati che scontavano la pena in misure alternative al carcere erano poco meno di 50mila. E dovrebbe anche sapere che la detenzione domiciliare è né più né meno che detenzione: una modalità di esecuzione della pena estremamente efficace sotto il profilo della sicurezza collettiva. Un solo dato: nel corso dell’anno 2009 la recidiva a opera di quanti si trovavano in misure alternative è stata dello 0,35%. Ovvero meno di quattro persone su mille hanno commesso nuovi reati.”

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Anniversario assassinio Aldo Moro

Posted by fidest press agency su domenica, 9 Mag 2010

«Aldo Moro è stato uno dei più grandi statisti che il nostro Paese ha avuto, un politico con una straordinaria visione politica e sociale e con una grande passione civile. Pagò con la vita il suo essere tra i costruttori della democrazia moderna e il suo sacrificio provocò quella reazione morale che permise all’Italia di uscire dagli anni bui del terrorismo. Il suo omicidio rappresentò il culmine dell’attacco brigatista al cuore dello Stato portato da chi tentava di spezzare la politica del dialogo attorno a cui Moro per primo stava lavorando. Dobbiamo ricordare sempre quei giorni drammatici perché la minaccia terroristica, in forme diverse, si può manifestare anche oggi». Lo dice il sindaco di Roma, Gianni Alemanno, in occasione del 32esimo anniversario dell’assassinio di Aldo Moro.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Parliamo di cellulite…

Posted by fidest press agency su domenica, 9 Mag 2010

Roma Cavalieri dal 7 al nove maggio 2010 via Cadiolo 101 XXXI°congresso nazionale dei medici estetici. Incominciamo con il dire che il “grasso in eccesso” può avere due distinti aspetti. L’uno è l’adiposità localizzata e un’altra è la pannicolopatia edemato-fibrosclerotica (PEFS), come si definisce scientificamente la cosiddetta ‘cellulite’. E’ determinata da un’alterazione del microcircolo e dai processi degenerativi che ne conseguono, secondo stadi evolutivi (dall’ 1 al 4). Particolarmente predisposte sono le donne con familiarità per insufficienza veno-linfatica; la razza bianca è più esposta delle altre.
Si tratta di due condizioni diverse anche se molto spesso presenti nello stesso paziente. L’adiposità organizzata, a sua volta, è quasi un carattere sessuale secondario femminile che vede l’adipe localizzarsi in alcuni distretti specifici, come la regione trocantere della donna. Nell’adiposità distrettuale, il grasso si deposita in alcune zone ben precise; l’intervento chirurgico di liposuzione può essere in questo caso risolutivo.  Queste due situazioni si diagnosticano facendo una buona anamnesi, con l’esame obiettivo e con un ecografia dell’ipoderma. L’ecografia consente  di distinguere l’ adiposità distrettuale dalla PEFS in uno dei vari stadi evolutivi. Questo ci permette di muoverci in una condizione piuttosto che in un’altra.  Ci sono dei fattori che favoriscono la PEFS, quali le alterazioni posturali, una serie di abitudini scorrette (portare le scarpe troppo alte, portare pantaloni stretti); la stipsi che contribuisce ad alterare il ritorno venoso; errori alimentari (es. un’eccessiva assunzione di sodio), bere alcolici, fumare, aumentare e scendere di peso, le gravidanze. Sono tutte condizioni che favoriscono e aggravano la stasi veno-linfatica e quindi favoriscono ancora di più l’evoluzione verso gradi di PEFS di maggior gravità. Al contrario l’adiposità distrettuale non ne viene influenzata. E’ ovvio, quindi, che queste situazioni vadano affrontate in modo diverso. Nel caso dell’adiposità distrettuale valida e risolutiva è la soluzione chirurgica. Ma ci sono pazienti che preferiscono le metodiche non invasive. Sono tornati di moda dopo un periodo di silenzio tutti i trattamenti a base di ultrasuoni, la cosiddetta cavitazione. Va detto però che allo stato attuale ancora non si dispone di studi scientifici seri in questo campo, che documentino che l’utilizzo di ultrasuoni, anche a bassa frequenza come quelli di ultima generazione, siano realmente utili nel trattamento dell’adiposità distrettuale. Se applico una corrente sulla superficie dello strato adiposo creo, soprattutto se lo infiltro con soluzione fisiologica, facendo cioè la cavitazione con idrolipoclasia, vado a frantumare il tessuto adiposo. Non è ancora chiaro però se questa ‘frantumazione’ possa andare a far danno anche altrove, al di là del tessuto adiposo. Anzi. Questa tecnica non va utilizzata in modo erroneo sull’addome, perché può causare emorragie interne o emorragie uterine. Va fatta da mani esperte, senza improvvisazioni. E’ più che mai necessaria una regolamentazione che sembra purtroppo di là da venire. Si tratta di una tecnica potenzialmente pericolosa.  Gli ultrasuoni sono onde sonore, in questo casa di bassa frequenza (prima si usavano da 1 a 3 Mhz, mentre adesso si usano quelle a più bassa frequenza). La cavitazione è l’effetto provocato dall’onda ultrasonora applicata sui tessuti biologici.  L’infiltrazione di soluzione fisiologica, amplifica l’azione degli ultrasuoni, determinando la ‘rottura’ del tessuto adiposo. Se si utilizza solo l’onda sonora, si ottiene comunque un effetto di cavitazione però molto ridotto rispetto a quello che si può ottenere con il liquido introdotto nella zona da trattare. Le metodiche cercano di essere il meno aggressive possibile perché questo è ciò  che chiede il mercato. Le persone non vogliono tecniche dolorose e quindi la cavitazione con ultrasuoni, può essere per molte preferibile all’idrolipoclasia ultrasonica, anche se meno efficace. La radiofrequenza è un’onda radio che non riscalda la superficie ma il tessuto sottocutaneo; questo determina un’alterazione del tessuto creando una sorta di fibrosi, una contrazione del tessuto che diventa più compatto; questo dovrebbe associare alla riduzione del tessuto anche una maggiore azione tonificante e un ripristino dell’elasticità cutanea. In cosa consiste l’elettrolipolisi associata a mesoterapia? Si tratta della ripresa di una vecchia metodica utilizzata negli anni ‘80. In questo caso di tratta dell’applicazione di onde elettriche per “distruggere” lo strato adiposo. Si tratta di una metodica abbastanza invasiva e dolorosa in quanto fa uso di aghi e onde elettriche.  Nel caso della mesoterapia, che è sempre un evergreen per questa condizione, vengono presentate nuovi principi attivi? Sostanze nuove non ci sono ma stanno venendo alla ribalta le cure omeopatiche. E infine c’è la carbossiterapia… La usiamo da oltre vent’anni, ma all’inizio era vista come una cosa assurda. Oggi sta finalmente prendendo piede, anche se la carbossidoterapia è abbastanza dolorosa; per questo se ne sono in parte appropriati chirurghi plastici, che le propongono magari alla fine di un altro trattamento, dopo aver fatto la liposuzione, o le utilizza su aree di adiposità localizzata che sono rimaste e che non è necessario trattare chirurgicamente. C’è poi l’Ultra-Shape Contour.  Questa macchina, utilizzata da qualche anno, dovrebbe sostituire il trattamento chirurgico dell’adiposità localizzata; emette degli ultrasuoni che focalizzati (più ‘concentrati’ rispetto alle macchine che emettono ultrasuoni) che raggiungono il tessuto adiposo e frantumano le cellule adipose. Il manipolo dell’Ultra Shape, rispetto al manipolo degli ultrasuoni effettua contemporaneamente anche una sorta di massaggio.  E a proposito di massaggi, “per combattere la cellulite ci sono anche le tecniche del massaggio microalveolare, dall’Endermologie alla vibrator stimulation. Vi sono, ovviamente, anche le creme, ma sia chiaro da sole non possono risolvere i problemi, ma possono senz’altro migliorare la superficie cutanea. Inoltre permettono alle persone di avere un contatto con il proprio corpo, con la propria fisicità”.qui,

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

“Il labirinto”

Posted by fidest press agency su domenica, 9 Mag 2010

Roma  15 maggio 2010  Teatro Biblioteca del Quarticciolo Via Ostuni, 8  Evento promosso dal Municipio Roma VII con Irene Faccio, Giorgia Furbetta, Giorgia Guerra, Nicola Liberato, Gildo Marciante, Giordana Morandini, Brunella Petrini, Alessio Rizzitello, Giuseppe Vitolo con la partecipazione di Giuseppe Luciani  e con il contributo dei richiedenti asilo del Centro di Prima Accoglienza di Via della Riserva Nuova  Riduzione e adattamento: Isabella Moroni Musiche: Oscar Bonelli e Kalipada Adikhary Progetto Scenografico: Marco Berrettoni Carrara Décor: Brunella Petrini  Il progetto è stato realizzato in collaborazione con il  Centro Culturale Polivalente Giorgio Morandi Municipio Roma VII.   La storia di Arianna, Teseo e Minosse, del labirinto e del Minotauro ha affascinato molteplici autori ed ognuno di loro ha inventato un’immagine di labirinti che si affianca o si sovrappone a quella degli altri creando un gioco di specchi, una complessità della parola e del gesto. In ogni labirinto è racchiuso un Minotauro. Un essere diverso. Un essere che è il prodotto e l’essenza della stessa civiltà: una presenza ancestrale, ingombrante, un simbolo di cui si è -in qualche modo- schiavi,  e che si deve nascondere e tutelare, dimenticare e conservare.  Ed ogni Labirinto, per esistere, ha bisogno di un Teseo. Di un eroe che ne scardini il senso e conduca la civiltà ad un nuovo stadio, ad una rigenerazione.   Questi labirinti con i loro simboli verranno proposti provocatoriamente nel cuore del mito, si intrecceranno o si sovrapporranno all’immaginario romantico di Asterione, Arianna e  Teseo per offrirci uno spunto in più di riflessione: quella sulla nostra stessa diversità.La collaborazione tra  parola e musica crea una sinergia che esalta la drammaticità del testo e lo rende estremamente fruibile grazie alle suggestioni ed alle emozioni evocate dai misteriosi strumenti che provengono dalla tradizione sciamanica, dal Tibet, dall’India e dalle tribù aborigene dell’Australia. (labirinto)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Nothing to lose” art-show

Posted by fidest press agency su domenica, 9 Mag 2010

Milano Via Assab 1, “Nothing To Lose” art-showBiokip Gallery presenta: “Nothing to lose” art-show Maggio 2010 @ s.e. Assab One  L’insoddisfazione, l’ansia ed il malcontento che ci tengono compagnia oggi, figli dell’incertezza come unica certezza, non sono poi così diversi da quelli che hanno portato i giovani di un paio di generazioni fa a “fare il ‘68”.  In fondo, il mondo che si cercava di ri-costruire nel ’68 era basato su ideali e valori così solidi da rasentare l’utopico ma, a piantargli gli occhi dritti negli occhi a quel mondo ora, si fissa una realtà in cui davvero pochi se la cavano. Gli squali hanno ancora più fame di prima, il numero di pesci piccoli cresce giorno su giorno (come la sfiducia nel sistema); forse forse qualcosa è andato storto, e in più ci si aiuta di meno, ci si conosce di meno, ci si sorride di meno. Insomma, l’attuale situazione sociale sembra un flash-back del ’68: essere è avere, volere il potere, l’infinito finito di un trito dovere. I giovani del ’68 assomigliano ai giovani d’oggi, invischiati tra nepotismi, spintarelle, raccomandazioni e favoritismi vari, ma decisi e pronti a muoversi per cambiare le cose, che così non va, che così non si può.  Lo scopo della Biokip Gallery è di incanalare questo fermento così energico (senza prediche e sofismi, ma con ironia e complicità) nella retta via, quella scomoda e difficile, ma l’unica coerente e costruttiva.   La nuova esposizione della Biokip Gallery “Nothing To Lose” non vuole essere una vuota critica contro chi “ha fatto il ‘68”, né vuole generalizzare o banalizzare la generazione in questione. La coerenza, l’impegno, la voglia di fare-cambiare, l’energia creativa di certe persone (quelle che davvero “hanno fatto il ’68, protagoniste di rivoluzioni umane e culturali) sono solo da rispettare e da ammirare.   Piuttosto, ”Nothing To Lose” sarà una sorta di déjà vu creativo, un sogno rivelatore, oppure una “post eventum”, ma soprattutto l’invito, a tutti i giovani e non, di prendere solo il meglio del ’68 (che di buono ce n’è stato) per non ricommettere gli errori di ieri, così che oggi si possa sul serio cambiare il domani. In fin dei conti, sarà un inno alla speranza, una speranza ribelle e rumorosa, una speranza che non s’aspetta le cose cambino da sole, ma una speranza che s’ingegna in prima linea per (cercare di) migliorare la società in cui viviamo.
Il linguaggio artistico proprio della Biokip Gallery è una fusione di tecniche e stili differenti che crea un’innovativa armonia creativa. Artisti, grafici, illustratori e street-artist, fotografi e video-maker dai più disparati retroterra culturali lavorano fianco a fianco, mentre le tecniche di ognuno compensano e completano quelle dell’altro. Il risultato è un “satura lanx” artistico che parla con la voce di video installazioni interattive, papercut, effetti sonori in surround, parole, immagini ed installazioni di altri vari generi. (foto2)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“U.T. Gandhi – diario di un’autodidatta”

Posted by fidest press agency su domenica, 9 Mag 2010

Artegna 14 maggio, alle 20.30,  presentazione del libro “U.T. Gandhi – diario di un’autodidatta” Al via l’edizione 2010 della rassegna “Seres di Mai”, iniziativa organizzata dall’associazione “Amici del Teatro” di Artegna e giunta alla 14ma edizione.  Contenitore culturale che ogni anno offre al pubblico eventi di grande respiro valorizzando produzioni, artisti e interpreti friulani di diversi generi, dimostrando una particolare sensibilità  per le radici, la storia, la tradizione e il patrimonio del territorio, “Seres di Mai” propone tre appuntamenti (con alcune proposte inedite) tra musica, teatro e multimedialità. Linguaggi diversi, che attraverso le loro espressioni, interpreteranno il tema di fondo di questa edizione: l’uomo e il suo incontro con se stesso, con gli altri, con Dio. Questo sarà, infatti, il filo conduttore delle serate in programma al Nuovo Teatro Monsignor Lavaroni (piazza Marnico 20, Artegna), realizzate con il sostegno della Provincia di Udine, il patrocinio dell’Ert (Ente regionale teatrale del Fvg) e il supporto degli sponsor: Iob Silvano & C., Eurotech e Cignini arredamenti. Oggi (martedì 4 maggio), nella sede dell’Ert Fvg, a Udine, la presentazione ufficiale del cartellone da parte del presidente degli “Amici del Teatro” Mauro Facini, dell’assessore alla cultura del comune di Artegna, Giuseppina Cozzutti e Renato Manzoni, direttore dell’Ert Fvg, il circuito teatrale regionale del quale fa parte la struttura arteniese e l’associazione Amici del Teatro che ne gestisce l’attività con risultati lusinghieri, specie per quel che riguarda il coinvolgimento dei giovani e del territorio. Alla presentazione sono intervenuti anche il maestro Cristiano Dell’Oste (per il Coro Fvg), Antonella Maurizio e Maria Rosa Loffreda per il secondo e terzo spettacolo in programma. (big band)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il baratto di Giovanna Querci Favini

Posted by fidest press agency su domenica, 9 Mag 2010

E’ uscito l’attesissimo libro della raffinata scrittrice fiorentina Giovanna Querci Favini. “Il Baratto”, ed. Marsilio,  è un libro avvincente, solido nell’impianto morale, nel disegno narrativo, nella scelta di un linguaggio nitido e concreto, ricco di imprevedibili invenzioni, di sorprendenti pregnanze.  Chi legge questo romanzo rimane rapito dal susseguirsi degli avvenimenti e dalla straordinaria vena narrativa che da sempre contraddistingue questa prodigiosa  scrittrice, che è nata e vive a Firenze, dove per molti anni è stata docente universitaria. La  protagonista è una donna che potrebbe essere il prototipo dei desideri di ogni donna della nostra epoca: la sua massima realizzazione è nel lavoro. È nata da una famiglia benestante e si è sposata con un ricco imprenditore, ha due figli, una bella casa, insomma tutto quello che una donna può desiderare, ma soprattutto il suo lavoro le riempie la vita molto più dell’amore per suo marito che è ormai diventato una tenera amicizia resa appena un po’ diversa da qualche incontro sotto le lenzuola, con l’impressione di rubare del tempo al sonno di entrambi sottraendo energie ai rispettivi lavori. Ghita è una docente universitaria di psichiatria, aiuto del primario, e ha con lui una sorta di amicizia che a volte sembra voler essere molto di più. Le sue malate, e lei se ne rende conto, sono più importanti del marito, dei figli, del posto prestigioso che occupa nella società della buona borghesia a cui è sempre appartenuta. Ghita è convinta di non aver mai voluto o desiderato niente di diverso; in fondo, è certa di non aver mai amato. Ed è felice che sia così. Ma in un monotono pomeriggio di Pasqua qualcosa di assurdo, qualcosa di inverosimile, come inverosimili sono gli scherzi dell’inconscio, le cambierà la vita. Due sono le domande che Ghita e il lettore si pongono attraverso questa storia: da dove viene il Male? E si può vendere l’anima al diavolo per rivivere il momento più orribile del nostro passato? (giovanna, il baratto)

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il turismo in crisi non tocca Roma

Posted by fidest press agency su domenica, 9 Mag 2010

«Roma chiude il 2009 con un -1.3 %, a fronte di importanti perdite delle altre Capitali europee: -9 di Londra,  -8 di Parigi,  -16 di Vienna, oltre che rispetto alle altre città d’arte italiane. Il risultato lievemente negativo del 2009 è dovuto soprattutto al primo quadrimestre dell’anno, ampiamente recuperato nei restanti otto mesi, fino al raggiungimento del sostanziale pareggio. Il fatto straordinario che va registrato è che nel primo quadrimestre 2010 Roma guadagna un +5/6 % conclamando la fine della crisi ed il consolidamento della ripresa, con un picco eccezionale, nel periodo di Pasqua del +9.2% – spiega il Vicesindaco che ieri ha presentato lo stato di avanzamento dei lavori del Secondo Polo turistico della Capitale in un workshop all’Università Luiss insieme con le università Luiss, Tor Vergata e Sapienza. –  Come tutte le società di ricerca internazionali certificano, Roma rimane la meta più desiderata al mondo. Anche secondo Trivago.fr, il portale leader in Europa per la comparazione dei prezzi degli hotel, i francesi sceglieranno Roma come meta nel weekend dell’Ascensione (13-16 maggio). Sta crescendo la domanda turistica sia dall’Europa, come la Francia, sia da paesi più lontani come il Giappone o gli Stati Uniti – ha aggiunto Cutrufo – Roma si conferma meta ambita non solo per le vacanze, anche sulle pagine della stampa estera. Keith Miller nel suo articolo sul quotidiano inglese “Daily Telegraph” scrive che, se potesse, sceglierebbe proprio la città eterna come luogo in cui vivere perché, per mille motivi diversi è semplicemente perfetta. E’ evidente che anche la nostra politica di marketing internazionale – ha concluso Cutrufo –  in questi 22 mesi ha dato i suoi frutti».

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Gli alimenti più odiati dagli italiani

Posted by fidest press agency su domenica, 9 Mag 2010

Le persone hanno indicato un alimento che non avrebbero assolutamente voluto nella loro dieta, e i risultati hanno visto prevalere, in questa classifica al negativo, i molluschi, poco graditi da quasi il 10%  degli italiani. Brutti tempi anche per il passato di verdure: il 9,2% ha eliminato dalla lista degli ingredienti il minestrone. Ma sono le verdure in genere a non riscuotere proprio le simpatie dei consumatori: oltre alla minestra di verdure, gli italiani non vogliono vedere in tavola le verdure lesse (7%) o le verdure grigliate o in padella (4,3%): complessivamente, un italiano su cinque esclude in modo categorico dal proprio menù qualcosa che abbia a che fare con le verdure. Per fortuna, l’insalata va meglio (è esclusa solo dall’1,8%). Il pesce è poco apprezzato dal 5,6% e i legumi non vengono in alcun modo consumati dal 4,8%. Il latte (ma si sa, qui non è una semplice questione di gusto: c’è chi ha un’intolleranza vera) viene escluso dal 5,2%, e lo yogurt dal 4%. Stessa percentuale (4%) di chi non mangia mai (o forse non digerisce proprio) le uova.  Ma ecco i più amati, a cominciare dagli affettati (non sopportati solo dal 3,9%), i formaggi (nella black list solo per il 2,9%) e le carni bianche (2,4%), per arrivare alla pasta (solo l’1% dice no), il riso, il pane e la frutta, alimenti consumati da più del 99% degli italiani.  Ecco infine come è composto il campione di 10.000 utenti che hanno richiesto una dieta personalizzata, con lo specifico scopo di perdere peso  (95% degli utenti) o di aumentarlo (5% degli utenti). Mediamente, il campione si considera in sovrappeso di 10 kg. Il 26% delle diete richieste sono finalizzate a perdere fino a 4 kg, il 37% tra 4 e 8 kg, il 23% tra 8 e 13 kg.  Solo il 14% degli utenti si considera in un sovrappeso superiore ai 13 kg. La maggioranza degli utenti registrati è nella fascia di età tra i 35 e i 49 anni (74%) mentre solo l’8% degli iscritti ha più di 50 anni e il 17% è nella fascia di età tra i 12 e i 20 anni.  Il sito http://www.melarossa.it,  realizzato con la supervisione scientifica della Società Italiana di Scienza dell’Alimentazione, è in grado di elaborare diete con un data base di 435 diverse diete settimanali, per un totale di 3045 menù giornalieri, sulla base delle indicazioni fornite dai LARN (Livelli di assunzione Raccomandata di Energia e Nutrienti per la Popolazione Italiana, prodotto dall’Istituto Nazionale di Ricerca su Alimenti e Nutrizione, in collaborazione con la Società di Nutrizione Umana), dando quindi anche una adeguata rilevanza alla qualità degli acidi grassi (limitando l’apporto di acidi grassi saturi) e del rapporto tra proteine animali e vegetali. Ogni singola giornata presenta una dieta equilibrata nell’apporto dei macronutrienti (carboidrati grassi e proteine) e fornisce un corretto apporto di tutti i principali micronutrienti (vitamine idrosolubili, liposolubili e sali minerali).

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Nuovi deputati al parlamento europeo

Posted by fidest press agency su domenica, 9 Mag 2010

Il Parlamento ha espresso il proprio sostegno a una modifica del Trattato di Lisbona che consente a 18 nuovi membri del Parlamento europeo di aggiungersi in corso di legislatura. Per discutere la modifica del trattato non è stato ritenuto necessario convocare una Convenzione. All’Italia toccherà dunque un seggio aggiuntivo. Le ultime elezioni europee, tenutesi in base al trattato di Nizza, prevedevano 736 deputati. Con l’entrata in vigore il 1° dicembre 2009 del nuovo trattato di Lisbona sono ora previsti 751 deputati e, quindi, il loro numero deve essere aumentato.  Nel corso del dibattito, il relatore Íñigo Méndez de Vigo (PPE, ES) ha dichiarato che si tratta “del risultato politico dell’attuazione del Trattato di Lisbona, una soluzione temporanea eccezionale, che avrà effetto solo nel corso della presente legislatura”.  L’assegnazione dei nuovi seggi era stata decisa nel corso dei negoziati del Trattato di Lisbona. Dodici paesi potranno inviare nuovi deputati a Bruxelles e a Strasburgo: la Spagna avrà quattro nuovi seggi, Austria, Francia e Svezia ne avranno due, mentre Bulgaria, Italia, Lettonia, Malta, Paesi Bassi, Polonia, Slovenia e Regno Unito ne avranno uno in più.  L’unico paese che vedrà diminuito il numero dei suoi deputati sulla base del nuovo trattato è la Germania, che perde così tre seggi, passando da 99 a 96. Poiché gli attuali 99 deputati tedeschi proseguiranno nel loro mandato fino al termine di questa legislatura, il numero di deputati sarà temporaneamente aumentato a 754. Ma per rendere possibile questo temporaneo aumento è necessaria una modifica del Trattato.  Il Consiglio ha quindi presentato una proposta di modifica e ha consultato il Parlamento, che ora ha approvato la proposta. La modifica al Trattato dovrà ancora essere ratificata da tutti i 27 Stati membri. Nel frattempo, i 18 nuovi deputati potrebbero essere invitati in qualità di osservatori, ma per ora il Parlamento non ha stabilità uno scadenzario.  Il Parlamento ha inoltre approvato la raccomandazione del Consiglio di non convocare una Convenzione per ufficializzare le modifiche del trattato. La convocazione di una Convenzione è una possibilità prevista dal trattato di Lisbona, e il consenso del Parlamento è necessario per eventuali modifiche del trattato che si attuano senza una Convenzione.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

L’economia fiorentina in mezzo al guado

Posted by fidest press agency su domenica, 9 Mag 2010

A livello mondiale, la crisi dovrebbe essere ormai alle spalle, lasciando spazio ad un recupero graduale della domanda e della produzione industriale: i dati dell’economia mondiale per il 2009 indicano che è in atto una fase di recupero dell’economia internazionale, debole ed “accidentata”, ma soprattutto differenziata e disomogenea tra le diverse aree geografiche: infatti, i paesi asiatici emergenti mostrano un trend espansivo più marcato, in Europa la crescita appare più lenta e discontinua, e negli Stati Uniti la ripresa sembra affermarsi a ritmi più sostenuti che in Europa. Nel 2009 il prodotto interno lordo mondiale – in base alle stime del Fondo Monetario Internazionale – risulta diminuito dello 0,6%. Per il biennio 2010-2011 le previsioni ufficiali preconizzano una crescita in graduale miglioramento: il FMI nel World Economic Outlook di aprile ha rivisto al rialzo la crescita economica per il 2010 indicando un +4,2 %, di 0,3 punti rispetto alle precedenti stime di gennaio 2010; per il prossimo anno l’incremento del prodotto mondiale dovrebbe consolidarsi su un valore pari al +4,3%, anche se l’orizzonte rimane incerto. La dinamica dell’interscambio commerciale mondiale di beni e servizi ha subito nel 2009 una drastica battuta d’arresto, con una contrazione del 10,7%; nel 2010 si dovrebbero avere cospicui segnali di ripresa con un aumento del 7%.  Nei paesi dell’Area euro la debolezza della ripresa economica in atto è anche legata alla persistente fragilità dei conti pubblici di alcuni paesi ed alla contestuale difficoltà del settore bancario, che si riflettono inevitabilmente sull’andamento dell’economia reale. A tali criticità si aggiunge anche il deterioramento che si è verificato sui mercati del lavoro dei singoli paesi, con inevitabili riflessi sull’andamento della domanda interna. In questo contesto, è auspicabile la messa in campo di strategie politiche condivise, finalizzate al rilancio della crescita, allo sviluppo del mercato e della domanda interna dei singoli paesi: le leve potrebbero essere rappresentate dal rilancio e dal sostegno dei consumi, unitamente al potenziamento dei servizi avanzati e delle interazioni fra ricerca, innovazione e industria, rendendo l’uscita dalla crisi strumentale al rafforzamento del processo di integrazione europea.In Italia il prodotto interno lordo è  calato ad un tasso medio del 5%, analogamente a quanto si è verificato in Germania (-5%) e in Inghilterra (-5%) ma facendo peggio di Spagna (-3,6%) e Francia (-2,2%). In termini di confronto emerge anche la forte diminuzione delle esportazioni (-19,1%) rispetto alla media dell’Area euro (-11,1%) e un sostegno derivante dalla spesa pubblica maggiormente contenuto (+0,6%; Area euro +2,2%).

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Centro culturale francese: Conferenze a maggio

Posted by fidest press agency su domenica, 9 Mag 2010

Roma Largo Toniolo 21-22 Centro culturale San Luigi di Francia (Ambasciata di Francia presso la Santa Sede). Conferenze  a maggio – ingresso libero, in lingua francese
lunedì 17 maggio ore 18 – Fucilateli tutti! La prima fase della Shoah raccontata dai testimoni Patrick Desbois – Direttore del Service national dei vescovi di Francia per le relazioni con l’ebraismo.1941 : gli Einsatzgruppen nazisti entrano dell’URSS, circondano i villaggi e uccidono molti ebrei, sepolti in fosse comuni.  giugno 2002 : Padre Patrick Desbois segue le tracce di questa Shoah sino a quel momento ignorata. Raccoglie diverse prove di questo genocidio di migliaia di persone, affinché le vittime possano avere degna sepoltura.
mercoledì 19 maggio ore 18 all’Ambasciata di Francia presso la Santa Sede, via Piave 23: Vatican ii, hier et aujourd’hui Card. Georges Cottier – teologo emerito della Casa Pontificia Christoph Theobald, s.j. – teologo, direttore e caporedattore della rivista  Recherches de Science Religieuse in occasione del centenario della rivista Moderatori: Dominique Greiner, a.a. – capo redattore religioso di La Croix ;  Pierre de Charentenay, s.j. – capo redattore di Etudes Dibattito organizzato dal quotidiano La Croix e la rivista Etudes iscrizione obbligatoria 064203 0925-0953 (dalle ore 9 alle ore 13) entro il 12 maggio
giovedì 20 maggio ore 18 – Come raccontare di Gesu nella scuola laica Dominique Borne – Presidente del consiglio di direzione dell’ IESR (Istituto europeo delle scienze religiose) – dirige la collana récits primordiaux presso la Documentation française. I racconti della vita di Gesù appartengono a tutti noi. Come trasmettere questo patrimonio dell’umanità ? A scuola bisogna raccontare Gesù così come ci appare nei testi sacri e non, così come ci è stato raccontato da ormai duemila anni fra storia e simbologia.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Auto elettriche: standardizzazione essenziale

Posted by fidest press agency su domenica, 9 Mag 2010

Secondo la risoluzione approvata dal Parlamento europeo, la standardizzazione dei sistemi di ricarica delle auto elettriche costituisce un passo essenziale per la creazione di un mercato unico europeo per tali veicoli. Inoltre, i deputati chiedono che l’Unione sostenga l’innovazione e la ricerca sulle tecnologie necessarie per lo sviluppo del settore.  I veicoli elettrici e gli ibridi ricaricabili (plug-in) risultano un’opzione importante per la strategia di riduzione delle emissioni di CO2, contribuendo così alle priorità di “Europa 2020” per la promozione di un’economia più efficiente sotto il profilo delle risorse.  La risoluzione approvata dal Parlamento sostiene la proposta di stabilire uno standard europeo per il 2011 per la ricarica delle auto elettriche, a garanzia dell’interoperabilità delle infrastrutture e chiede quindi alla Commissione di puntare su standard globali ogni volta che se ne presenti l’occasione. I deputati auspicano anche la standardizzazione a livello internazionale, o almeno europeo, delle infrastrutture e delle tecnologie di ricarica, un sostegno alla ricerca e all’innovazione delle batterie, il miglioramento delle reti elettriche grazie all’introduzione di reti intelligenti e un coordinamento delle misure di sostegno per assicurare la competitività del settore.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »