Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 344

Nuovi deputati al parlamento europeo

Posted by fidest press agency su domenica, 9 Mag 2010

Il Parlamento ha espresso il proprio sostegno a una modifica del Trattato di Lisbona che consente a 18 nuovi membri del Parlamento europeo di aggiungersi in corso di legislatura. Per discutere la modifica del trattato non è stato ritenuto necessario convocare una Convenzione. All’Italia toccherà dunque un seggio aggiuntivo. Le ultime elezioni europee, tenutesi in base al trattato di Nizza, prevedevano 736 deputati. Con l’entrata in vigore il 1° dicembre 2009 del nuovo trattato di Lisbona sono ora previsti 751 deputati e, quindi, il loro numero deve essere aumentato.  Nel corso del dibattito, il relatore Íñigo Méndez de Vigo (PPE, ES) ha dichiarato che si tratta “del risultato politico dell’attuazione del Trattato di Lisbona, una soluzione temporanea eccezionale, che avrà effetto solo nel corso della presente legislatura”.  L’assegnazione dei nuovi seggi era stata decisa nel corso dei negoziati del Trattato di Lisbona. Dodici paesi potranno inviare nuovi deputati a Bruxelles e a Strasburgo: la Spagna avrà quattro nuovi seggi, Austria, Francia e Svezia ne avranno due, mentre Bulgaria, Italia, Lettonia, Malta, Paesi Bassi, Polonia, Slovenia e Regno Unito ne avranno uno in più.  L’unico paese che vedrà diminuito il numero dei suoi deputati sulla base del nuovo trattato è la Germania, che perde così tre seggi, passando da 99 a 96. Poiché gli attuali 99 deputati tedeschi proseguiranno nel loro mandato fino al termine di questa legislatura, il numero di deputati sarà temporaneamente aumentato a 754. Ma per rendere possibile questo temporaneo aumento è necessaria una modifica del Trattato.  Il Consiglio ha quindi presentato una proposta di modifica e ha consultato il Parlamento, che ora ha approvato la proposta. La modifica al Trattato dovrà ancora essere ratificata da tutti i 27 Stati membri. Nel frattempo, i 18 nuovi deputati potrebbero essere invitati in qualità di osservatori, ma per ora il Parlamento non ha stabilità uno scadenzario.  Il Parlamento ha inoltre approvato la raccomandazione del Consiglio di non convocare una Convenzione per ufficializzare le modifiche del trattato. La convocazione di una Convenzione è una possibilità prevista dal trattato di Lisbona, e il consenso del Parlamento è necessario per eventuali modifiche del trattato che si attuano senza una Convenzione.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: