Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 34 n° 25

Autovie venete: tamponamenti a catena

Posted by fidest press agency su venerdì, 14 Maggio 2010

Centrale radio operativa e ausiliari al traffico di Autovie Venete mobilitati dalle sette e trenta del mattino a causa di una serie di tamponamenti che hanno richiesto la chiusura dell’autostrada A4 e l’attivazione del by pass verso la A28, in entrambe le direzioni di marcia. Il primo incidente si è verificato alle 7 e 18 del mattino tra San Donà di Piace e il bivio con la A57 tangenziale di Mestre. Un maxi tamponamento causato probabilmente dalla nebbia piuttosto fitta che gravava nella zona. Cinquantotto, complessivamente i veicoli coinvolti fra mezzi pesanti, auto e pulman. Venticinque i feriti di cui due gravi. Alle 7 e 30 l’autostrada è stata chiusa con uscita obbligatoria prima a San Donà di Piave e successivamente, alle 8,45 a Portogruaro. Inevitabili le code, da Cessalto al bivio con la A57. Dieci minuti dopo il primo sinistro, sulla carreggiata opposta in direzione Trieste, i rallentamenti dei curiosi hanno provocato un altro tamponamento con  una decina di feriti lievi. L’evento, oltre a causare una coda immediata (il venerdì è una delle giornate con maggior traffico fin dal mattino presto) ha innescato una serie di ulteriori micro incidenti, uno dei quali in particolare ha contribuito a rendere la situazione più critica: un mezzo pesante, tamponato, ha perso il carico di plastica che trasportava ostruendo la carreggiata e richiedendo un ulteriore rinforzo di soccorsi per liberarla. Chiusa l’autostrada anche in direzione Trieste e code di 14 chilometri. Per far defluire il traffico, di concerto con Cav che gestisce il passante e con la Polstrada, è stato attivato il bypass verso l’A28 e la A27, indirizzando i mezzi in uscita verso Sacile Est facendoli poi proseguire in direzione Conegliano e poi rientrare sul Passante. L’autostrada è stata riaperta tra le 11 e le 11,30 prima in direzione Trieste e poco dopo in direzione Venezia. Tutti fuori gli uomini di Autovie Venete, dagli ausiliari al traffico, al personale della manutenzione e dei caselli, che hanno permesso di smaltire le code rapidamente. Alle 12,30, infatti, la situazione era tornata alla normalità. “Un lavoro egregio – è il commento del presidente di Autovie Giorgio Santuz – svolto con la consueta professionalità. Ci tengo a sottolineare l’organizzazione, la sinergia e il coordinamento che hanno caratterizzato gli interventi, confermando che il sistema operativo di Autovie è una macchina perfetta”. Un apprezzamento particolare il presidente Santuz lo rivolge anche a tutte le forze dell’ordine, ai vigili del fuoco e al personale sanitario “il cui ruolo è fondamentale in questi casi”. Secondo Santuz, la critica situazione di oggi ha permesso di verificare ancora una volta, se mai ce ne fosse bisogno, le capacità della Concessionaria nel gestire le emergenze (“riaprire l’autostrada in poco più di tre ore – ribadisce – a fronte di un sinistro con oltre 50 veicoli coinvolti non è cosa di poco conto) e l’importanza della A28 come valvola di sfogo.  “Per questo – conclude – ci siamo impegnati per portare a compimento i lavori il prima possibile e credo di poter dire, condizioni metereologi permettendo, che ce l’abbiamo fatta”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: