Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 34 n° 349

“Book in progress”

Posted by fidest press agency su domenica, 16 Maggio 2010

La spesa dei libri di testo è stata oggetto nei vari anni dalla fissazione, da parte del Ministero, di un  tetto di spesa sia per le scuole secondarie di I e di II grado. Nel 2010 Adiconsum ha sollecitato più volte il Ministro a confermare i tetti precedenti, ma nessuna decisione in merito è stata presa fino ad oggi. I tetti precedenti prevedevano una spesa per i libri di testo di 287 euro per la I media, di 111 per la II, e di 127 per la III. Inoltre per le secondarie di II grado, i tetti oscillavano da 240 a 320 euro per il 1° anno a seconda dell’indirizzo prescelto. Tetti che tuttavia erano ampiamente elusi dalle scuole.Una ricerca Adiconsum svolta lo scorso anno evidenziava che il 50% delle scuole secondarie di I grado aveva superato il tetto di spesa con uno sforamento dal 10 al 30%.Il costo dei libri di testo incide sui bilanci delle famiglie per le secondarie di II grado dai 300 euro per il 1° anno ai quasi 200 euro per il 5° anno. Oltre ai libri di testo inseriti nei tetti di spesa vanno aggiunti anche i costi per i libri c.d. “consigliati”, che  in realtà sono invece indispensabili  come ad es. gli eserciziari. Alla spesa dei libri di testo le famiglie devono aggiungere non solo la tassa d’iscrizione obbligatoria di 15, 13 euro per le classi IV e V secondaria di II grado, ma anche il c.d. contributo volontario, volontario per le norme di legge, ma di fatto “obbligatorio” nella richiesta da parte delle scuole. Un “salasso” che si rinnova anche quest’anno in un momento di gravi difficoltà per le famiglie. Un salasso che rischia di essere più pesante anche per le nuove materie introdotte dal Ministro.
L’esperienza dell’Istituto Majorana di Brindisi rappresenta una best practice che Adiconsum ritiene debba essere valorizzata. Una best practice che abbatte in modo rilevante i costi del diritto allo studio senza pregiudicarne la qualità, ma al contrario migliorandola.Il Book in progress permette: di valorizzare la professionalità degli insegnanti che diventano autori dei libri di testo di ridurre la spesa per i libri di testo fino a 5 volte, poiché i testi sono scaricabili dalla Rete “Book in progress” e vengono stampati dalle scuole solo gli argomenti oggetto del programma di studio.

Una Risposta a ““Book in progress””

  1. Non è vero che i testi siano scaricabili dalla Rete e Adiconsum dovrebbe farsi certe domande prima di consigliare Book in Progress, per tutti i motivi spiegati qui http://stop.zona-m.net/it/2012/02/cosa-ci-insegnano-i-testi-scolastici-di-book-in-progress/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: