Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 275

Sotto il segno della Sindone

Posted by fidest press agency su mercoledì, 2 giugno 2010

Alba (Cn) 6 giugno si svolge la sesta edizione delle Feste Fiorite, manifestazione ideata da Raoul Molinari e continuata dall’Accademia Aleramica, oggi presieduta dallo scrittore Giordano Berti. L’evento si collega al più ampio progetto turistico-culturale di “Cosa passa il Convento”, che per il primo semestre del 2010 è dedicato alla riscoperta e alla valorizzazione delle testimonianze di devozione alla Sacra Sindone sparse nel Sud Piemonte. Come ogni anno, le Feste Fiorite riuniscono momenti di spettacolo e di intrattenimento culturale, oltre che al tradizionale Mercatino Aleramico. Quest’ultimo, vera e propria vetrina dei prodotti tipici e storici della Marca Aleramica, si distingue come sempre per l’eleganza dell’allestimento e l’accurata selezione dei produttori, che in qualche modo rispecchiano l’anima dei territori dal Po al Mar Ligure. Tra i colorati gazebo spicca una pennellata floreale: un meraviglioso giardino allestito da Abbate Vivai.Per quanto riguarda lo spettacolo, quest’anno sono stati scelti Gli Artusin di Roccaforte Mondovì, un folto gruppo di musicisti e ballerini che da dieci anni opera per conservare le tradizioni occitane. Il legame con le Feste Fiorite risiede nel fatto che anche i territori del Piemonte sud-occidentale fecero parte, un tempo, della Marca Aleramica sorta in seguito alla leggendaria cavalcata del cavaliere Aleramo, personaggio riscoperto da Giosuè Carducci e rivalutato in chiave turistica da Raoul Molinari. La presenza degli Artusin si lega anche al tema della Sindone, in quanto il territorio da cui provengono è ricchissimo di testimonianze artistiche e devozionali verso il Sacro Lenzuolo. Alla Sindone è dedicata anche la mostra en plein air, “L’avventura della Sindone”, che vede l’intervento di grandi firme dell’illustrazione italiana. Già presentata con successo al Castello di Mango, a Casale Monferrato e a Diano d’Alba, la mostra racconta, con il fresco e grintoso linguaggio dei fumetti, duemila anni di storia: dalla deposizione di Gesù Cristo nel sepolcro fino al drammatico incendio del 1997, dal quale la preziosa reliquia si salvò miracolosamente. Nello spazio adibito alla mostra si terrà, domenica alle ore 12, una “narrazione storico-artistica” dei luoghi sindonici più o meno noti sparsi fra Langhe e Roero. Una giornata ricchissima, all’insegna della cultura, del divertimento e del buon cibo, durante la quale i visitatori potranno gustare, direttamente dai produttori, le eccellenze enogastronomiche di un vasto territorio, dai vini agli oli, dai formaggi ai mieli, e finalmente assaporare la Primavera.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: