Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 321

Azzurri fuori dal Mondiale

Posted by fidest press agency su giovedì, 24 giugno 2010

L’Italia è battuta dalla Slovacchia per tre reti a due. L’Italia campione del mondo chiude il girone all’ultimo posto con 2 punti ed e’ eliminata. Era il match valido per la terza ed ultima giornata del gruppo F dei Mondiali. La Slovacchia ha segnato con la doppietta di Vittek (25’pt, 28′ st) e il gol di Kopunek (44′ st). All’Italia non bastano le due reti di Di Natale (36′ st) e Quagliarella (47′ st). Gli azzurri sono apparsi spompati e inconcludenti e in balia di avversari tecnicamente inferiori ma animati da una grande forza di volontà e imbrigliati dal loro contropiede. Sugli spalti i tifosi italiani annichiliscono. C’è sconforto e profonda delusione. Solo negli ultimi dieci minuti vi è stato, dopo la rete degli italiani, una certa vivacità di gioco che ha portato anche una rete segnata ma annullata dall’arbitro per fuori gioco. Avevamo scritto: l’Italia scommette sugli azzurri ma, evidentemente, sono gli azzurri a non scommettere su se stessi. Con tre partite ai mondiali di cui due pareggiate e una sconfitta si esce in malo modo e con la coda tra le gambe da questa competizione internazionali per la quale molti avevano affidato le loro speranze se non proprio certezze d’arrivare ai quarti di finale. Gli azzurri hanno ripetuto gli insuccessi dei mondiali in Svizzera nel 1954 e in Brasile nel 1950 dove sono usciti nella prima fase e poi dal Cile nel 1962, in Inghilterra nel 1966 e del 1974 allorchè in Germania furono sconfitti dalla Polonia. Ricordiamo che la più clamorosa figuraccia gli azzurri l’hanno fatta con la Corea del Sud dove furono battuti per 2-1 con lo “zampino” dell’arbitro Byron Moreno.

Una Risposta to “Azzurri fuori dal Mondiale”

  1. Maurizio said

    In tutto questo, la cosa più avvilente è stata la totale ammissione di responsabilità da parte del C.T. Lippi. Infatti, se da un lato è apprezzabile in un paese alla “non so, non ho visto, non c’ero e se c’ero dormivo” e nel quale il vero sport nazionale è lo scaricabarile, d’altro canto mi sembra piuttosto una mossa furbesca che spunta le armi dialettiche dei contestatori. Infatti, un’assunzione di responsabilità – quando è fondata come nel caso – sarebbe credibile se ci fosse questa piccola aggiunta: “…e, ovviamente, metto a disposizione della Federazione gli emolumenti percepiti nell’incarico in questi due anni”. Perchè, andiamo, a combinare quello che ha combinato Lippi, mantenere cioè il nucleo dei “senatori”, è bravo chiunque. Chiudere gli occhi sulla realtà, cioè su quel che il nucleo dei senatori ha combinato nel biennio, non voler vedere alcune opzioni (fra lasciate a casa e non utilizzate o, peggio, utilizzate a frittata fatta, vedi Quagliarella…) che avevano concretamente mostrato in campionato un grado di forma soddisfacente, bè, un dirigente che si comportasse in questo modo in un’azienda seria…date per scontate le dimissioni, difficilmente si sottrarrebbe ad un’azione giudiziaria per danni.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: