Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 34 n° 316

Terremotati aquilani manganellati

Posted by fidest press agency su giovedì, 8 luglio 2010

Succede in un paese democratico che 5mila terremotati a distanza di un anno manifestino il loro disagio per una ricostruzione fatta solo di carta, e vengano caricati dalle forze dell’ordine.  Succede in un paese democratico che il Premier al quale sono venuti in così tanti a chiedere aiuto preferisca barricarsi presso la sede della Presidenza del Consiglio, piuttosto che spendere parole di impegno.  “Se non fosse una situazione autenticamente drammatica, ma drammatica veramente, ci sarebbe da ridere. Terremotati costretti a manifestare in migliaia, in pieno luglio, per una ricostruzione soltanto millantata – tuona Roberto Soldà, vicepresidente dell’Italia dei Diritti – c’è un’altra, amara verità. Il tessuto sociale e quello economico non sono stati ricostruiti. Affatto”.  Il bilancio di una manifestazione nata pacifica e finita tra i posti di blocco parla di due feriti – uno manganellato alla testa e col volto coperto di sangue, medicato in un bar – e momenti di tensione.  “Non c’erano mica i black block abruzzesi, alla manifestazione – commenta duro il responsabile per l’Abruzzo dell’Italia dei Diritti, Emiliano D’Alessandro – c’erano le famiglie, i bambini, gli anziani. Siamo di fronte ad una dittatura, che reprime il dissenso sul suo operato rosicchiando le parti  vere e democratiche del paese”. Tema della manifestazione: ricostruzione e tasse. Gli aquilani hanno ripreso a pagare mutui e imposte. Fino a ieri era previsto che il recupero dei tributi congelati avvenisse in 5 anni, a partire da gennaio. Tradotto, vuol dire che un operaio de l’Aquila, terremotato, con salario di mille euro al mese, si deve aspettare una busta paga mensile più leggera di quasi 300 euro.  In serata Gianni Letta fa sapere che un emendamento alla Finanziaria provvederà ad un recupero più dilazionato, in 10 anni.  “Non è con le briciole che si nutre un tessuto socio – economico distrutto – riprende il vicepresidente del movimento guidato da Antonello De Pierro – ma con provvedimenti seri e capillari, altrimenti avremo ricadute occupazionali enormi”.  Altrettanto critico D’Alessandro:”Il Governo stanzia milioni di euro per non meglio precisate necessità di riarmamento. Però non ha risorse per i bisogni veri dei cittadini. Anzi, le chiede a loro”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: