Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 341

L’estensione del peccato

Posted by fidest press agency su lunedì, 12 luglio 2010

Lettera al direttore. Pietro Citati su La Repubblica del 10 luglio, scrive: “Secondo Benedetto XVI, alla fine del ventesimo secolo, il regno del peccato si è esteso. Quasi nessuno prega, varca le porte delle cattedrali, pensa a Dio e a Cristo, rispetta le leggi della Chiesa sulla vita e la morte. La società è profondamente  irreligiosa e anticristiana”. Qualche considerazione che lo scrittore non fa nel suo articolo. Se per pregare s’intende recitare preghiere nelle chiese, forse è vero che gli oranti siano pochi, ma se per preghiera s’intende rivolgere il pensiero a Dio qualora vediamo qualcuno soffrire, o quando noi stessi siamo nella sofferenza o semplicemente in difficoltà, ma anche nei momenti di gioia, allora non si può affermare che “quasi nessuno prega”. Poi: l’estensione del regno del peccato non si misura in base al numero delle persone che entrano nelle cattedrali, ma in base al loro comportamento verso il prossimo; non si misura in base al rispetto verso le leggi della Chiesa, ma in base al rispetto dei valori espressi dal Vangelo. Le leggi della Chiesa, infatti, non sempre s’identificano con la legge del Signore. Ma io credo che l’inquietudine e l’angoscia di Benedetto XVI siano da attribuire a ben altro. (Miriam Della Croce)

Una Risposta a “L’estensione del peccato”

  1. Aldo said

    @ Miriam Della Croce
    Gradirei che mi spiegasse cortesemente quali leggi della Chiesa non sempre s’identificano con la legge del Signore,come lei asserisce.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: