Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 34 n° 316

Nuovo allerta caldo

Posted by fidest press agency su martedì, 13 luglio 2010

Non si ferma, se non per questi due giorni grazie a qualche temporale, l’allerta caldo e stavolta le regioni più esposte saranno quelle del centro-sud, soprattutto per il prossimo week-end nuovamente bollente secondo gli esperti di 3bmeteo.com  Attese infatti punte di 37-39°C nelle zone interne del Centrosud e in Emilia Romagna, mentre si mantiene l’ afa alle stelle lungo le coste tirreniche e in Valpadana. “L’anticiclone afro-azzorriano subirà un lieve flessione tra lunedì e martedì, per poi tornare a ruggire come e più di prima” spiega Giulio Betti, metereologo del portale 3bmeteo “Stavolta le regioni più colpite dall’onda di calore saranno quelle centro meridionali e l’Emilia Romagna appunto dove nel fine settimana ci attendiamo valori REALI fino a 37-39°C”. Benchè non siano attesi valori record per il periodo va rimarcata l’anomala durata del periodo anticiclonico che nella giornata di domenica raggiungerà i 20 giorni !! Normalmente, infatti, un’alta pressione di questa intensità dovrebbe cedere, almeno temporaneamente, dopo una decina di giorni. Ma cosa sta bloccando l’anticiclone? La causa va ricercata nella presenza di una vasta area depressionaria ad ovest delle Isole Britanniche che richiama verso il Mediterraneo masse d’aria nord africana le quali continuano a ‘gonfiare’ l’alta pressione. Quando tornerà un po’ frescura? Ad ora non è facile rispondere, tuttavia non è escluso che dopo il 19 Luglio la situazione cambi grazie all’ingresso di correnti umide ed instabili di matrice atlantica. “Negli ultimi 20 anni la presenza dell’anticiclone africano nel Mediterraneo si è fatta sempre più frequente a scapito dell’alta pressione delle Azzorre” sottolinea Betti. Benchè le cause non siamo ancora del tutto certe si ritiene che il maggior numero di onde di calore in Italia dal 1990 ad oggi sia dovuta al riscaldamento globale. Va comunque sottolineato che le rimonte anticiclone nord africane ci sono sempre state, in Italia come in Europa. Nel lontano luglio del 1914 in Finlandia di registrarono punte di 36°C; molte cronache storiche ci dicono che in secoli ‘freddi’ come il diciottesimo e il diciannovesivo ci furono siccità e onde di calore di forte intensità.
3bmeteo è considerato uno dei principali portali meteo in Italia visitato da circa 2 milioni di utenti unici al mese. Caratteristica fondamentale un nuovo modo di fare meteorologia di qualità integrando ai calcoli e ai modelli automatici previsioni consolidate da un intervento umano e manuale che aumenta considerevolmente l’attendibilità del dato. Fondamentale anche il dettagliato giornale meteo con articoli, analisi tecniche e approfondimenti multi giornalieri, analisi sul territorio italiano ed estero, anche extraeuropeo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: