Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 34 n° 316

La Notte di Caravaggio

Posted by fidest press agency su domenica, 18 luglio 2010

Roma, 17-18 luglio 2010 Caravaggio conferma le cifre record da rockstar: all’una di notte 20000 ingressi alla Galleria Borghese con code ancora lunghissime e un’ora di fila fuori le chiese Santa Maria del Popolo, Sant’Agostino e San Luigi dei Francesi. Una intera notte per far rivivere il genio universale di Michelangelo Merisi, attraverso un itinerario che illumina i capolavori del Maestro custoditi nei musei e nelle chiese di Roma, la città in cui visse per 14 anni e che conserva il più alto numero di suoi capolavori.
Roma, i romani e i turisti rendono così omaggio a Caravaggio in occasione del  IV centenario della morte, avvenuta a porto Ercole il 18 luglio 1610.  Per ripercorrere la storia e celebrare la vita straordinaria e turbolenta dell’artista, quattro grandi capolavori del Caravaggio, provenienti dalle collezioni di, Palazzo Barberini (Giuditta con la testa di Oloferne, Narciso), Galleria Corsini (San Giovanni), e Pinacoteca Capitolina (San Giovanni) sono stati esposti nei saloni della Galleria Borghese a completare i cinque quadri già in collezione Borghese.
Per l’intera notte, la Soprintendenza ha organizzato gratuitamente delle visite guidate e messo gratuitamente a disposizione delle navette dedicate (con partenze organizzate dalla Galleria Borghese) ai luoghi dell’evento.

Una Risposta a “La Notte di Caravaggio”

  1. Franca Rocchi said

    “con partenze organizzate dalla Galleria Borghese”, stiamo scherzando??? l’idea dell’evento è stata ottima ma l’organizzazione inesistente anzi pessima.
    Siamo arrivati a porta pinciana alle 19,40 dopo aver contattato il 060608 e mondomostre sia telefonicamente sia controllando su internet i programmi.
    Ma una volta arrivati a porta pinciana nessuno sapeva dove si sarebbe dovuto prendere il 110 dedicato all’evento.
    Lungo sarebbe il racconto del vagare tra la galleria Borghese , porta Pinciana, prima fermata del 110 di via Veneto, telefonate di nuovo al 060608 (la cosa può essere anche riscontrata) telefonate agli organi di stampa e agli organizzatori da parte di giornalisti che erano nella nostra stessa situazione, autisti del normale percorso del 110(assolutamente non informati sull’evento) assaliti sperando di ricavare qualche informazione.
    Solo dopo le 21,30 si è presentato in moto, alla fermata di Via Veneto, un addetto Atac (fuori servizio)con la locandina dell’evento da appendere alla fermata, confermandoci che quello avrebbe dovuto essere il punto di partenza dei 110 riservati all’evento.
    Peccato, che dopo un’altra decina di minuti sono finalmente passati due bus che avevano caricato i partercipanti alla galleria borghese, quindi pienissimi e quindi inaccessibili.
    Il signore dell’ATAC sconcertato della cosa è stato gentilissimo e sempre telefonicamente è riuscito a far arrivare alla fermata di via veneto un 110 quasi vuoto.
    A vivere questa avventura con noi c’erano anche turisti stranieri allibiti!
    Non proseguo perchè chiunque ha parteciapato ha potuto verificare il livello organizzativo e disservizi, ma su tutta la stampa neanche un cenno.
    Forse ho sognato tutto, certamente è più importante conservare il posto di lavoro.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: