Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Riforma legge elettorale

Posted by fidest press agency su domenica, 29 agosto 2010

Una società politica, nella quale i cittadini si associano liberamente per formare dei partiti nei quali si identificano e dei quali condividono il rispettivo progetto politico, è sicuramente caratterizzata, almeno in linea di massima, dal pluralismo degli interessi di parte, e quindi dal pluralismo dei progetti politici, e in definitiva dal pluralismo dei partiti politici. Il bipolarismo all’italiana, nelle sue varie versioni finora sperimentate, non funziona ed è fonte di problemi istituzionali molto complessi. Un accordo politico bipolare richiede, intanto, che fra i partiti che lo stipulano vi sia un certo grado di affinità di anima politica e di progetto politico. Manca, invece, nel sistema bipolare italiano questa condizione essenziale e i governi risultano formati da coalizioni disomogenee che possono reggersi solo ricorrendo al voto di fiducia. Un accordo politico bipolare richiede, inoltre, che le due coalizioni politiche che concorrono al governo del Paese riconoscano la piena legittimazione della coalizione politica avversa non solo sul piano politico ma anche sul piano della capacità di governo nell’interesse del Paese e fondino la validità delle rispettive proposte esclusivamente sulla contrapposizione fra le asserite diverse capacità di creare e realizzare progetti concreti di governo. Nel sistema bipolare italiano si è, invece, introdotto il concetto di reciproca demonizzazione della coalizione avversa, la cui eventuale vittoria e/o permanenza al governo è costantemente presentata come nefasta per il Paese. Da ciò, un fanatico e manicheistico bipolarismo senza progetto politico, che pare avere come unico significato quello di governo della provvidenza che salva il Paese dall’asserito pericolo di governo dell’avversario. Un accordo politico bipolare dovrebbe essere stipulato nel pieno rispetto delle prerogative degli organi istituzionali del Paese, con particolare riguardo al principio di separazione dei poteri. Il bipolarismo all’italiana, invece, tende a  concentrare tutti i poteri istituzionali nella compagine di governo, esautorando il parlamento e riducendolo al ruolo di istituzione al servizio del gabinetto ministeriale di turno. Ora si parla di riforma della legge elettorale. Quanto a ciò se è vero che la legge elettorale
è solo uno strumento per garantire la rappresentatività politica nelle istituzioni, uno strumento vale l’altro ma solo a condizione che siano rispettati i principi costituzionali del pluralismo e della
proporzionalità. Il Partito dell’Alleanza, in assonanza con le componenti politiche che
perorano la riforma della legge elettorale si dichiara favorevole al fine di  ottenere, finalmente, anche nel nostro Paese quella stabilità e certezza delle leggi elettorali che gli standard democratici internazionali raccomandano e in qualche misura esigono. De quà auspica:
• si approdi a una riforma elettorale effettiva, durevole e orientata nel senso del collegio uninominale già indicato in modo nettissimo dagli italiani a grande maggioranza nel referendum del 1993, poi inlarga parte disatteso dal legislatore;
• si dia agli elettori la piena libertà, l’effettivo pieno potere e la piena responsabilità di scegliere il Governo e gli eletti, assicurandoun rapporto personale efficace dell’eletto con chi lo elegge;
• si abbattano le soglie di sbarramento per Senato e Camera, così permettendo il rispetto delle minoranze e del pluralismo;
• si elimini l’obbligo della raccolta delle firme risultato una prezzolata e famigerata farsa.
Sante Pisani (Segretario Politico PDA)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: