Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 250

La “coerenza” di Vittorio Feltri

Posted by fidest press agency su sabato, 18 settembre 2010

La campagna denigratoria  (a torto o a ragione, non importa) scatenata da Feltri contro Fini, è solo una clava che il cavaliere utilizza per punire chiunque si dovesse permettere di osare il dissenso sul pensiero unico imposto a tutti. Feltri è l’esempio più eclatante.  L’11 agosto del 1990, infatti, in occasione dell’approvazione della legge Mammì  (più nota come “decreto Berlusconi”) così scriveva su L’Europeo:
“Per quattordici anni, diconsi quattordici anni, la Fininvest ha scippato vari privilegi, complici i partiti: la Dc, il Pri, il Psdi, il Pli e il Pci con la loro stolida inerzia; e il Psi con il suo attivismo, cui si deve tra l’altro la perla denominata ‘decreto Berlusconi’, cioè la scappatoia che consente all’intestatario di fare provvisoriamente i propri comodi in attesa che possa farseli definitivamente. Decreto elaborato in fretta e furia nel 1984 ad opera di Bettino Craxi in persona, decreto in sospetta posizione di fuorigioco costituzionale, decreto che perfino in una repubblica delle banane avrebbe suscitato scandalo e sarebbe stato cancellato dalla magistratura, in un soprassalto di dignità, e che invece in Italia è ancora spudoratamente in vigore senza che i suoi genitori siano morti suicidi per la vergogna”. Quindi, pochi giorni dopo, in occasione della rapina della Mondadori, sempre su L’Europeo, aggiungeva. “Il dottor Silvio di Milano 2, l’amico antennuto del Garofano, pretende tre emittenti, pubblicità pressoché illimitata, la Mondadori, un quotidiano e alcuni periodici. Poca roba. Perché non dargli anche un paio di stazioni radiofoniche, il bollettino dei naviganti e la Gazzetta ufficiale, così almeno le leggi se le fa sul bancone della tipografia?”.
E’ ovvio che non si può concedere il beneficio della coerenza ad un simile personaggio, molto simile a quel Bossi che su La Padania  con una serie di documentati articoli, chiedeva all’attuale suo imperatore: “Berlusconi, sei mafioso ? Rispondi”. (Rosario Amico Roxas)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: