Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 338

L’idea di Roma

Posted by fidest press agency su martedì, 21 settembre 2010

Roma 21 settembre – 21 novembre 2010, Complesso del Vittoriano Sala Gipsoteca Piazza Ara Coeli: Una città nella storia. Ripercorrere oggi, in occasione del 140° anniversario di Roma Capitale, la scansione per tappe della storia di Roma, può costituire un veicolo utile per capire la contemporaneità facendo affiorare le memorie della città attraverso l’analisi del suo assetto urbano, dei suoi monumenti, delle sue testimonianze artistiche, del tracciato delle sue vie, di alcune sue tradizioni millenarie.
La Città Eterna, grazie alla sua stratificazione storica, era infatti riuscita a coniugare le vestigia imperiali pagane con la Roma cristiana divenendo il modello di una lezione storica in grado di offrire alla comunità intellettuale un punto di riferimento, una “città delle memorie”. Ma fu nell’Ottocento che si affermò l’“Idea di Roma” – per riprendere una espressione già utilizzata da Federico Chabod – intesa come un valore universale in grado di dare dignità ad una comunità nazionale. Roma divenne la meta di intellettuali e poeti, italiani e stranieri, che cercavano di ripercorrerne la storia affinché la lezione del passato giungesse come una lezione culturale anche per la contemporaneità. Tanto era diffuso questo convincimento da spingere Vincenzo Gioberti ad affermare che la città era “la sede privilegiata del sublime”. Una tesi ripresa più tardi con diversa accezione da Giuseppe Mazzini che giunse ad affermare che “Roma non è una città: è una idea”.
Il progetto espositivo si articola come un percorso incentrato su due temi unitari – l’assetto urbano e la vita quotidiana e sociale – modulati per stazioni cronologiche dall’antichità alla contemporaneità. La presenza di antiche piante della città che ritraggono gli stessi luoghi in epoche storiche consentono di avere un chiaro richiamo delle variazioni territoriali che nel corso dei secoli si sono stratificate su Roma. Accanto a questo percorso si analizzano alcuni monumenti simbolici di Roma, rappresentativi proprio della trasformazione e del mutamento funzionale all’interno del contesto storico di riferimento, si pensi ad esempio a Castel Sant’Angelo o al Colosseo. Le sezioni della mostra si articolano partendo dalla “Roma Classica”, passando per “L’idea di Roma nel Medioevo” e proseguendo poi attraverso “Le rovine di Roma 1849”, “Roma Sacra”, “Roma Capitale”, “Roma moderna”, “Utopia Urbana”, “Roma ‘60”.
Prestiti importanti arricchiscono l’esposizione. Tra le varie Istituzioni la Galleria Palatina di Firenze, l’Archivio Centrale dello Stato, l’Archivio di Stato di Roma e di altre città italiane, l’Archivio Storico Capitolino, la Biblioteca Centrale “Vittorio Emanuele II” di Roma, la Biblioteca del Senato, la Galleria di Arte Moderna e Contemporanea di Roma, l’Istituto Luce, l’Istituto Nazionale per la Grafica di Roma, il Museo Centrale del Risorgimento di Roma, il Museo di Roma.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: