Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 335

La bestemmia di Berlusconi

Posted by fidest press agency su sabato, 2 ottobre 2010

In una una recente pronuncia carpita da un video pubblicato sul sito del settimanale L’Espresso, il presidente Berlusconi conclude una barzelletta pronunciando “.orco dio”, espressione che il Vaticano – e chi meglio di loro…-  ha condannato come bestemmia a tutti gli effetti, anche se intercalare diffuso. Ricordiamo in proposito che nella sezione del codice penale intitolata “Delle contravvenzioni concernenti la polizia dei costumi”, si trova l’art. 724 c.p.: Chiunque pubblicamente bestemmia, con invettive o parole oltraggiose, contro la divinità è punito con la sanzione amministrativa pecuniaria da euro 51 a euro 309. La stessa sanzione si applica a chi compie qualsiasi pubblica manifestazione oltraggiosa verso i defunti.
Sulla bestemmia in diversi ci marciano. Prendiamo il caso del vicesindaco di Piove di Sacco (Pd). Chi bestemmia in quel Comune dovrà fare molta attenzione perchè oltre ai 300 euro di multa previsti dall’art.724 del codice penale, potrà pagare anche una multa comunale di altrettanti 300 euro, visto che il vigile che sanziona il bestemmiatore in base al regolamento comunale non potrà omettere di denunciarlo penalmente. Un caso, questo del Comune del padovano, che rientra tra quelli in cui gli amministratori locali, “pagliacciandosi” legislatori, aggiungono sanzioni a sanzioni, utilizzando di fatto il proprio mandato amministrativo come bacheca e megafono dei propri convincimenti.
Questi sono i fatti. L’Aduc in proposito osserva: “Ma forse a questa situazione c’e’ un rimedio e ringraziamo il presidente del Consiglio dei ministri, Silvio Berlusconi, per averci fornito lo spunto. Noi siamo rispettosi della legge e, nel contempo, crediamo che le sanzioni contro le bestemmie, oltre che ridicole, siano un insulto alla libertà d’espressione e, come nel caso padovano, strumenti di propaganda politico/ideologica. Per questo depositiamo un esposto in Procura della Repubblica in cui chiediamo ai magistrati di sanzionare il presidente Berlusconi, e a quest’ultimo offriamo il nostro sostegno legale per difenderlo contro la probabile sanzione che gli verrà comminata.
E auspichiamo che il presidente Berlusconi, per aver pagato o rischiato di pagare sulla sua pelle anche in questo caso, si impegni per l’abolizione dell’articolo 724 del codice penale”. Come dire? Il fine giustifica i mezzi mescolando ad arte l’accusa e la difesa.

Una Risposta a “La bestemmia di Berlusconi”

  1. Aldo Cannavò said

    Penso che la bestemmia pubblica a Berlusconi sia scappata di bocca.Però significa che in privato è sua abitudine bestemmiare e,questo è grave.Comunque la bestemmia usuale è un’idea fissa,cioè un tarlo mentale che fà parte delle manie e dimostra debolezza psichica.Il bestemmiatore si sente trascurato da Dio e,per reazione,lo impreca.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: