Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Archive for 7 ottobre 2010

La ricerca della visione… Vision Quest

Posted by fidest press agency su giovedì, 7 ottobre 2010

Genova fino al 31/12/2010 corso Dogali, 18, Castello D’Albertis. Museo delle Culture del Mondo. Museo delle Musiche dei Popoli Le foto-installazioni di Douglas Beasley aprono una nuova sezione permanente del museo dedicata al paesaggio sacro nordamericano Abituati da 150 anni ad essere esposti a foto di Indiani quali guerrieri indomabili e spietati che cavalcano nelle pianure, in qualità di “stregoni” che cantano e danzano in rituali di guarigione o di capi guerrieri in posa tra gli accampamenti di tende coniche, un primo sguardo alle foto di Douglas Beasley puo’ lasciarci spaesati dinnanzi a un paesaggio disabitato, e vederci annaspare alla ricerca dei ricorrenti punti di riferimento che, per effetto della cinematografia hollywoodiana, diamo per scontati ed assegniamo in modo automatico ad una figura stereotipata che non abbiamo mai messo in discussione e non abbiamo mai colto nella sua complessità e profondità culturale, spirituale e spazio-temporale.
Fotografando montagne e alberi, rocce e strade, Douglas Beasley ha scelto di onorare gli Indiani nordamericani immortalando quanto a loro e’ piu’ sacro e quanto maggiormente esprime i loro valori e la loro spiritualità: un paesaggio che e’ sacro perche vi sono vissuti gli antenati, perche’ e’ stato consegnato loro dagli antenati e soprattutto perche’ rappresenta gli antenati stessi. (vision quest)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Giovanni Cerri: Habitat

Posted by fidest press agency su giovedì, 7 ottobre 2010

Milano fino al 30/10/2010 Via Brera, 4, Gabriele Cappelletti Arte Contemporanea a cura di Vera Agosti La Galleria Cappelletti Arte Contemporanea è lieta di presentare la mostra “Habitat” dell’artista milanese Giovanni Cerri che – abbandonata la carta di quotidiano, supporto usato dal 2001 ad oggi – ritorna alla pittura ad olio su tela. Il tema delle sue opere rimane sempre quello urbano, gli orizzonti desolati delle periferie cittadine, case mai terminate come si ritrovano spesso in molte zone del nostro Paese, tralicci, gru e vuoti inquietanti, ma decisamente nuova e’ la luce assieme a una colorazione piu’ vivace e accesa.
Giovanni Cerri (Milano, 1969), figlio del pittore Giancarlo Cerri, ha iniziato la sua attività di pittore nel 1987 e da allora e’ presente in numerose mostre in Italia e all’estero. Tra le sue “personali” citiamo: 1995 – Galleria Cortina – Milano; 2000 – Galleria Artistudio/Magrorocca – Milano; 2002 – Galleria Monogramma – Roma; 2005 – Casa Cini – Ferrara, Cortina Arte – Milano; 2006 – Galleria Blanchaert – Milano; 2007 – Galleria Palmieri – Busto Arsizio; 2008 – Spazio Tadini – Milano, ComoArte – Como, Avanguardia Antiquaria – Milano; 2009 – Galleria Gli Eroici Furori – Milano, Museo d’Arte Moderna di Gazoldo degli Ippoliti (MN), Ex Chiesa di San Pietro in Atrio – Como, Orenda Art International – Parigi; 2010 – Cortina Arte – Milano, Spazio Arte – Milano; De Luca Fine Art – Toronto ; Galleria Palmieri – Busto Arsizio..

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

L’Afghanistan e la guerra

Posted by fidest press agency su giovedì, 7 ottobre 2010

Milano fino al 28/10/2010 corso di Porta Ticinese 95, Museo Diocesano La fotografie di Francesco Cocco negli ospedali di Emergency in Afganistan. L’esposizione, e’ realizzata in collaborazione con Contrasto e raccoglie 24 immagini in bianco e nero realizzate negli ospedali di Emergency in Afganistan.
Da sempre impegnato nella fotografia sociale, Cocco inizia la sua carriera nel 1989 documentando la realtà di paesi “difficili”, specialmente nell’area asiatica.  Accanto ai numerosi lavori con le ONG (sulle vittime delle mine antiuomo; sulla prostituzione minorile; sulle condizioni di vita dei civili dopo la guerra in Kosovo), Cocco porta avanti una ricerca personale – Babilonia – sul mondo delle “abilità differenti”.
Nel 2002 con l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica Italiana, realizza la mostra e il libro Prisons sulla condizione carceraria in Italia, con testi di Adriano Sofri e di Renata Ferri. Nel 2005 il suo reportage sulla condizione carceraria in Italia viene presentato al Visa pour l’image di Perpignan e nel 2006 viene selezionato dalla Fondazione Oskar Barnack Leica Foundation e presentato ad Arles nell’ambito dei Rencontres Internationales de la Photographie. L’anno successivo, Cocco prende parte a un progetto sulla maternità nei penitenziari italiani, con un’esposizione allestita presso la Camera dei Deputati (Che ci faccio io qui?, Roma 2007). Sempre nel 2007, con altri fotografi di Contrasto, realizza un importante lavoro di documentazione sulla Cina dal titolo Beijing in and out, presentato alla Triennale di Milano. A giugno pubblica La ruota che gira (Contrasto edizioni), un progetto sulla situazione dell’infanzia in Cambogia. L’ingresso alla mostra e’ gratuito.  L’ingresso al Museo: € 8,00 intero; € 6,00 gruppi; € 5,00 ridotto; € 2,00 scolaresche; Martedi’: ingresso € 4,00. La mostra fotografica “L’Afganistan, la guerra” e’ stata realizzata grazie al contributo di Banca Popolare dell’Emilia Romagna. http://www.clponline.it

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Beyond the Dust: Artists’ Documents Today

Posted by fidest press agency su giovedì, 7 ottobre 2010

Milano fino al 28/10/2010 via Procaccini, 4 Fabbrica del Vapore Un progetto della Dena Foundation for Contemporary Art in collaborazione con l’Assessorato Tempo Libero del Comune di Milano e con la partnership de Vleeshal a Middelburg e della Fondation d’entreprise Ricard a Parigi A cura di Francesca di Nardo in collaborazione con Lorenzo Benedetti Artisti: Linda Fregni Nagler (It), Mark Geffriaud (Fr), Invernomuto (It), Jeroen Kooijmans (Nl), Irene Kopelman (Nl), Benoît Maire (Fr), Diego Marcon (It), Cle’ment Rodzielski (Fr), Roma Publications (Nl), Batia Suter (Nl), Richard Sympson (It), Raphaël Zarka (Fr)
E`Milano la città che ospita la tappa italiana di Beyond the Dust – Artists’ Documents Today, in quanto dal 2003 il Assessorato Tempo Libero sostiene la missione della Dena Foundation a favore della giovane creazione e della mobilità internazionale, partecipando e contribuendo alla costituzione di Borse destinate a giovani artisti, fotografi, designer e curatori : queste Borse danno l’opportunità di soggiornare al Centre International d’Accueil et d’Echanges des Re’collets di Parigi, di conoscerne la scena artistica e la realtà sociale, di maturare l’esperienza vitale di incontri e scambi internazionali con l’accompagnamento della direzione del Programma.
Luoghi e date Centre culturel français de Milan / 12 ottobre 2010 Tavola rotonda alle 18.00 e performance alle 20.00Corso Magenta 63, 20123 Milano, Italia; +39 02 4859191 http://culturemilan.com
De Kabinetten van de Vleeshal / 17 settembre – 12 dicembre 2010 Zusterstraat 7, 4331 KG Middelburg, Olanda ; +31 (0)118 652200 http://www.vleeshal.nl
Fondation d’entreprise Ricard / 10 – 29 gennaio 2011 12 rue Boissy d’Anglas, 75008 Parigi, Francia +33 (0)1 53 30 88 00 / http://www.fondation-entreprise-ricard.com
Immagine: Mark Geffriaud, et Mason et Dixon, Vinyl printing, 2010

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

127 artisti per “O’ scuru o’ scuru”

Posted by fidest press agency su giovedì, 7 ottobre 2010

San Giovanni La Punta (Catania) 10 ottobre 2010 Ore 18 Fondazione La Verde La Malfa Via Pietro Nicolosi, 20 Saranno donati a due istituti per minori di Palermo e Catania (Progetto Isola della Carità e Istituto Pio IX) gli incassi dell’asta di beneficenza di 127 bottiglie di Etna Doc “O’ scuru o’ scuru” (produzione 2008). Un vino la cui etichetta – unico esemplare realizzato – è divenuta un’opera d’arte grazie al contributo di altrettanti artisti contemporanei che hanno accolto l’invito della cantina Al-Cantàra di Randazzo, (Catania) di interpretarne graficamente il titolo. L’asta, battuta alla presenza di un notaio, è in programma domenica 10 ottobre, alle 18, negli spazi espositivi della Fondazione La Verde La Malfa di San Giovanni La Punta (Ct).
Protagonista della serata, organizzata dal proprietario delle cantine Al Cantàra, Pucci Giuffrida, e dal gallerista Francesco Scorsone, è un rosso di grande levatura il cui nome, “O’ scuru o’ scuru”, evoca la raccolta di sonetti in lingua siciliana del poeta Nino Martoglio. Prodotto dalle uve DOC Nerello Mascalese e Nerello Cappuccio, “O’ scuru o’ scuru” nasce fra i parchi dell’Etna e dei Nebrodi e al suo debutto ufficiale, al Vinitaly del 2008, la produzione del 2005 ha conquistato – unico vitigno di tutta la  prosperosa provincia etnea – il Diploma di Gran Menzione cui sono seguiti numerosi altri riconoscimenti nell’ambito di concorsi italiani e stranieri. Fra i fattori di successo, oltre alla unicità dei vini, anche le raffinate etichette realizzate dall’illustratore Alfredo Guglielmino. Di recente, nel corso dell’ultima edizione della Vinimilo, il vigneto Al Cantàra ha ottenuto il primo premio di “La vigna e il vulcano”, nella categoria spalliera, per la cura dell’ambiente e del paesaggio etneo – dove figurano antiche torrette e pietraie – dimostrata dal produttore, Pucci Giuffrida, nell’applicazione dei tradizionali metodi di coltivazione della vite e nell’impegno a sostenere e divulgare la cultura letteraria siciliana. I sette vini e l’extravergine d’oliva della produzione di Al Cantàra, infatti, sono intitolati a poesie e sonetti di Martoglio. Il catalogo realizzato in occasione dell’asta di beneficenza, che raccoglie e documenta la produzione dei 127 artisti per “O’ scuru o’ scuru”, ospita gli interventi storici e critici di Sarah ed Enzo Zappulla Muscarà e di Vinny Scorsone ed è stato presentato nel mese di maggio al Salone del Libro di Torino.Ulteriori informazioni sul sito http://www.al-cantara.it. (sapuppo)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Torna Agatha Christie al Teatro Dehon

Posted by fidest press agency su giovedì, 7 ottobre 2010

Bologna da martedì 12 a domenica 24 Ottobre, feriali ore 21, domenica ore 16 al Teatro Dehon Via Libia, 59 , la Compagnia Teatroaperto/Teatro Dehon – Teatro Stabile dell’Emilia-Romagna, presenta lo spettacolo più divertente della stagione. Alessandro Fornari e Aldo Sassi in “Trappola per topi”  di Agatha Christie. Regia di Guido Ferrarini, scene di Fabio Sottili, costumi di Renata Fiorentini, luci di Poppy Marcolin, fotografo di scena Gino Rosa, organizzazione di Tiziano Tommesani. Con: Aldo Sassi, Andrea Zacheo, Federica Tabori, Alessandro Fornari, Lorenzo Spiri, Guido Ferrarini, Grazia Ghetti, Marcella De Marinis.
“Trappola per topi” debuttò il 10 ottobre 1952 al teatro Ambassador di Londra per la regia di Peter Sanders. E da allora non ha mai cessato di essere rappresentata, consumando intere generazioni di attori… e di spettatori. La vicenda si svolge in una vecchia casa di campagna trasformata in pensione che, isolata da una straordinaria nevicata, si trasforma nella trappola del titolo. Mentre la radio diffonde la notizia di un omicidio avvenuto a Londra arriva alla pensione, gestita maldestramente da due giovani sposini, un eterogeneo drappello di ospiti. Un’acida signora di mezza età, uno squinternato studente, un maggiore in pensione, una giovane inquieta e, immancabile, un ospite inatteso e misterioso. Ultimo ad entrare nella metaforica trappola è un ispettore della polizia sulle tracce dell’assassino londinese. Un gruppo di villeggianti in un interno gotico-borghese, un “salotto buono” inopportunamente insanguinato, specchio di un mondo dove apparenza e realtà non coincidono. Il risultato è il riemergere di antiche ossessioni, paure e timori, che hanno le loro radici negli agghiaccianti e tragici ricordi di un’infanzia dolorosa. E’ qui che la Christie conduce magistralmente il suo gran gioco del delitto, divagando tra filastrocche infantili, moventi remoti e identità fasulle, aprendo il “plot” persino a spiragli ulteriori, da cui trapelano le inquietudini giovanili e le sopraffazioni esercitate sugli infanti da adulti che, “con cieca onnipotenza possono fare ciò che vogliono”. Temi sociali, pedagogici, filosofici resi, per cosi dire, funzionali all’articolazione del rebus poliziesco. Come sempre nei lavori della Christie la soluzione giungerà inaspettata e sorprendente, sconvolgendo le previsioni di tutti. (trappola)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Sfide d’impresa

Posted by fidest press agency su giovedì, 7 ottobre 2010

Potenza 20 e domenica 21 novembre presso il Centro Congressi Park Hotel terza edizione di BtoBe, il Salone dedicato al business to business.  Il tema di quest’anno è Sfide d’impresa: una provocazione, uno slancio di ottimismo verso il futuro, alla ricerca di best practices nel mondo dell’imprenditoria e di strategie e soluzioni concrete che il mercato può offrire per uno sviluppo reale che coinvolga soprattutto i giovani e quanti rischiano e investono al Sud. A BtoBe 2010 si parlerà di rapporti con la Pubblica Amministrazione, ovvero di quanto la semplificazione burocratica e una comunicazione chiara e diretta influiscono sulle performance aziendali; si approfondiranno le dinamiche legate all’innovazione e alla creazione d’impresa alla presenza di potenziali investitori e business angel; si individueranno percorsi di internazionalizzazione con il supporto delle Camere di Commercio Italo Estere; si elaboreranno nuovi modelli di organizzazione e gestione del personale per una nuova classe manageriale; si analizzeranno le nuove possibilità offerte dal Web. Workshop, momenti di networking, dibattiti e speech, richiameranno l’attenzione sui temi legati al mondo dell’impresa con un approccio multidisciplinare che anticipi l’imprenditorialità di domani.
Diventato punto di riferimento per tutto il Sud, BtoBe nasce in Basilicata: tradizionalmente indicata
come una delle regioni meno sviluppate d’Italia, secondo gli ultimi dati riportati nel “Rapporto Svimez 2010 sull’economia del Mezzogiorno”, in realtà presenta degli standard superiori alla media che mostrano un fermento economico da non sottovalutare. Negli anni precedenti BtoBe ha ospitato complessivamente quasi 10.000 visitatori, 180 espositori e 100 relatori provenienti da tutta Italia. Quest’anno numerose aziende, enti ed associazioni di categoria hanno già confermato la loro presenza al Salone: grandi e piccole realtà che potranno confrontarsi con interlocutori nazionali ed internazionali alla ricerca di una propria dimensione all’interno di uno scenario economico estremamente interconnesso (edizione 2009)

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Rosy Bindi sui temi d’attualità

Posted by fidest press agency su giovedì, 7 ottobre 2010

Forlì 11 ottobre alle ore 18,15 Salone Comunale lunedì  Rosy Bindi Per parlare di politica e di futuro del nostro Paese. Fa appello all’impegno e alla determinazione Rosy Bindi, Presidente del Partito Democratico e Vice Presidente alla Camera dei Deputati, protagonista di un incontro nel Salone Comunale per fare il punto sulla politica nazionale, sulle storture attuali del potere e sui possibili scenari futuri. Ad intervistarla un giornalista d’eccezione come Marco di Maio, segretario dell’Unione Territoriale del PD forlivese, promotrice dell’incontro. (rosy bindi)

Posted in Cronaca/News, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Degrado alla stazione Termini

Posted by fidest press agency su giovedì, 7 ottobre 2010

Roma. Nei sotterranei della stazione Termini vige il disordine più totale  a causa dei lavori di ammodernamento delle uscite della metropolitana sulle linee A e B. A margine di un’inchiesta del quotidiano “La Repubblica” sulla qualità delle stazioni della metropolitana di Roma, è emersa un immagine pressoché poco edificante della Capitale: infatti campeggiano scale, rampe, strettoie e tornelli  mal funzionanti, i quali ostacolano il libero movimento dei passeggeri. In merito al degrado che non sembra arrestarsi, ha espresso un parere Roberto Soldà, vicepresidente dell’Italia dei Diritti. “C’è una corresponsabilità di chi gestisce i lavori in questione,   iniziati  ad aprile e non ancora terminati. La stazione Termini, essendo uno dei più grandi nodi ferroviari europei, dovrebbe assicurare dei servizi di circolazione eccellenti e non situazioni ingestibili come queste”.
Alla pessima situazione perpetrata ai danni dei viaggiatori, si aggiunge la cartellonistica scritta quasi esclusivamente in italiano e arrivati ai tornelli, la traversia più difficile: scampare alla strettoia dei cantieri, i quali intralciano pesantemente il passaggio degli utenti e riducono lo spazio nella stazione. “I viaggiatori hanno il diritto di protestare e non è la priva volta che si viene a conoscenza di tali disagi –  conclude l’esponente del movimento guidato da Antonello De Pierro –, e nel momento in cui si attuano dei lavori come questi è indispensabile tenere conto delle difficoltà oggettive e logistiche dei passeggeri”.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Ddl Lazzati diventa legge

Posted by fidest press agency su giovedì, 7 ottobre 2010

“Come avevamo auspicato, il ddl ‘Lazzati’ è diventato legge dello Stato: si tratta di un bel segnale della politica, perché rappresenta un atto concreto diretto a spezzare i rapporti di connivenza con la criminalità”. Ad affermarlo è Franco Maccari, Segretario Generale del Coisp – il Sindacato Indipendente di Polizia, commentando la definitiva approvazione, con il voto in aula al Senato, del disegno di legge che impedisce ai sorvegliati speciali per reati di mafia di svolgere attività di propaganda elettorale, strenuamente promosso e voluto dal “Centro Studi Lazzati” e dal suo fondatore, il giudice Romano De Grazia. Continua Maccari: “E’ doveroso ringraziare i tanti Parlamentari che, senza distinzione di colore politico, hanno contribuito a scrivere questa pagina importante per il Paese,  che rappresenta un incoraggiamento alle Forze dell’Ordine nella lotta quotidiana in difesa della legalità. Troppe volte, infatti, le Forze dell’Ordine, hanno la netta sensazione di combattere una battaglia solitaria, con ampi settori delle istituzioni che remano dalla parte opposta. Troppe volte la politica predica la legalità con le parole, ma con gli atti legislativi e le pratiche di governo si rivela indulgente – per non dire connivente – con il malaffare. Per questo consideriamo l’approvazione della nuova legge come un atto di coraggio e di responsabilità nei confronti dei cittadini, che chiedono la moralizzazione della vita politica e una selezione della classe dirigente fondata sulle capacità e sulle competenze. Rinnoviamo il nostro apprezzamento per l’impegno profuso dall’on. Angela Napoli, relatrice alla Camera, a favore dell’approvazione di questa normativa che punta a togliere alle organizzazioni criminali quel patrimonio insostituibile costituito dalle relazioni politiche e dal controllo della vita istituzionale. La legge ‘Lazzati’ colpisce duramente il voto di scambio politico-mafioso, colmando una grave lacuna legislativa: l’attuale normativa, infatti, si limita a punire la ‘vendita’ di voti in cambio di denaro, mentre il vero ‘scambio’ consiste nel controllo delle istituzioni finalizzato alla gestione amministrativa nell’interesse della criminalità. Senza contare il paradosso per il quale, fino ad oggi, i sorvegliati speciali per reati di mafia non potevano votare né candidarsi, ma potevano tranquillamente svolgere attività elettorale in favore di candidati o liste. La nuova legge prevede, oltre al divieto di attività di propaganda elettorale alle persone sottoposte a misure di sorveglianza speciale per reati di mafia, una sanzione penale per quei politici che si rivolgono a queste persone per ottenere voti. Con la nuova normativa, quindi, si potrà intervenire per contrastare i fenomeni illegali già nella fase della campagna elettorale, con maggiore probabilità di evitare l’infiltrazione della criminalità nelle istituzioni elettive”

Posted in Diritti/Human rights, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Italia: crisi economica

Posted by fidest press agency su giovedì, 7 ottobre 2010

“La situazione economica del Paese è molto seria. Gli ultimi dati Ocse sul Pil dicono che siamo fanalino di coda tra i paesi europei, tra i quali la Germania cresce il quadruplo di noi e la Gran Bretagna oltre il doppio. Per rientrare nei parametri stabiliti da Bruxelles, l’Italia dovrà stringere la cinghia non poco: questa è la realtà, ben diversa dal quadro rose e fiori che Tremonti e il suo governo continuano a presentare ai cittadini”. Lo dice in una nota Antonio Borghesi, vice capogruppo dell’Italia dei Valori alla Camera. “Una cosa è certa – aggiunge Borghesi – il governo che subentrerà a questo, che ormai è alla frutta, avrà un bel da fare in materia economica, data la politica fallimentare di quello uscente”.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Cgil: contenzioso del lavoro

Posted by fidest press agency su giovedì, 7 ottobre 2010

Nota dell’Ufficio giuridico della Cgil: “Il 29 settembre scorso l’Aula del Senato ha approvato in sesta lettura il disegno di legge n. 1167 B-bis recante, com’è noto, alcune disposizioni incidenti sul contenzioso del lavoro (artt. 30-32). Abbiamo già avuto modo più volte di intervenire sui molteplici passaggi parlamentari che il disegno di legge ha attraversato, sfociando poi nell’intervento di rinvio alle Camere del Capo dello Stato Napolitano. A seguito delle osservazioni di quest’ultimo, il Parlamento è quindi ritornato ad esaminare il provvedimento con altre due letture, l’ultima delle quali è quella di cui stiamo parlando. Occorre subito dire che, se pur propagandate come ossequiose nei confronti delle osservazioni del Presidente della Repubblica, le modifiche apportate dalla maggioranza non hanno in realtà eliminato i motivi di preoccupazione che in più di un’occasione la CGIL ha espresso nei confronti di questo vero e proprio disegno controriformatore del processo e del diritto del lavoro. Rinviando, quindi, alle osservazioni già svolte, occorre mettere in luce i punti sui quali è  intervenuta l’ultima lettura del Senato:
A) Arbitrato secondo equità (art. 31): è stata confermata la modifica tendente a circoscrivere i confini del giudizio di equità, nel senso del “rispetto dei princìpi generali dell’ordinamento e dei princìpi regolatori della materia, anche derivanti da obblighi comunitari”. La modifica sembrerebbe piuttosto incisiva se solo si consideri che tra i principi generali (e regolatori) dell’ordinamento lavoristico vi è senz’altro quello della inderogabilità dei diritti derivanti da norme di legge e di contratto collettivo. Ma allora non si vede quale sia la “ratio” di una modifica di tal genere, se non quella di confondere ancora di più le idee agli interpreti.
B) La sottoscrizione della clausola compromissoria (art. 31, comma 10): com’è noto, nel corso della precedente lettura alla Camera, era stato approvato un emendamento proposto da Cesare Damiano che imponeva la verifica della volontà di devolvere ad arbitri la controversia solo al momento dell’insorgere della stessa (quindi non, preventivamente, all’atto della stipula del contratto di lavoro). La modifica, di grande rilievo, è stata però cancellata da quest’ultima lettura. Si ritorna quindi alla sottoscrizione della clausola compromissoria in un momento antecedente l’insorgere della controversia stessa.
C) Momento in cui sottoscrivere la clausola compromissoria: siamo in presenza di una vera e propria ipocrisia. Di fronte ai penetranti rilievi del Presidente della Repubblica, che aveva fatto notare come la sottoscrizione della clausola nel momento di massima debolezza contrattuale (ovvero l’assunzione) fosse assolutamente da cambiare, la maggioranza ha avuto la brillante idea di spostare la stipula della clausola arbitrale dopo il periodo di prova o, in mancanza di quest’ultimo, dopo 30 giorni dalla stipula del contratto. Come a dire che il lavoratore, superato il periodo di prova o dopo 30 giorni dall’assunzione, ha maturato un tale potere contrattuale da consentirgli liberamente di devolvere le future controversie ad arbitri… Regime delle decadenze (art. 32, commi 1 e 2): due sono le novità, anche piuttosto importanti. La prima riguarda l’estensione del lasso di tempo a disposizione del lavoratore per depositare il ricorso giudiziario (a partire dall’impugnazione del provvedimento), che passa da 6 a 9 mesi e la possibilità di “produrre nuovi documenti formatisi dopo il deposito del ricorso” stesso. La seconda modifica, assai più incisiva, è quella riguardante l’esclusione dei licenziamenti “orali” dalla disciplina delle decadenze introdotta dal disegno di legge in commento. Viene così meno, fortunatamente, una disposizione che avrebbe permesso ai datori di lavoro un utilizzo di massa del licenziamento orale in forza dell’imposizione di un termine decadenziale il cui dies a quo sarebbe stato difficilmente individuabile. Ma c’è da dire che, se pur importante, questa modifica non scalfisce minimamente la portata devastante dell’introduzione del termine decadenziale in parola. C’è infatti da ricordare che il nuovo regime da una parte ha una portata amplissima (applicandosi non solo ai licenziamenti, ma anche ai contratti a termine, ai trasferimenti etc…), dall’altra, pur non applicandosi più ai licenziamenti orali, rimane in piedi (odiosamente) per tutte le fattispecie di “invalidità” dei licenziamenti, ovvero anche per quelli nulli perché discriminatori o per violazione di norme imperative di legge (v. i licenziamenti delle lavoratrici madri, quelli per causa di matrimonio etc…)

Posted in Diritti/Human rights, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Bossi-Alemanno: una pace poco istituzionale

Posted by fidest press agency su giovedì, 7 ottobre 2010

Dichiarazione del senatore Raffaele Ranucci (PD)  “Se questa iniziativa fosse stata una cosa seria, si sarebbe svolta in Campidoglio, dove il sindaco poteva ricevere Bossi in modo istituzionale, senza insopportabili claque e pranzi folkloristici”. Lo dichiara il senatore del PD Raffaele Ranucci a proposito del pranzo in piazza Montecitorio fra il ministro Umberto Bossi e il sindaco di Roma Gianni Alemanno.  “La Lega – prosegue Ranucci – continua a prendere in giro non soltanto i cittadini di Roma ma anche i suoi elettori promettendo una pace in nome del federalismo pronta a mutare opinione al primo accenno di ritorno alle urne”.  “Tutto questo – conclude il parlamentare del PD – nella giornata in cui, dopo aver cambiato repentinamente idea, Alemanno abbraccia la battaglia del PD contro l’istituzione dei pedaggi sul GRA, misura peraltro che la Lega ha votato e sostenuto con forza in Senato. Roma è una cosa seria e va difesa in modo serio”.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Università: La Gelmini sequestra la democrazia

Posted by fidest press agency su giovedì, 7 ottobre 2010

«Sono trascorsi quasi cinque mesi dalle elezioni per il rinnovo del CNSU, il Consiglio nazionale degli studenti universitari, e il ministro Gelmini non ha ancora convocato la riunione di insediamento dell’organo. È un gesto lesivo delle funzioni degli organi studenteschi e della dignità di coloro che hanno espresso democraticamente il proprio voto. È per questo che domani discuteremo  un’interpellanza parlamentare, per capire le motivazioni del ritardo e i tempi entro i quali il ministro intenda attivarsi. Il mondo dell’università e’ in fibrillazione  per via di una riforma che pretende di modernizzare senza investire  e tutto questo sta accadendo senza dare la possibilità agli studenti eletti nel CNSU di partecipare  con il proprio ruolo di rappresentanza dei principali protagonisti della vita universitaria. Se in oltre 70 università italiane oltre 200 mila studenti votano e scelgono i propri rappresentanti è  per farli contare, non per farli aspettare. Siamo giunti al paradosso che vede i rappresentanti degli studenti, il cui mandato è scaduto da mesi, partecipare alle audizioni in corso sui progetti di riordino del sistema universitario messo in campo dal ministro Gelmini. La Gelmini accredita l’ipotesi di chi come me ritiene che dietro questo ritardo si nasconda un sottile ricatto.  Il ministro rinviando l’insediamento  punta forse a persuadere gli eletti a votare il candidato a lei gradito alla presidenza del CNSU?  Speriamo che la Gelmini smentisca al piu presto facendo  il proprio dovere di ministro, entro domani decida di arrendendersi alla forza della democrazia  dando l’esempio firmando il decreto di insediamento  del CNSU, aggiungendo come post scriptum “sono mortificata, scusate il ritardo”». Così Guglielmo Vaccaro, deputato del PD e tra i fondatori di TrecentoSessanta, l’Associazione che fa riferimento a Enrico Letta.

Posted in Spazio aperto/open space, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Pci: partito di lotta e di governo

Posted by fidest press agency su giovedì, 7 ottobre 2010

Mestre (Ve) 18 ottobre alle ore 18.00 Via Carducci 32 Villa Settembrini  Centro Culturale Candiani primo incontro di quest’anno de La Grande Politica e il Futuro dell’Italia. Intervengono Emanuele Macaluso,.Piero Ignazi e Massimo Cacciari. Tema della conferenza è l’esperienza del Partito Comunista Italiano nella seconda metà del Novecento, momento in cui si è dovuto confrontare tra aspirazioni ideali antagoniste rispetto al sistema economico dominante e contemporaneamente esercitare il governo in molte istituzioni locali. Si apre così la quarta edizione de La Grande Politica e il Futuro dell’Italia, un ciclo di incontri su nodi e tematiche importanti della vita politica italiana dal secondo dopoguerra ad oggi.  Quest’anno il filo conduttore del ciclo d’incontri è l’analisi dei partiti politici, le strutture organizzative che più hanno influito nella storia politica della Prima Repubblica definita da molti la Repubblica dei Partiti. Come negli anni precedenti sono stati invitati a intervenire studiosi affermati e protagonisti così da poter dare al pubblico spunti di riflessione tra memoria e ricostruzione storica.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Roma all’Esposizione di Shanghai 2010

Posted by fidest press agency su giovedì, 7 ottobre 2010

Shanghai 8 ottobre: Un’intera settimana dedicata a Roma. La visita in Cina del sindaco Gianni Alemanno, e della sua delegazione ristretta, è prevista dall’11 al 14 ottobre, con una tappa a Pechino l’11 e il 12 e a Shanghai il 13 e 14 ottobre. L’accordo tra Roma Capitale e il commissariato generale per l’Esposizione, presieduto da Beniamino Quintieri, Francesco Maria Orsi,  delegato del sindaco Alemanno per l’Expo, in questo anno di preparazione, insieme al presidente dell’Istituto per il Commercio Estero, Umberto Vattani, ha permesso di assicurare una presenza di alto livello e di grande visibilità per la Capitale d’Italia.«I progetti in mostra documentano la capacità della Città e del suo territorio (l’Amministrazione capitolina, le istituzioni pubbliche, gli operatori privati che partecipano al grande progetto di sviluppo) di passare concretamente dalla storia al futuro: un’occasione preziosa per ribadire al mondo intero il ruolo di Roma Capitale, esemplare nel saper coniugare memoria e innovazione. In quest’ottica – precisa Orsi – l’Esposizione Universale del 2010 rappresenta un palcoscenico unico e un volano di promozione per Roma Capitale, il suo territorio e la sua economia».

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Giustizia minorile

Posted by fidest press agency su giovedì, 7 ottobre 2010

“Questo governo, oltre a fare a pezzi la giustizia, per plasmarla a misura del suo premier, sta procedendo anche alla distruzione di uno dei settori che rappresenta per il nostro paese motivo di orgoglio, quello della giustizia minorile”. Così, in una nota, Federico Palomba (IdV), vicepresidente della commissione Giustizia alla Camera, dopo la risposta del ministro Alfano ad una sua interrogazione in merito. “Il ministro Alfano ha detto una cosa gravissima – spiega Palomba – ha confermato che sta procedendo allo smembramento del personale della giustizia minorile, per dissolverne le preziosissime risorse in altri settori dell’organizzazione giudiziaria e nell’amministrazione penitenziaria. “Ciò significa – aggiunge Palomba – che si disperderanno professionalità di quello che è il fiore all’occhiello del settore della giustizia, si disgregherà una struttura di grandissima efficienza che si distingue per l’altissimo livello di qualificazione. Il tutto, senza realizzare un solo euro di risparmio”. “Il ministro Alfano – conclude Palomba – dà così prova di grande insensibilità e totale inaffidabilità, visto che solo poco tempo fa aveva assicurato che non avrebbe mai consentito che la giustizia minorile venisse smembrata. Questa rappresenta l’ennesima indecenza da parte di un governo che a tutto pensa tranne che agli interessi della società, perché, con lo smembramento di questo settore, si andrà anche a compromettere il recupero dei minori. Si fermi finché è in tempo: la giustizia minorile è tutt’altro che una giustizia minore”.

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Centro destra e diritti ai gay

Posted by fidest press agency su giovedì, 7 ottobre 2010

In pochi giorni, dal centro destra, sono arrivati due rumorosi sì ai diritti per le coppie di fatto gay. E’ il caso, nell’intervento alla Camera nel corso del dibattito sulle comunicazioni del presidente del Consiglio, di Benedetto Della Vedova, vicepresidente vicario dei deputati di Futuro e Libertà, che ha chiesto al governo di approvare “leggi che riconoscano le coppie di fatto omosessuali ed eterosessuali”. A tutta la classe dirigente chiediamo di esprimersi con chiarezza su questioni che reputiamo non ulteriormente differibili: il diritto all’uguaglianza, la piena cittadinanza, l’abolizione di ogni discriminazione fondata sull’orientamento sessuale e l’identità di genere, una legge di reale tutela contro l’omo-transfobia, l’accesso al lavoro per le persone trans, l’accesso alla procreazione medicalmente assistita per le persone e le coppie, nonché l’adozione di leggi a tutela dei numerosi figli di gay, lesbiche e persone transessuali. Di fronte a questi segnali positivi, forti dell’’esperienza trentennale di elaborazione politico-culturale della nostra associazione, riteniamo che ci siano le condizioni politiche per un incontro-confronto diretto con i deputati di centro-destra che hanno espresso queste aperture e con tutte le altre forze politiche e sociali, anche per tradurre le dichiarazioni in esperienze concrete. Paolo Patanè, presidente nazionale Arcigay

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Elezioni anticipate e Montezemolo

Posted by fidest press agency su giovedì, 7 ottobre 2010

Dichiarazione di Mariano Rabino (Vice Segretario PD Piemonte) “Condivido pienamente la proposta avanzata da Goffredo Bettini, ovvero un impegno politico di Luca Cordero di Montezemolo a guida di un’ampia e trasversale alleanza in grado di portare l’Italia fuori dalla situazione di emergenza democratica in cui si trova, sconfiggere i vari populismi ed aprire una nuova stagione di normalità.  Se Montezemolo si candidasse alle primarie di coalizione sarei felice di votarlo e sostenerlo. Sarebbe una grande occasione per il Partito Democratico, che deve uscire dalle varie alchimie sulle alleanze e dire con chiarezza con chi si vuole alleare e con quale programma. Una grande opportunità per costruire finalmente una nuova identità riformista, di impianto liberale e sociale”.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

C’è chi cerca lo scontro

Posted by fidest press agency su giovedì, 7 ottobre 2010

I fatti di queste ultime ore, dall’attacco alla sede nazionale della Cisl alle scritte apparse ad Ivrea, dovrebbero far riflettere tutti sul crescendo di tensione e di conflittualità nel nostro Paese. E’ necessario far prevalere il senso di responsabilità e difendere i valori del confronto e del rispetto.
La scelta di alcuni esponenti della Fiom di partecipare a un dibattito organizzato dal centro sociale Askatasuna non va purtroppo in questa direzione, perché finisce con dare spazio a chi ha organizzato l’aggressione a Raffaele Bonanni e al PD in occasione della Festa Democratica, nonché numerosi altri atti violenti e intolleranti a Torino e in Valle di Susa.  Chi cerca sistematicamente lo scontro e il conflitto non può essere riconosciuto come interlocutore.  (Gianfranco Morgando  Segretario Regionale PD Piemonte)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »