Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 275

Contratto militari

Posted by fidest press agency su giovedì, 14 ottobre 2010

Dichiarazione di Luca Marco Comellini, Segretario del Partito per la tutela dei diritti di militari e forze di polizia: “Per il generale Domenico Rossi, presidente del Cocer Interforze e vicecapo di Stato Maggiore, si è trattato di un semplice disguido: “Non ci sono copie firmate in bianco: il documento firmato, che conteneva la tabella non compilata aveva anche in allegato il prospetto con tutte le cifre – dice a CNRmedia – Però è stata pubblicata solo la versione in bianco”. Secondo indiscrezioni però sarebbe in corso anche una istruttoria presso la Corte dei Conti per verificare la copertura finanziaria di questo nuovo contratto che innalzerebbe del 180% le indennità dei gradi intermedi. Circostanza che comporterebbe per lo Stato un ulteriore esborso di circa 7 milioni di euro.” (fonte CNR media) “Le dichiarazioni rilasciate dal generale Domenico Rossi a CNRmedia in relazione all’art. 4 del nuovo contatto che riguarda gli stipendi e le indennità per i militari, siglato dai Cocer in bianco confermano la nostra convinzione circa l’inutilità di un carrozzone che, oltre ad essere totalmente inutile per la tutela dei lavoratori con le stellette, costa ai contribuenti circa 40 MLN di euro all’anno. Se per il presidente del cocer si è trattato solo di un disguido nella pubblicazione dei documenti, la sua ammissione dell’esistenza di due copie del medesimo contratto, di cui una in bianco, richiede degli immediati accertamenti da parte della magistratura e un immediato chiarimento da parte del Ministro della difesa che, come al solito, alle numerose interrogazioni che gli abbiamo rivolto proprio sulle “stranezze” del cocer continua a non dare risposte”.
“In attesa dei dovuti accertamenti circa eventuali responsabilità che potrebbero emergere su questa vicenda, che non può e non deve essere sottovalutata per la sua eccezionale gravità, mi sembra doveroso – osserva Comelini – ed urgente che il presidente del Cocer e tutti i delegati del medesimo organismo rassegnino immediatamente le dimissioni e che nell’ambito della discussione parlamentare in merito alla riforma della rappresentanza militare questo fatto sia opportunamente considerato per giungere al più presto a una completa estensione dei diritti sindacali anche ai militari.”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: