Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 348

Artigianato veneziano: occupazione in crisi

Posted by fidest press agency su domenica, 24 ottobre 2010

La prima metà del 2010 conferma, seppur con una decelerazione, la dinamica di calo occupazionale nelle imprese artigiane in provincia di Venezia registrata nel 2009 e nel corso del 2008. I dati statistici del primo semestre 2010 segnano infatti un -2,2%, risultato ancora negativo dopo il -4,5% e il -4,3% dei due semestri dello scorso anno.  La congiuntura difficile non risparmia nessun settore: soffre soprattutto il macrocomparto delle costruzioni, che, con un -3,3% accresce il dato negativo (-3,0%) del periodo luglio-dicembre 2009. Segno negativo anche per il terziario (-2,0%) e il manifatturiero (-1,8%). Solo 3 settori sui 14 complessivi registrano invece dinamiche positive: calzaturiero (+2,9%), impiantistica (+0,7%) e servizi alla persona (+0,6%). Nel territorio provinciale la maglia nera spetta al mandamento di Chioggia con -6,8% seguito da quello di Mestre con -4,9% e Cavarzere con -4,1%. Tutti i mandamenti, nessuno escluso, registrano comunque segno negativo.  Confermando, poi, i numeri al ribasso del secondo semestre 2009, il dato occupazionale negativo continua ad investire sia i lavoratori italiani (la maggioranza dello stock complessivo) con il  -2,2%, sia i lavoratori stranieri (-1,8%). Entrambi però recuperano alcuni punti percentuali rispetto al secondo semestre 2009, quando il dato sui lavoratori italiani segnava un -4,2% e per gli stranieri un -7,7%.
Analizzando i singoli settori produttivi, solo 3 su 14 manifestano dinamiche occupazionali positive: calzaturiero (+2,9%), impiantistica (+0,7%) e servizi alla persona (+0,6%). Per quanto riguarda le tipologie d’occupazione, segno negativo – anche se in recupero – nelle richieste delle aziende in provincia di Venezia anche per le mansioni impiegatizie (-4,0% contro il -7,2% del secondo semestre 2009); in lieve risalita anche il dato riguardante la richiesta di operai, sempre però con segno negativo (-1,4% contro -3,9% della seconda parte del 2009). Le aziende, poi, continuano a essere restie alla formazione e assunzione di nuove maestranze: gli apprendisti under 18 risultano essere il 35,4% in meno nel primo semestre 2010, mentre quelli sopra i 18 anni fanno registrare un -3,4%.  A fianco del dato non troppo pesante relativo al part time (-1,1%), le assunzioni, pur segnando una dinamica negativa (-14,4%), fanno registrare una risalita rispetto al secondo semestre 2009, periodo in cui si era registrato un -32,5%. Si attestano invece all’1% i licenziamenti, valore meno negativo del 3% del secondo semestre 2009 ma ancora molto pesante se si considera il -12,3% di un anno fa.  La disaggregazione per territorio è invece quasi tutta in rosso, se si fa eccezione per San Donà di Piave (+12,6%) e Dolo (+10,9%) Da segnalare infine la diminuzione dello stock delle imprese artigiane veneziane a causa della contrazione che riguarda che interessa i comparti del manifatturiero e delle costruzioni.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: