Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 335

“Il milione” alle sale monumentali

Posted by fidest press agency su martedì, 26 ottobre 2010

Venezia, 30 ottobre, ore 16.00 l’opera “Il Milione” alle Sale Monumentali della Biblioteca Nazionale Marciana (Piazzetta San Marco 13/a) Nell’ambito della manifestazione nazionale “Ottobre, piovono libri 2010”, sabato 30 ottobre, alle ore 16.00, l’Orchestra Giovanile Veronese (cinquanta ragazzi tra strumenti e coro) per la direzione del maestro Carlo Miotto, presenta finalmente a Venezia l’opera “Il Milione”, nata dalla proficua collaborazione con il compositore veronese Giannantonio Mutto.
Composta nel 2008 per lo Stage Internazionale per Giovani Musicisti “Villa Buri Musica”, l’opera per coro e orchestra trova le sue radici nella cultura veneta e nella storia della letteratura italiana, trasmettendo nel contempo l’aspirazione di Marco Polo alla conoscenza di mondi nuovi, di civiltà diverse e arricchenti. La musica riecheggia barcarole veneziane e melodie di paesi lontani, suggestioni etniche con una strizzata d’occhio alla Cina del Khan Kublai. L’esecuzione è accompagnata da testi scritti e narrati da Giovanni Signori, attore e regista del “Teatro dei Vaganti”, e dalla proiezione delle immagini di Lele Luzzati, gentilmente concesse dalla casa editrice “Nuages”. Nel libretto di Maria Gianfilippi de’ Parenti e Valentino Perera, il ricordo di giochi e filastrocche nei campielli veneziani spinge Marco Polo, partito ragazzo per sete di avventura, a ritornare arricchito di qualcosa che non può essere venduto, ma solo regalato: l’incontro con culture diverse lo conduce a riconoscere il loro valore e la loro specificità, nell’accrescimento della conoscenza. Allo stesso tempo, il viaggio di Marco rappresenta un cammino di crescita personale, che si sviluppa nel superamento di vari ostacoli, come ad esempio la paura dello straniero, e nel mantenimento del legame con le sue radici culturali, che gli permettono l’aspirazione al ritorno.
In una visione più individuale, il viaggio di Marco Polo rappresenta il percorso che ognuno di noi è chiamato a fare nel momento in cui affronta la propria vita. I ragazzi vedono davanti a sé un viaggio meraviglioso, ricco di promesse ma anche di insidie. E, come Marco, dovranno affrontare i pericoli che provengono dall’esterno (i Tartari) e la solitudine e la paura che nascono nell’intimo (il deserto). Riuscire a vincere le difficoltà, riconoscere se stessi negli aspetti positivi come nelle proprie debolezze, è la chiave di volta nella costruzione della propria identità.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: