Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 229

Archive for novembre 2010

La pastorizia ė come la Fiat per Torino

Posted by fidest press agency su martedì, 30 novembre 2010

“Per la Sardegna la pastorizia ė come la Fiat per Torino” lo ha detto a Torino il leader del Pastori Sardi Felice Floris che, su invito del regista Paolo De Falco ha partecipato alla proiezione del film Via Appia in concorso nella sezione italiana doc al Torino Film Festival.   “Il Movimento Pastori Sardi infatti oggi trova al suo fianco intellettuali attenti come Pascale e De Falco autori di questo film che colgono il valore epocale della nostra lotta, che è dalla parte dell’intero territorio rurale dell’Italia, tra l’altro affinché il prodotto “doc” non sia solo retorica, ipocrisia e “confezionamento” di materia prima importata dall’estero, dove molto spesso ci sono altre regole e minore rigidità a salvaguardia della salute dei consumatori.” “Molti altri sono i temi trattatati dal film – è stato detto a Torino – come la salvaguardia del territorio e del paesaggio, il peso del patrimonio artistico del nostro paese quando esso non riesce a trasformarsi in ricchezza, la funzione civile dello scrittore intesa, più che nella sua capacità di denuncia, nella sua capacità di interrogarsi con profondità; la resistenza della Comunità Provvisoria al progetto dello Stato di trasformare in discarica la piana del Formicoso, in Irpinia; il continuo dubbio se rimanere al sud (o più in generale in Italia) oppure partire; la ricerca spirituale che diventa abbandono ancestrale, selvaggio alla natura. Un film dunque mistico e politico sul tema dell’identità che propone il futuro come un nuovo inizio, “le macerie” come l’alba di una nuova era” è stato detto a Torino. “Tutti temi che coinvolgono anche la Sardegna prigioniera di una crisi drammatica in tutti i settori della sua economia, che in certi momenti può apparire senza via d’uscita. Una via d’uscita che tutti i sardi devono invece continuare a cercare con una dura lotta come quella dei pastori, degli studenti e dei lavoratori delle industrie che chiudono” ha ricordato Felice Floris, complimentandosi con gli autori del film realizzato con il contributo della Regione Puglia e del Comune di Roma.    Nella foto Felice Foris consegna il fazzoletto del MPA al regista de Pascale

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Capolavori del museo nazionale di Belgrado

Posted by fidest press agency su martedì, 30 novembre 2010

Roma, 11 dicembre 2010 – 6 febbraio 2011 Palazzo del Quirinale Mostra Presso l’Archivio Storico della Presidenza della Repubblica Italiana a  cura di Louis Godart Le relazioni attive da tempo in ambito culturale tra l’Italia e la Serbia hanno permesso un importantissimo restauro: quello dell’ormai celebre “Magnifico Cratere”, grande vaso bronzeo databile alla fine del VI secolo a.C., emblema della collezione greca del Museo Nazionale di Belgrado.
Pervenuto in Italia nel 2007 per la mostra “Balkani. Antiche civiltà tra il Danubio e l’Adriatico”, allestita presso il Museo Archeologico Nazionale di Adria, il cratere è stato successivamente oggetto di studio e di restauro grazie all’impegno scientifico e tecnico della Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Roma in accordo con la direzione del Museo Nazionale di Belgrado e al supporto della Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo. Dopo circa tre anni di lavori condotti dalla Soprintendenza romana unitamente ai tecnici del Centro Nazionale Ricerche di Roma e di Pisa, dell’Università “La Sapienza”, Dipartimento di Scienze della  Terra e Dipartimento di Chimica, dell’istituto Superiore Conservazione e Restauro del MIBAC e la collaborazione dello staff scientifico serbo, il cratere è oggi finalmente restaurato, visibile in tutto il suo splendore, superbo manufatto di un’officina greca attiva tra la fine del VI e l’inizio del V secolo a.C. Ritrovato a Trebenište, nei pressi di Ocrida, da una missione archeologica jugoslava nel 1931, il “Magnifico Cratere” è documento altissimo della toreutica greca arcaica, insieme ad un analogo recipiente proveniente dalla medesima necropoli, ora presso le collezioni del Museo Archeologico di Sofia, in Bulgaria. Insieme al più noto e gigantesco “Cratere di Vix”, ritrovato e conservato in Francia, quello di Belgrado appartiene ad un ristrettissimo gruppo di vasellame bronzeo da mensa giunto fino a noi. La sua eccezionalità artistica è inoltre incrementata dalla presenza del treppiede, unicum non riscontrabile altrove. Questo, l’alto collo e le due grandi anse a volute e il piede del cratere, presentano una raffinata decorazione ottenuta per fusione ed incisione, composta da elementi figurati – gorgoni, cavalieri e cavalli in corsa e cani-, geometrici e vegetali, propria della migliore produzione artistica della Grecia ancora arcaica.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Meeting The Learning Museum

Posted by fidest press agency su martedì, 30 novembre 2010

San Giorgio in Poggiale dal 1 al 3 dicembre 2010 presso la biblioteca Genus Bononiae ospiterà due distinti gruppi di  esperti e rappresentanti di musei e organizzazioni museali internazionali provenienti da oltre 30 paesi. Presso La Biblioteca di San Giorgio in Poggiale si svolgeranno infatti i lavori del meeting di inizio del progetto  LEM (the Learning Museum) coordinato da Istituto Beni Culturali Regione Emilia Romagna in collaborazione con 24 partner da 17 paesi europei,  tra cui European Museum Academy (NL) – con cui Genus Bononiae ha già realizzato in primavera un seminario internazionale sui musei realizzati da Fondazioni Bancarie –  il museo della Università di Manchester, l’Associazione dei Musei tedeschi, il Ministero della Cultura spagnolo,  la National Gallery of Ireland,  l’Organizzazione dei Musei Danesi e altri.
LEM è un progetto europeo finanziato dal programma Grundtvig 2010-2013 che ha l’obiettivo di creare un network europeao di musei e organizzazioni del settore attive nel campo della educazione lungo l’interno arco di vita. Al programma partecipa anche il Museo di Antropologia dell’Università di Denver. Genus Bononiae collaborerà agli sviluppi del progetto anche come caso di studio di un museo  a scala urbana di nuova concezione.
Il giorno 1 dicembre , inoltre, Genus Bononiae sarà meta di una visita di studio da parte di venti corsisti del Corso di Perfezionamento  TPTI.- Tecniche, Patrimoni, Territori dell’Industria organizzato dalle Università Sorbona Pantheon, Evora e Padova  e sostenuto dal programma Erasmus Mundus. TPTI è giunto alla sua terza edizione e si articola in due anni di corso con semestri tenuti in Francia, Portogallo e Italia.  I partecipanti provengono quasi tutti da paesi extraeuropei (Cina, Iran, Messico, Burkina Fasu, Tunisia, Vanuatu, Etiopia, Corea, ecc.) e hanno già conseguito una prima qualifica universitaria nei settori della architettura, ingegneria, storia, antropologia. La visita a Genus Bononiae sarà preceduta dalla visita al Museo del Patrimonio Industriale, entrambi casi di studio relativi alla rappresentazione e valorizzazione dei molteplici aspetti della storia di una antica città europea come Bologna. I partecipanti ai due diversi  programmi visiteranno i diversi luoghi in cui si articola il percorso museale e culturale di Genus Bononiae e saranno informati sulle metodologie di sviluppo del progetto e le sue finalità.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

20 vedute della Basilica di Loreto

Posted by fidest press agency su martedì, 30 novembre 2010

Loreto 3 dicembre ore 15.30, fino al 15 gennaio 2011 20 vedute della Basilica di Loreto. Mostra di Andrea Sòcrati, presso il Museo Antico Tesoro del Santuario di Loreto alla presenza dell’Arcivescovo Monsignor Giovanni Tonucci, con il patrocinio del Museo Tattile Statale Omero e della Delegazione Pontificia di Loreto. Fino al 15 gennaio 2011. Il santuario di Loreto vanta  nelle sue raccolte d’arte una ricca serie di Vedute,  per lo più a incisione, ma anche pitture, che spaziano dal  XVI al XX secolo. Esse costituiscono un documento di notevole interesse per definire la genesi e lo sviluppo architettonico del Santuario e della città che lo racchiude dentro un’articolata cinta muraria.  Le vedute di Andrea Sòcrati si distaccano da tutte quelle precedenti per la tecnica e la finalità: essa è infatti mutuata dai sistemi con  cui si realizzano i disegni a rilievo per le persone non vedenti. Con particolari accorgimenti è stata evidenziata la potenzialità estetica di tale tecnica unendo così la forza della visione ai valori della tattilità. Nel dettaglio, si parte da una fotografia  che poi viene disegnata e rielaborata al computer manualmente  e poi ancora  poi viene stampata in rilievo con colori a mano.  Il  profilo della   Basilica  della Santa  Casa,  appare nelle immagini di Socrati immersa nel verde e nella natura, oppure assalita da ridenti vigneti, o  contaminata dalle palme. Ma ci sono anche vedute del sacro, come quelle  delle processioni. Tutti elementi che fanno di Loreto un luogo dove  la religiosità  invade e determina il paesaggio. L’immagine è dunque fruibile non solo attraverso la vista ma anche attraverso l’esplorazione aptica, consentendo ai non vedenti un approccio diretto all’opera, che prevede anche una breve descrizione in Braille, ai vedenti di godere con la vista dei particolari effetti dati dalla tecnica a rilievo e di superare il tabù del toccare l’opera avendo un approccio intimo con la stessa e cogliendone, allo stesso tempo, anche le sensazioni delle texture e della particolare carta impiegata. Farà parte dell’esposizione anche un piccolo modello della basilica realizzato in terracotta. La mostra è documentata da un catalogo i cui testi sono costituti da una prefazione dell’Arcivescovo Monsignor Giovanni Tonucci e una nota critica di Padre Giuseppe Santarelli.
Nota biografica: Andrea Sòcrati nasce a Roma il 30 novembre 1965 e risiede ad Ancona. E’ storico dell’arte, docente specializzato per il sostegno negli istituti secondari di secondo grado e responsabile della didattica speciale per minorati della vista del Museo Tattile Statale Omero. (veduta loreto)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

L’aborto e i suoi retroscena

Posted by fidest press agency su martedì, 30 novembre 2010

Roma 1 dicembre 2010, alle 14.30, presso l’Università Europea (via degli Aldobrandeschi 190), si terrà l’incontro-dibattito “L’aborto e i suoi retroscena. Vita e maternità spezzate”, in occasione della presentazione del libro omonimo a cura di Alessia Affinito e Virginia Lalli, edito da IF Press. Dopo il saluto di Padre Paolo Scarafoni, L.C., Rettore dell’Università Europea di Roma, interverranno: il Prof. Antonio Baldassarre, Presidente Emerito della Corte Costituzionale, la Dott.ssa Mariannina Amato, psicologa, l’Avv. Virginia Lalli, curatrice del libro, il Prof. Massimo Losito, della Facoltà di Bioetica dell’Ateneo Pontificio Regina Apostolorum, il Prof. Mario Palmaro, Filosofo del diritto, docente dell’Università Europea di Roma, e il Dott. Giacomo Rocchi, Magistrato, Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Firenze. Modererà la Dott.ssa Alessia Affinito, curatrice del libro. La questione aborto, dopo la sua legalizzazione in Italia, è considerata chiusa da tempo: rimossa, cancellata. Si tratta invece della prima causa di morte in Europa: un aborto ogni 11 secondi. Nel volume “L’aborto e i suoi retroscena. Vita e maternità spezzate” dieci saggi introdotti da Antonio Baldassarre esaminano l’aborto legale come non viene mai raccontato. Nei suoi controversi aspetti giuridici, nella carica distruttiva che reca con sé, nel rifiuto che è in grado di opporre all’altro. In quali termini si può parlare di una vita prenatale? Quali sono gli effetti della sofferenza post-abortiva? Esiste una relazione tra difesa della vita e democrazia? Il testo offre un approfondimento pluridisciplinare attraverso contributi che affrontano i molteplici aspetti della questione: dalle implicazioni filosofiche e politiche dell’aborto di Stato alle misure di sostegno alla maternità difficile, dalle questioni di carattere giuridico della legislazione abortista ai problemi poco noti della cosiddetta “contraccezione d’emergenza” e dell’eutanasia prenatale. Alessia Affinito è dottoranda di ricerca presso l’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”, dove si è laureata con lode in Filosofia. Ha conseguito il master in Discipline parlamentari e Politiche pubbliche presso la Luiss Guido Carli e, in precedenza, la laurea in Giornalismo presso l’Università Lumsa di Roma. I suoi interessi di ricerca riguardano la filosofia politica anglosassone, le politiche di promozione della giustizia negli ordinamenti e le problematiche etiche relative ai processi di secolarizzazione, con particolare riferimento al rapporto tra diritto alla vita e democrazia.Virginia Lalli è avvocato, consigliere dell’Associazione “Avvocatura in Missione” e responsabile del settore donne per “Nuove Frontiere” onlus. Collabora con diversi enti umanitari, relatrice e curatrice di convegni sul tema dell’aborto e della L.194/78. Si occupa di attività formative ed educative ai Diritti umani. (rettore)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La viabilità nel Sud

Posted by fidest press agency su martedì, 30 novembre 2010

Morano Calabro (Cs) Ci scrive Giuseppe Di Luca, responsabile del settore giovanile: “Da ormai parecchi mesi perdura, presso le nostre ormai martoriate contrade, un grosso problema di viabilità, problema anni fa  risolto con il completo rifacimento del manto stradale per merito dell’allora amministrazione De Bartolo. Ad oggi purtroppo a seguito dei lavori per la creazione della rete idrica e fognaria del campo base del cantiere autostradale, questa spiacevole situazione, che arreca problemi sia alla cittadinanza che ai turisti che giungono  presso le strutture ristorative situate in zona, si è ripresentata. Durante gli scavi si sono più volte verificate rotture della rete idrica comunale, con conseguenti disagi: a breve termine per l’interruzione della fornitura  della idrica, ed a lungo termine a causa della presenza di pietre e fango nelle tubazioni, che giungendo nelle abitazioni hanno causato non pochi danni. Ma il danno persistente come già anticipato riguarda il manto stradale, in quanto dopo alcuni mesi dalla fine dei  lavori non è stato ancora ripristinato, ed oggi con le abbondanti piogge autunnali  le strade sono state inondante per centinaia di metri da fango e detriti, creando delle voragini enormi. Qualche cittadino di buona volontà, visto il totale immobilismo amministrativo che alberga da ormai due anni a Morano, ha provato a rimediare per quanto possibile, ma chiaramente  ciò non basta poiché la cosa si ripete ogni qualvolta piove. Ritengo che un amministrazione comunale debba adempiere ai propri compiti che comprendono la supervisione ai lavori che interessano il proprio territorio e l’eventuale intervento ,quando, come in questo caso, la ditta appaltatrice dei lavori ha pensato bene di non completarli, con notevole risparmio, considerando che non esiste nessun tipo di controllo. Pertanto a titolo personale e per nome di tutti i residenti, chiedo a codesta amministrazione di prendere in considerazione la problematica e risolverla in tempi utili (l’inverno è alle porte), possibilmente non  come il caso delle buche, per le quali l’amministrazione ha “risolto” il problema, facendo installare dei cartelli di “pericolo buche”. Questa soluzione sembra una presa per i fondelli vera e propria, dato che invece in campagna elettorale aveva promesso il rifacimento di un Km di manto stradale all’anno, ed in merito al quale lo scetticismo sembrava eresia, purtroppo però risponde a verità.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Vendita collezione pezzi esclusivi

Posted by fidest press agency su martedì, 30 novembre 2010

Milano 2 Dicembre – corso Garibaldi 117 angolo via Marsala, 13 Dalle ore 18 alle ore 20 In vendita una collezione di pezzi esclusivi, realizzati tutti con materiali diversi, in lotti di massimo 20 pezzi, in modo che ogni singolo capo sia unico Si tratta di capi versatili ed originali allo stesso tempo, che sanno dare charme all’abbigliamento di ogni giorno, o trovare la soluzione originale per la sera o le uscite mondane. L’amore per gli accessori di Virginie Connan, creatice del marchio Le Lièvre et la Tortue, è evidente nella collezione proposta. Ha una grande dote: sa rendere unico ogni capo con classe. I prezzi sono stati fissati volutamente accessibili da Virginie Connan, la stilista, che vuole creare così un’alternativa alle boutique tradizionali, ma senza rinunciare al fashion e al servizio di avere accanto nella scelta dell’abito o dell’accessorio una personal shop in grado di consigliarvi e darvi suggerimenti per un look raffinato, ma allo stesso tempo portabile, caldo e pratico. Virginie Connan, madre di tre figli, stilista ed imprenditrice di successo, spiega: “La vera eleganza è fatta di piccole cose, particolari, che sanno dare tono all’abbigliamento. Ogni capo è esclusivo e nasce da una scelta accurata di tessuti e di linea. Mai rinunciare a sentirsi belle anche e soprattutto nella vita di ogni giorno”.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Alberi di Natale e catene luminose

Posted by fidest press agency su martedì, 30 novembre 2010

Natale si avvicina e le case iniziano ad essere addobbate con gli abeti, naturali o sintetici (l’8 dicembre e’ la data classica).  Le catene luminose (ghirlande luminose o luminarie) utilizzate per adornare gli alberi possono essere estremamente pericolose se non hanno il marchio di sicurezza e non sono conformi alle norme del Comitato elettrotecnico italiano. Pericolosissime le catene luminose importate dall’Estremo Oriente, che possono fregiarsi del marchio CE (Conformita’ Europea da non confondere con China Export), ma che e’ apposto dal produttore o dall’importatore e che non garantisce la sicurezza. Le luci sono pericolose per il rischio di scosse o folgorazioni per i bambini che ci giocano, possono provocare incendi per surriscaldamento, favoriti dalla infiammabilita’ degli abeti resinosi e dal fatto che spesso sono lasciate accese anche di notte o durante la lontananza da casa, cioe’ in condizioni di assenza di controlli. Il passaggio del fuoco alle tende e ai mobili e’ consequenziale e pericolosissimo. Per avere la sicurezza occorre che le catene luminose oltre al marchio CE abbiano la certificazione dell’Istituto italiano del marchio (IMQ), che sottopone le luminarie ad una serie di controlli di sicurezza (autoestinzione, diametro del filo, ecc.). (fonte aduc)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Torna Divertirsi… per Bene

Posted by fidest press agency su martedì, 30 novembre 2010

Rozzano 3 dicembre, presso il Teatro Fellini (Viale Lombardia, 3, ore 21.00), in provincia di Milano, si terrà Divertirsi… per Bene, la seconda edizione della serata benefica di sensibilizzazione e raccolta fondi a favore dei malati di Sclerosi Laterale Amiotrofica e degli altri malati neuromuscolari del Centro Clinico Nemo. Lo spettacolo, che si caratterizzerà come un Cocktail di Artisti con Musica, Danza, Letture, nasce anche quest’anno da un’idea di Marco Pistone, curata, realizzata e diretta da Alberto Olivero, attore teatrale, direttore di doppiaggio e voce ufficiale di Radio 101, e Alessandro Cerino, noto musicista, compositore e arrangiatore. L’evento gode del patrocinio del Comune di Rozzano e vede Radio 101 quale media partner. La serata, che sarà coordinata dagli stessi Olivero e Cerino, vedrà gli interventi di ospiti quali Alberto Fontana, presidente di Fondazione Serena Onlus, l’ente gestore del Centro Clinico NEMO, cui sarà devoluto il ricavato, e Massimo Corbo, direttore clinico del Centro stesso, che illustrerà e testimonierà le necessità cliniche dei malati di SLA, le peculiarità e gli aspetti della vita quotidiana in relazione alla malattia. Inoltre, in uno spirito di continuità con la prima edizione, parteciperanno Roberto Biagini, stilista famoso non solo per gli abiti ma anche per gli accessori di grandissima eleganza e ricercatezza, Roberto Fascilla, già direttore artistico del Teatro San Carlo e Primo Ballerino alla Scala, ed Edoardo Raspelli, critico enogastronomico e conduttore del programma televisivo Melaverde, su Rete 4. A impreziosire ulteriormente la serata, rendendola un evento unico ed emozionante, ci saranno alcuni testi di Mario Melazzini, direttore scientifico di NEMO ed egli stesso malato di SLA, e di Antonino Pistone letti da Alberto Olivero, le musiche originali di Alessandro Cerino eseguite insieme al suo Action Quartet, composto da piano (Davide Incorvaia), contrabbasso (Stefano Grassi) e batteria (Sebastiano Bubba Sempio) e arricchito dalla voce di Barbara Boffelli, quelle della cover band Dejavù e le esibizioni di danza delle ballerine Olivia Kwong e Chiara Ottone. In occasione della serata, Marco Pistone realizzerà un cocktail speciale dedicato all’ospite d’onore, Sandro Cerino.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Sicurezza sul lavoro: più di 2mila infrazioni

Posted by fidest press agency su martedì, 30 novembre 2010

Il dossier statistico esamina il periodo che va da gennaio ad ottobre 2010. In quest’arco temporale, gli analisti del Cfs Edilizia di Atripalda disegnano la cartina delle inadempienze riscontrate nei 300 cantieri irpini, verificati più volte, per un totale di 559 visite di consulenza.
Nove le categorie che strutturano il report: impianti di cantiere, dispositivi di protezione individuale, adempimenti, scavi, impianti elettrici, macchine, ponteggi-andatoie-ponti, servizi igienico assistenziali, lavori in sotterraneo. Ognuna delle classi, oggetto di verifica, riporta sia il numero delle infrazioni registrate per sottocategoria di appartenenza sia il numero totale delle inosservanze individuate nel periodo temporale preso in considerazione. Ogni inadempienza è poi calcolata in valore assoluto ed in percentuale rispetto al totale delle infrazioni censite.  Per Di Giacomo (presidente Cfs Edilizia Avellino) occorre: “Investire maggiormente in formazione trasversale per elevare nei nostri cantieri gli standard di sicurezza” E per Solimene (direttore Cfs Edilizia Avellino): “Dati preoccupanti ma che non sono una novità. Necessaria una nuova mentalità, nei manager e negli operai, che pone la sicurezza al centro dei processi produttivi” L’Osservatorio Cfs conta, infatti, 759 violazioni che equilvalgono al 32,9 per cento del totale delle inosservanze evidenziate nei primi dieci mesi dell’anno. La normativa di settore stabilisce che quando si fanno lavori superiori a 2 metri di altezza è necessario ricorrere a sistemi di protezione per evitare cadute dall’alto sia di cose che di persone. Su questo fronte, i dati territoriali evidenziano diversi gap. Primo fra tutti la mancanza di sottoponti ovvero di ponti di sicurezza messi al di sotto del piano di lavoro. Quando si costruisce un fabbricato, la legge, in pratica, prevede la realizzazione di sottoponti, a distanza non superiore di 2 metri e 50 centimetri dal ponte base di lavoro, funzionali a scongiurare la caduta di materiale dall’alto. Qui le infrazioni, nei cantieri edili irpini, arrivano a quota 151: il 6,5 per cento del totale registrato. E gli allarmi continuano negli intavolati pericolanti (base di lavoro che deve essere realizzata con tavole fra loro aderenti e fissate in modo da non scivolare) e parapetti inadeguati, non messi in totale sicurezza con inadempienze che ammontano rispettivamente a 135 (5,8%) e 124 (5,3%) casi nel periodo oggetto d’analisi. Sul podio generale della classifica nera delle irregolarità più numerose entrano anche, al terzo posto, gli adempimenti di natura organizzativa con il 17,8 per cento del totale delle infrazioni che tradotto in valore assoluto vuol dire 410 casi di illeciti individuati. Da gennaio ad ottobre 2010, i tecnici del Cfs registrano nei cantieri della provincia di Avellino 81 violazioni (3,7%) per mancanza di piani operativi di sicurezza, 70 inosservanze per totale carenza di notifiche preliminari cioè l’obbligo di comunicare all’Asl e all’Ispettorato del Lavoro di competenza l’inizio di un lavoro edile. Terzo lacuna: informazione e formazione dei lavoratori. Sessantatrè infrazioni, pari al 2,7 per cento del totale, che misurano, in sostanza, il dato delle imprese edili endogene che non hanno ancora provveduto a far svolgere ai propri lavoratori una formazione preventiva di 8 ore obbligatoria per legge già con la 626. Ma le infrazioni non finiscono qua. Ed investono altri campi d’intervento lavorativo come i macchinari adoperati per un cantiere che difettano di protezioni adeguate (10,2% delle infrazioni sul totale) e gli scavi di lavoro dove l’inosservanza più comune è rappresentata dall’assenza di appropriati transennamenti (58 casi di settore). Problemi anche per gli impianti di cantiere dove, ad esempio, recinsioni non sicure, che delimitano un’area di lavoro, si manifestano in 47 casi d’infrazione.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Vendita collezione pezzi esclusivi

Posted by fidest press agency su martedì, 30 novembre 2010

Milano 2 Dicembre – corso Garibaldi 117, angolo via Marsala 13 Dalle ore 18 alle ore 20 In vendita una collezione di pezzi esclusivi, realizzati tutti con materiali diversi, in lotti di massimo 20 pezzi, in modo che ogni singolo capo sia unico Si tratta di capi versatili ed originali allo stesso tempo, che sanno dare charme all’abbigliamento di ogni giorno, o trovare la soluzione originale per la sera o le uscite mondane. L’amore per gli accessori di Virginie Connan, creatice del marchio Le Lièvre et la Tortue, è evidente nella collezione proposta. Ha una grande dote: sa rendere unico ogni capo con classe. I prezzi sono stati fissati volutamente accessibili da Virginie Connan, la stilista, che vuole creare così un’alternativa alle boutique tradizionali, ma senza rinunciare al fashion e al servizio di avere accanto nella scelta dell’abito o dell’accessorio una personal shop in grado di consigliarvi e darvi suggerimenti per un look raffinato, ma allo stesso tempo portabile, caldo e pratico. Virginie Connan, madre di tre figli, stilista ed imprenditrice di successo, spiega: “La vera eleganza è fatta di piccole cose, particolari, che sanno dare tono all’abbigliamento. Ogni capo è esclusivo e nasce da una scelta accurata di tessuti e di linea. Mai rinunciare a sentirsi belle anche e soprattutto nella vita di ogni giorno”.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Malattia di Parkinson

Posted by fidest press agency su martedì, 30 novembre 2010

Il Policlinico Universitario Gaetano Martino di Messina si conferma polo d’eccellenza per la Sicilia nella diagnosi e nel trattamento dei disturbi del movimento, tra cui la Malattia di Parkinson e i parkinsonismi. Presso l’Ambulatorio Malattia di Parkinson (Responsabile Professor Letterio Morgante) della Unità Operativa Dipartimentale di Neurofisiopatologia e Disordini del Movimento del Policlinico Universitario diretta dal Professor Paolo Girlanda afferiscono circa 2.000 pazienti che, grazie ai continui progressi delle terapie farmacologiche e chirurgiche, possono contare su diverse strategie terapeutiche in grado di contrastare il peggioramento della sintomatologia.
“La Malattia di Parkinson è la 2° patologia neurologica cronica più diffusa tra gli anziani dopo l’Alzheimer e colpisce in Italia oltre 150 mila persone. La sua prevalenza a livello mondiale è stimata attorno all’1-2% della popolazione di età superiore ai 65 anni – afferma il Professor Letterio Morgante. Il nostro Centro da oltre vent’anni si occupa di questa patologia e si è sempre distinto per l’alta specializzazione dei trattamenti che vanno dalle terapie, per così dire, ‘tradizionali’ a quelle alternative (per alcuni casi selezionati) per la fase complicata di malattia, come la terapia infusiva con farmaci dopaminergici e la terapia chirurgica non lesionale di stimolazione del nucleo subtalamico, effettuata grazie alla collaborazione con l’Unità di Neurochirurgia diretta dal Professor Francesco Tomasello”.
Il Centro di Messina svolge un’intensa attività di ricerca, anche in collaborazione con altri Istituti neurologici italiani, soprattutto nell’ambito dell’epidemiologia e dei sintomi non motori, la cui corretta gestione è rilevante per il miglioramento della qualità di vita dei pazienti. Inoltre, negli ultimi anni sono state avviate una serie di sperimentazioni farmacologiche multicentriche mirate allo studio di nuovi farmaci e alla ricerca di nuove soluzioni per migliorare il profilo di molecole già in uso con provata efficacia. In questo contesto è noto che l’uso dei dopamino agonisti è stato notevolmente supportato, negli ultimi anni, da numerose pubblicazioni di studi che hanno dimostrato come il precoce utilizzo di questi farmaci possa ritardare significativamente l’insorgenza delle fluttuazioni motorie. Recentemente è stata introdotta in terapia una nuova formulazione di dopaminoagonista a rilascio prolungato (pramipexolo a rilascio prolungato) con la possibilità di unica somministrazione giornaliera.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

I movimenti per la vita crocifissa

Posted by fidest press agency su martedì, 30 novembre 2010

Lettera al direttore. Dimenticare la risurrezione del Cristo e preferire vederlo solo sulla croce, è un gravissimo errore che commettono molti cristiani. Del resto, vederlo in croce, il Cristo,  ci rassicura. E’ lì, sulla croce, che il Signore soffre per noi, per la nostra salvezza. Oltre a salvarci, in qualche modo ci libera anche dai sensi di colpa. Se poi c’è un nostro simile che soffre e che il Cristo in croce ce lo mostra in carne e ossa, qui e ora, ci sentiamo ancora più rassicurati: non c’è bisogno che siamo noi personalmente a sacrificarci, a pagare per le nostre colpe, giacché c’è chi lo fa al posto nostro.  Le conseguenze di questo modo di pensare, magari inconscio, possono essere pericolose, se non addirittura nefaste.  In Verbi Sponsa (Istruzione sulla vita contemplativa e la clausura della monache) leggiamo: ” Le contemplative claustrali, in modo specifico e radicale, si conformano a Gesù Cristo in preghiera sul monte e al suo mistero pasquale…Al dono di Cristo-Sposo, che sulla croce ha offerto tutto il suo corpo, la monaca risponde similmente con il dono del suo corpo, offrendosi con Gesù Cristo al Padre e collaborando all’opera della redenzione” (N. 3). Ecco: le monache, in fondo, sacrificandosi per noi e al posto nostro, ci rendono un bel servizio. Si dà il caso però che  l’atto redentore di Cristo fu perfetto e sovrabbondante, e che Gesù non chiese mai a nessuno di collaborare all’opera della redenzione.  Ma se le cose stanno così, se coloro che soffrono, volontariamente o involontariamente, sono cristi in croce, non viene abbastanza naturale augurarsi, magari inconsciamente, che ci sia sempre qualcuno che soffra per noi e al posto nostro? Nel mese di settembre del 2008, padre Aldo Trento, missionario in Paraguay, divulgava la fotografia impressionante (Tempi.it 23 settembre 2008) di un bambino irrimediabilmente malato, e riferiva: «Il piccolo Victor di un anno…geme in continuazione… mmm, ah, ah, ah…La sua testa è enorme e come d’improvviso la parte inferiore è sprofondata lasciando una piccola fossa, lì dove non ha il cranio…Attraverso l’apparato messogli dai medici, è uscita tutta l’acqua della testa…l’altro giorno gli è scappato l’occhio destro: è rimasta una cavità vuota che spurga di tutto…Victor, il mio bambino, non solo è un piccolo cadaverino che vive, ma è tutto deformato, lacerato, pieno di cannucce che entrano ed escono dal corpo…Il mondo dice: perché non lo lasciate morire?…Victor è Gesù, il mio piccolo Gesù che agonizza, che soffre, che geme…Lo bacio, lo bacio sempre… i gemiti si calmano. Gli accarezzo la fronte… non più testa ormai, sgonfiata, con la pelle infossata, come un laghetto di montagna…e sento che accarezzo Gesù…Come vorrei che questo scritto con la foto arrivasse a chi ha deciso che Eluana “deve” morire. No, non può morire se Dio non ha ancora deciso. La vita è sua, di Dio… se la uccidiamo saremo tutti più poveri e disgraziati». Ecco: padre Trento aveva il suo piccolo cristo in croce che soffriva per lui e al posto suo. Per noi e al posto nostro. Il piccolo Gesù agonizzante da baciare e coccolare. E così giunge a pensare che quei tubicini, quegli apparati sofisticati per tenerlo in vita per forza, in continua agonia, siano voluti da Dio, che sia Dio ad aver deciso di non volerlo subito in cielo. Deve restare ancora sulla terra a soffrire. Per farci sentire meglio.   Eluana Englaro non sembra soffrisse, ma era pur sempre un cristo in croce da accarezzare e coccolare. Perché non tenerla in vita il più a lungo possibile? Questo modo di pensare spinge oggi i movimenti per la vita ad esultare poiché il Governo ha istituito la Giornata nazionale degli stati vegetativi, per il 9 febbraio, data in cui ad Eluana fu restituita la pace.  Movimenti per la vita, oppure per la vita crocifissa?  (Renato Pierri e Miriam Della Croce)

Posted in Lettere al direttore/Letters to the publisher | Contrassegnato da tag: , , , | 3 Comments »

Pazza idea Visioni di normale follia

Posted by fidest press agency su martedì, 30 novembre 2010

Cagliari, dal primo al 5 dicembre 2010 – ore 21  Centro comunale d’arte e cultura Il Ghetto.
Mercoledì  primo dicembre  Un posto nel mondo – con Alina Marazzi e Giovanna Del Giudice  La rassegna Pazza idea. Visioni di normale follia tra arte e letteratura, organizzata dall’associazione i Presìdi del libro della Sardegna, inaugura mercoledì primo dicembre alle ore 21 (ingresso gratuito), nella Sala delle Mura del Centro comunale d’arte Il Ghetto, con un incontro dal titolo Un posto nel mondo.  In questa prima serata la riflessione sul concetto di follia passerà attraverso il racconto cinematografico, con la testimonianza della regista di documentari narrativi Alina Marazzi, autrice di opere ad argomento sociale e culturale, come Per Sempre (2005), documentario sulla clausura, o Vogliamo anche le rose (2007), film sulla liberazione sessuale in Italia negli anni 60-70. A condurre il dibattito con la Marazzi, sarà la psichiatra Giovanna del Giudice, autrice di pubblicazioni sui temi della deistituzionalizzazione, del superamento dell’ospedale psichiatrico giudiziario, della riabilitazione psicosociale, dei diritti dei soggetti a bassa contrattualità sociale. Al termine dell’incontro sarà proiettato il più intimo lavoro della regista, Un’ora sola ti vorrei, film documentario del 2002 in cui ripercorre la storia drammatica di sua madre. La rassegna prosegue giovedì  2 dicembre, sempre alle 21, con l’incontro dal titolo Voci dall’oblio. Lo scrittore e musicista Marco Rovelli presenta il nuovo progetto dal titolo LibertAria, in cui fa confluire i temi affrontati nei suoi libri (Servi, Feltrinelli 2009, Lavorare uccide, BUR 2008, Lager italiani, BUR 2006) nelle storie cantate: le vite dei migranti, i morti sul lavoro, i campi rom, vecchie e nuove Resistenze. (alina marazzi)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Teatro: Albero senza ombra

Posted by fidest press agency su martedì, 30 novembre 2010

Roma dal 3 al 4 dicembre 2010 Teatro Arvalia – Via Quirino Majorana 139  Albero senza ombra dedicato a Miguel Racua e Alberto Brailovky Una produzione Fondazione Pontedera Teatro con la collaborazione organizzativa di  Associazione Arti e Spettacolo Regia, testo e interpretazione César Brie musiche Pablo Brie, Manuel Estrada progetto scene e costumi Giancarlo Gentilucci, César Brie Luci César Brie, Marco Buldrassi Orario Spettacoli: ore 21 – Domenica ore 17Biglietti: Intero € 12 – Ridotto € 10 + tessera associativa € 2  Scrive César Brie “L’11 Settembre 2008 nel Pando, regione della giungla boliviana, si è consumato un massacro di contadini. A fine giornata i morti accertati erano 11, centinaia i feriti da armi da fuoco e decine le persone scomparse (tra cui diverse donne e bambini) alle quali nessuno finora ha restituito un nome, un volto, una storia. Per testimoniare quel tragico momento della storia della Bolivia ho realizzato un documentario, la cui lavorazione è durata un anno e mezzo, e sto preparando un libro che ricostruisce l’accaduto. In questo lavoro teatrale non cerco di fare “controinformazione” ma mi occupo d’altro, di qualcosa che forse è racchiuso nei versi di Pier Pasolini Pasolini citati in apertura.Qui, in questa parte del mondo, a chi importa dei contadini boliviani? Ma questa mia “pietà che è loro nemica”, e che ai più risulta indifferente, è il legame che mi unisce a una terra in cui ho vissuto per vent’anni, e da cui forse mi sto congedando”. http://www.teatroarvalia.it (albero senza ombra)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Teatro: L’arte della fuga

Posted by fidest press agency su martedì, 30 novembre 2010

Roma dal 7 al 19 dicembre 2010Via della Penintenza, 3 ( Trastevere) Teatro Stanze Segrete Di Roberto Garcìa  Regia: Paolo Pasquini Pianoforte e voce: Marta Scelli La musica nasce agli albori della civiltà come espressione spontanea delle associazioni tribali. Si sviluppa evolvendosi in una traduzione orale legata alla figura dell’autore o dell’interprete. Quanto la storia tramanda, evidenzia come la ricerca di formalizzare e strutturare la musica, risponda ad una esigenza di utilizzarla come strumento di comunicazione, definendo canoni universalmente riconoscibili. In funzione di ciò, prese forma il mestiere del “musicista” e del “compositore”. Dagli albori fino alla nascita dell’industria della musica, uno dei grandi quesiti che da sempre la accompagna è quello della musica come espressione o come forma? Ed è proprio da questa questione che prende vita L’Arte della Fuga di Roberto Garcìa, uno spettacolo finalmente dedicato alla musica colta, in cui in un perfetto connubio tra musica e parole, Massimiliano Giovanetti accompagna lo spettatore in un viaggio brillantemente creativo.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Lazio: 8 mesi di attesa per ecografia

Posted by fidest press agency su martedì, 30 novembre 2010

Un cittadino romano che necessita di effettuare una ecografia al gomito in una struttura pubblica deve aspettare 8 mesi. Tra le varie denunce arrivate all’Italia dei Diritti questa ci ha colpiti profondamente, un episodio gravissimo che si disperde tra le varie lungaggini per prestazioni cliniche, così frequenti nella nostra regione da non fare quasi più scandalo. Sui fatti è netto l’intervento di Carmine Celardo, viceresponsabile per il Lazio del movimento presieduto da Antonello de Pierro: “I numeri sono allarmanti. Si parla di 340 giorni per un’ecografia addominale, come da denuncia al Tribunale per diritti del malato. Le liste di attesa sono da record, non si può pensare di renderle più corte dal momento che hanno ridotto le strutture anziché aumentarle. Nel Lazio al fine di tagliare i buchi dovuti a malcostume, attività truffaldine e corruzione, si è staccato uno dei bilanci negativi peggiori per la sanità. Per risanare i conti chiudono interi ospedali e ambulatori. Probabile che ci sia, dal nostro punto di vista, una incapacità gestionale complessiva. Nella nostra regione le promesse mai mantenute della cura Storace, non hanno sanato il bilancio, Marrazzo ha poi mantenuto lo stesso trend e da quando è arrivata Renata Polverini siamo addirittura in una curva ascendente. Riscontriamo problemi di attesa non solo nell’area diagnostica ma anche in quella specialistica, nell’attesa per interventi chirurgici. La sanità laziale sicuramente soffre l’invecchiamento della popolazione e l’ enorme spesa pubblica per l’ assistenza di persone non residenti che domiciliano per lavoro nella regione ma non ritengo che i costi siano così superiori ti rispetto al resto d’Italia”. “Il fatto è che siamo arrivati all’assurdo – prosegue Celardo – , a livelli da terzo mondo. In alcuni casi, da un esame al gomito si  può scoprire l’insorgenza di un tumore osseo, basta un’ecografia pelvica per salvare la vita di una donna. Le attese per i controlli in maternità spesso hanno tempi maggiori della gravidanza stessa. Il fatto grave è che l’assessore regionale si nasconde dietro sterili numeri quando nei fatti stanno operando un’azione di taglio nelle  realtà del Lazio considerate rami secchi, in questo modo non fanno che gravare sui centri poli-specialistici di eccellenza dove abbiamo già lunghe attese. Mi domando – chiosa – quale sia la volontà della Polverini, ci viene il sospetto sia il trasferire tutto indiscriminatamente nelle mani del privato. Se tale è la politica della sua Giunta avrebbero dovuto dirlo in campagna elettorale, se questa è la prospettiva non possiamo che chiedere la sfiducia”.
“Sarebbe bene che non fossero soli – prosegue Tortosa – anzi sarebbe auspicabile una mobilitazione dell’intera città per andare a protestare contro questa Presidente della Regione che spesso agisce con le forbici senza rendersi conto dei danni che crea, la quale continua a mortificare la aspettative dei cittadini non mantenendo gli impegni assunti in campagna elettorale. Ormai ci tassa tutto. Garantire assistenza ai malati neurovegetativi permanenti, che vivono in una incapacità di agire, muoversi, regolarsi però non è una tassa è un dovere. Io credo che tutto ciò sia veramente grave, attenta al diritto di sostegno per i cittadini che hanno bisogno di cure. La Polverini – conclude il vicesegretario regionale dell’Italia dei Valori – non so se abbia la sensibilità per capire come vivono gli altri perché forse,  lei, questi problemi non ce li ha”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Giornata del Dottorato di Ricerca

Posted by fidest press agency su martedì, 30 novembre 2010

Pavia  2 dicembre 2010, ore 10,00 – Aula Magna  dell’Università Lectio magistralis di Marco Pierotti ai neo Dottori di Ricerca    “Uomini, topi e molecole: il passato formazione del presente” del prof. Marco Pierotti, Direttore Scientifico dell’Istituto dei Tumori di Milano, l’Università di Pavia apre, il 2 dicembre, i corsi di Dottorato di Ricerca 2010-2011 e consegna i diplomi ai neo-dottori.  La cerimonia  si terrà in Aula Magna, con inizio alle ore10: dopo il saluto del Rettore  Angiolino Stella, la lectio magistralis del dott. Pierotti, la relazione della prof.ssa Guglielmina Nadia Ranzani, Direttore della Scuola di Alta Formazione Dottorale dell’Ateneo pavese, ci sarà  la consegna dei diplomi e dei certificati internazionali ai giovani ricercatori che hanno conseguito il titolo nel 2010..
Prenderanno parte alla cerimonia i neo-dottori di ricerca, i coordinatori e i docenti delle Scuole di dottorato e  i dottorandi.  L’Università di Pavia ha attivato 36 corsi di dottorato, organizzati in cinque Scuole, coordinate dalla prof.ssa Guglielmina Nadia Ranzani: Scienze umanistiche, Scienze e Tecnologia, Scienze dell’Ingegneria, Scienze sociali e Scienze della vita. Un cospicuo numero di  corsi prevede una co-tutela internazionale e la partecipazione a progetti di ricerca in cooperazione con enti di ricerca e Università di tutto il mondo.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Roma: Assunti 85 istrutturi amministrativi

Posted by fidest press agency su martedì, 30 novembre 2010

«Ottantacinque istruttori amministrativi hanno firmato, il contratto di lavoro con Roma Capitale. Nelle prossime ore verranno assegnati alle varie strutture comunali per prendere servizio immediato». Lo comunica, in una nota, l’assessore alle Risorse umane, Enrico Cavallari. «Questo personale, idoneo nella graduatoria degli istruttori amministrativi e previsto nel Piano assunzionale 2010-2012, rappresenta un nuovo impulso alla grande stagione di rinnovamento a cui la giunta Alemanno lavora da tempo per il rilancio delle risorse umane capitoline – commenta Cavallari -. Si tratta di forze giovani che hanno superato concorsi selettivi e che verranno formate per rendere la macchina amministrativa ancora più specializzata ed efficiente potenziando anche le strutture periferiche che, nei servizi di front-office, quotidianamente sono a diretto contatto con la cittadinanza».   «Oltre all’assunzione degli amministrativi, che segue l’esaurimento completo della graduatoria della Polizia municipale, il Campidoglio è anche impegnato nella riqualificazione delle risorse interne, sia attraverso le progressioni orizzontali che quelle verticali: l’obiettivo è quello di mettere a disposizione della città dipendenti e funzionari qualificati e motivati per incrementare al massimo l’efficienza dei servizi resi al cittadino e per rendere la macchina capitolina una struttura strategica per il futuro di Roma» conclude Cavallari.

Posted in Roma/about Rome, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Qualità della ricerca in Italia

Posted by fidest press agency su martedì, 30 novembre 2010

Ancona  2 dicembre alle 15,30 in Aula Magna d’Ateneo a Monte Dago si terrà un seminario del professor Giovanni Abramo, uno dei maggiori esperti a livello europeo di valutazione della ricerca scientifica, che sarà presentato dal professor Roberto Danovaro. Il seminario verterà sull’analisi della qualità e sulle prospettive future della ricerca scientifica e tecnologica in Italia. I risultati presentati permetteranno il confronto delle performance scientifiche di diversi atenei nazionali. Si tratta di un esercizio molto importante in vista della valutazione quinquennale della ricerca che si “allarga” anche alla possibilità di interazione tra Università e Industria, e Università e Territorio, fornendo gli strumenti per l’individuazione delle competenze che l’Università può offrire a livello regionale.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »