Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Chianciano: I radicali al documento finale

Posted by fidest press agency su martedì, 2 novembre 2010

Il IX Congresso di Radicali Italiani, riunito a Chianciano dopo tre giorni di dibattiti si è chiuso oggi.  Nel documento conclusivo si “Individua nella convocazione e nel successo del 39esimo Congresso del Partito Radicale la tappa fondamentale per il rilancio politico, organizzativo e statutario dell’intera galassia Radicale, a partire dall’attivazione delle giurisdizioni nazionali, regionali e internazionali al fine di promuovere e proteggere i diritti umani in tutto il mondo e a questo fine impegna gli organi dirigenti a mobilitarsi da subito insieme agli altri soggetti costituenti il Partito. Conferma la piena adesione e partecipazione di Radicali italiani alla lotta di liberazione dal sessantennio partitocratico Denuncia come, di fronte al collasso della giustizia italiana, massimo problema istituzionale e sociale che coinvolge milioni di famiglie e soffoca l’economia. Considerata l’urgenza di interrompere le vere e proprie torture che subiscono quotidianamente detenuti e agenti penitenziari, già costretti in condizioni disumane a causa dell’ulteriore aumento della popolazione carceraria (68.527 detenuti su una capienza di 44612 posti), dà mandato agli organi dirigenti di convocare gli “Stati Generali delle carceri”.
Il Congresso rivendica come alle ultime elezioni regionali solo il movimento Radicale abbia contrastato l’antidemocraticità dell’intera fase elettorale. Denuncia in particolare la massiccia falsificazione elettorale realizzata dalla coalizione a sostegno della candidatura a Presidente della Lombardiadi Roberto Formigoni.
Il Congresso, verificata la nuova capacità elaborata dal Centro d’ascolto dell’informazione radiotelevisiva di monitorare non solo i tempi ma anche il numero di ascolti effettivi per ciascun programma televisivo e radiofonico.  Il Congresso esprime la necessità di insistere nel tentativo di passare dalla resistenza alla rivolta popolare gandhiana, per proporre e realizzare un’alternativa in grado di bloccare lo sfascio istituzionale di uno Stato che assume sempre più i connotati di una criminalità organizzata composta di associazioni a delinquere contro i diritti dei cittadini, non solo di quelli italiani.
Dal dissesto idrogeologico ai processi di industrializzazione, dalla gestione emergenziale e criminogena del ciclo dei rifiuti all’emergenza amianto, dall’integrazione delle minoranze alle politiche migratorie,l’Italia è il Paese che paga un prezzo altissimo in termini di vite umane
per la non applicazione delle leggi nonché per l’assenza di politiche liberali di prevenzione e accoglienza.
Il Congresso denuncia il blocco feroce, pluridecennale, di qualsiasi informazione sull’impegno economico-sociale dei Radicali. Le caratteristiche strutturali del modello capitalistico italiano – fondato sul pervasivo conflitto di interessi tra politica ed economia, banca e industria, banca e finanza e ossessivamente ripiegato sulla difesa di privilegi corporativi, rendite di posizione, mancanza di concorrenza e di legalità – costituiscono oggi il più grave ostacolo alla ripresa economica e alla realizzazione delle condizioni necessarie per la ripresa occupazionale, il rientro progressivo del debitopubblico e la riforma in senso universalistico dell’attuale sistema di tutele sociali”. (in sintesi)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: