Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Gli astri e Berlusconi: editoriale di Crespi

Posted by fidest press agency su martedì, 2 novembre 2010

Editoriale del Direttore Ambrogio Crespi pubblicato sul Clandestinoweb in merito al possibile successore di Silvio Berlusconi. “Silvio Berlusconi è veramente in grande difficoltà. Tutto sembra giocargli contro; la mondezza di Napoli cresce contro la sua volontà, il Vaticano si mette di traverso, gli americani non gli perdonano il legame con Putin, la vicenda del bugna bugna di Ruby è diventata una barzelletta in tutto il mondo. La sua linea di difesa, cioè che lui è “un uomo giocoso che ama le donne” diventa un aggravante in uno scenario di crisi del nostro paese sempre più profondo. In queste ore in molti si domandano quale sarà la prossima mossa di Berlusconi e come cercherà di uscirne fuori, visto che i sondaggi vanno a picco e il suo gradimento è sotto i tacchi. Buttare giù il governo e andare al voto? Operazione rischiosissima, e senza alcuna garanzia. Subire un governo tecnico e andare all’opposizione dove Berlusconi dà sempre il meglio di se? Anche questa è una storia vecchia e difficile da sostenere in questa situazione.
Andare avanti con la prospettiva che i finiani hanno ventilato cioè un appoggio esterno al governo, restando sottoposto al fuoco incrociato delle procure, dei media e dei forti poteri che non lo hanno mai amato e oggi lo amano ancora di meno? Anche questa mi sembra una soluzione che non offre a Berlusconi nessuna garanzia. E allora la voce sempre più insistente che gira nei palazzi romani e che i bene informati stanno sondando con attenzione è quella delle sue dimissioni guidate, quindi un passo indietro del Premier a favore di un suo pupillo, un uomo capace di dargli tutte le garanzie di cui lui reputa avere bisogno, cioè Angelino Alfano. E quale sarebbe il vantaggio per Berlusconi?
1) Berlusconi sarebbe l’azionista di maggioranza del governo Alfano, ma allo stesso tempo riuscirebbe ad attenuare la tensione morbosa che è generata dalla sua forte esposizione.
2) Angelino Alfano potrebbe ottenere dai finiani un appoggio che la presenza di Silvio Berlusconi oggi pregiudica.
3) Angelino Alfano potrebbe ottenere quel salvacondotto giudiziario che a Berlusconi non
riconosceranno mai.
4) In termini di immagine il passaggio dall’ anziano leader, Silvio Berlusconi, ad un giovane 40enne, darebbe l’idea di un utile cambio generazionale.
Siamo quindi alla vigilia di una svolta? Certamente quello che serve a Berlusconi è un colpo d’ala, e tra le varie voci che girano in queste ore vi sarebbe un alternativa all’ipotesi Alfano, quella di Gianni Letta, che avrebbe ovviamente caratteristiche molto diverse, ma che renderebbe sicuramente piu tranquillo il Premier. Anche se io faccio fatica a credere ad un Berlusconi che molla il colpo, ma oggettivamente faccio altrettanta fatica a vedere come Berlusconi possa invertire questo quadro astrale contrario che va ben oltre Saturno”. (Ambrogio Crespi)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: