Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 259

Otto Greiner: Incisioni e disegni

Posted by fidest press agency su giovedì, 18 novembre 2010

Roma fino al 30/1/2011 via Dei Coronari 146, Galleria Simone Aleandri Arte Moderna a cura di Emanuele Bardazzi  Nato a Lipsia nel 1869, Otto Greiner fu un personaggio dotato di grande carattere e talento che scelse l’Italia come meta della sua vita di artista, un Deutsch-Römer di stile classico moderno. Greiner ando’ ad occupare nel 1898 lo studio che gli lascio’ Max Klinger in via Claudia a Roma e dietro il suo esempio opero’ una svolta che lo distinse dal contesto della Secessione di Monaco e da Franz von Stuck dal quale era stato influenzato nelle sue permanenze nella città bavarese.
Dell’artista e’ presentata in questa occasione una scelta di circa trenta opere grafiche tra le quali spiccano incisioni rappresentative come Corteo di Baccanti, Ulisse e le sirene, Il diavolo mostra la donna al popolo, Ercole al bivio, La danza ed i ritratti di Max Klinger e Siegfried Wagner. Esposta anche una rarissima incisione con studi di teste che porta la firma congiunta di tre artisti amici e sodali: Otto Greiner, Max Klinger e Sascha Schneider. Accanto alle incisioni sono presentati numerosi disegni tra cui una china per illustrare il libro di poesie Alla vita dell’amico Franz Langheinrich ed altri in massima parte inediti come un autoritratto giovanile “faunesco” e studi di paesaggio e di nudi. (otto greiner)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: