Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 302

La libertà è vita

Posted by fidest press agency su domenica, 28 novembre 2010

Lettera al direttore. Un mio nipotino una volta protestò vivacemente, sentendo un noto cantante in una trasmissione televisiva, fare gli elogi della Roma. “Perché non parlano anche della Lazio?”. Gli spiegai: “Non devi avertela a male. Nessuno impedisce ad un’altra trasmissione d’invitare un noto personaggio che parli bene della tua squadra”. Ma non sembrava molto convinto. L’episodio mi è tornato alla mente sentendo in questi giorni le proteste delle associazioni “per la vita”, che pretendono di partecipare alla trasmissione di Fazio e Saviano.  Il bambino però doveva avere, allora, cinque anni. Un’età in cui si ha necessità di spiegazioni. Ho l’impressione che anche i signori che protestano abbiano bisogno di spiegazioni. Innanzi tutto devono sapere che tutti, indistintamente, sono a favore della vita. Anche Welby era a favore della vita. Anche il papà di Eluana Englaro era a favore della vita. La distinzione non è tra chi è a favore della vita, e chi è contro la vita. La distinzione è un’altra. Per comprenderla,  è necessario non parlare della vita, bensì della persona, della libertà della persona. Libertà che per alcuni s’identifica con la vita stessa. Allora la differenza appare evidente. Alcuni vogliono il rispetto totale di un principio (l’inviolabilità della vita), altri vogliono il rispetto totale della persona, della sua libertà. La tutela della vita ad ogni costo può andare a scapito della persona; la tutela della persona può andare a scapito della vita, ma di quale vita? Solo ed unicamente della vita di colui che la rifiuta; di colui al quale in qualche modo la vita già è stata negata. Quando si discute di problemi che riguardano malati in preda a terribili sofferenze, parlare della vita in genere, anziché delle persone, è un grave errore. E’ mancanza di rispetto verso queste ultime. Per ogni individuo, infatti, la propria vita può avere un senso e può non averlo, e nessuno può decidere per lui quale senso darle. Ma c’è anche un’altra distinzione da fare: chi sostiene il totale rispetto della persona, non pretende d’imporre agli altri il proprio punto di vista. (Miriam Della Croce)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: