Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 330

Elezioni? Possibili scenari

Posted by fidest press agency su lunedì, 29 novembre 2010

Editoriale. In questi giorni l’opinione pubblica è stata bombardata di messaggi in prevalenza tesi a scongiurare l’idea delle elezioni anticipate. La ragione è ovvia. I sondaggi d’opinione rilevano la forte contrarietà degli italiani a ritornare prematuramente alle urne e alla base di questo malumore si percepisce l’inutilità di tale ricorso tanto che potremmo anche considerare un forte astensionismo. C’è chi lo pensa al 50%. Dai soliti “bene informati” che notoriamente bivaccano nell’atrio del “palazzo” e cercano di catturare gli umori “dei servus servorum Dei” si coglie la voglia del “capo” di andare a votare facendo pagare per intero il prezzo di questa scelta impopolare ai “cattivi” di turno e, in primis, a Fini e alle stesse opposizioni. Il ragionamento è questo. Fini si sta ora organizzando e ci vorrà tempo per avere un partito capace di proporsi sul territorio in chiave elettorale. Il Pd è esitante. Bersani non convince. Le opposizioni interne si fanno sempre più agguerrite e pensano ad altre candidature. Gli altri da Casini a Di Pietro non sono un vero e proprio ostacolo, anzi con le elezioni potrebbero essere ridimensionati e “marginalizzati”. L’altro vantaggio è che si andrebbe a votare con l’attuale legge elettorale mentre più passa il tempo e maggiori sarebbero le pressioni per modificarla. La Lega, a sua volta, avendo in sospeso il Federalismo, diventa un’occasione in più per far quadrato e incrementare il proprio bacino elettorale. Se questi ragionamenti produrranno una risposta confacente ci troveremo ad un bivio cruciale il 14 dicembre prossimo allorchè si voterà la fiducia. Si ha l’impressione che diventi interesse di gran parte dei deputati far si che il governo superi questa tornata poiché le battaglie si possono vincere non tanto con uno scontro diretto quanto con la guerriglia. E se Berlusconi non soddisfatto rassegna le dimissioni chi gli garantirà che il Presidente della Repubblica non affidi l’incarico esplorativo, per ricercare un’altra opportunità con un leader diverso, sia pure in seno alla stessa maggioranza? In questo caso potrebbe essere lo stesso Fini. E allora? Non avendo la sfera di cristallo e la magia di Merlino e non trovandoci alla presenza dei cavalieri della Tavola rotonda diciamo dimessamente: ai posteri l’ardua sentenza. Noi abbiamo detto la nostra ora tocca a voi. (Riccardo Alfonso http://www.fidest.it)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: