Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 348

Malattia di Parkinson

Posted by fidest press agency su martedì, 30 novembre 2010

Il Policlinico Universitario Gaetano Martino di Messina si conferma polo d’eccellenza per la Sicilia nella diagnosi e nel trattamento dei disturbi del movimento, tra cui la Malattia di Parkinson e i parkinsonismi. Presso l’Ambulatorio Malattia di Parkinson (Responsabile Professor Letterio Morgante) della Unità Operativa Dipartimentale di Neurofisiopatologia e Disordini del Movimento del Policlinico Universitario diretta dal Professor Paolo Girlanda afferiscono circa 2.000 pazienti che, grazie ai continui progressi delle terapie farmacologiche e chirurgiche, possono contare su diverse strategie terapeutiche in grado di contrastare il peggioramento della sintomatologia.
“La Malattia di Parkinson è la 2° patologia neurologica cronica più diffusa tra gli anziani dopo l’Alzheimer e colpisce in Italia oltre 150 mila persone. La sua prevalenza a livello mondiale è stimata attorno all’1-2% della popolazione di età superiore ai 65 anni – afferma il Professor Letterio Morgante. Il nostro Centro da oltre vent’anni si occupa di questa patologia e si è sempre distinto per l’alta specializzazione dei trattamenti che vanno dalle terapie, per così dire, ‘tradizionali’ a quelle alternative (per alcuni casi selezionati) per la fase complicata di malattia, come la terapia infusiva con farmaci dopaminergici e la terapia chirurgica non lesionale di stimolazione del nucleo subtalamico, effettuata grazie alla collaborazione con l’Unità di Neurochirurgia diretta dal Professor Francesco Tomasello”.
Il Centro di Messina svolge un’intensa attività di ricerca, anche in collaborazione con altri Istituti neurologici italiani, soprattutto nell’ambito dell’epidemiologia e dei sintomi non motori, la cui corretta gestione è rilevante per il miglioramento della qualità di vita dei pazienti. Inoltre, negli ultimi anni sono state avviate una serie di sperimentazioni farmacologiche multicentriche mirate allo studio di nuovi farmaci e alla ricerca di nuove soluzioni per migliorare il profilo di molecole già in uso con provata efficacia. In questo contesto è noto che l’uso dei dopamino agonisti è stato notevolmente supportato, negli ultimi anni, da numerose pubblicazioni di studi che hanno dimostrato come il precoce utilizzo di questi farmaci possa ritardare significativamente l’insorgenza delle fluttuazioni motorie. Recentemente è stata introdotta in terapia una nuova formulazione di dopaminoagonista a rilascio prolungato (pramipexolo a rilascio prolungato) con la possibilità di unica somministrazione giornaliera.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: