Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 34 n° 276

L’istruzione per tutti

Posted by fidest press agency su venerdì, 10 dicembre 2010

Il volume di Fulvio De Giorgi (L’istruzione per tutti. Storia della scuola come bene comune, La Scuola, 2010) cerca – con una densa sintesi– di dare conto delle vicende dell’istruzione e della scuola nell’età contemporanea, soprattutto appuntando l’attenzione sulla costruzione di un “welfare scolastico” nel secondo dopoguerra e poi nel suo successivo smantellamento ad opera del neoliberalismo egemone dagli ultimi decenni del Novecento. Il punto di vista adottato è quello del “bene comune” così come è definito dalla dottrina sociale della Chiesa. Ma in grande conto sono tenuti pure gli interventi di Benedetto XVI sull’educazione. In questo senso, si tratta forse del primo lavoro che cerca di ricostruire in modo critico una storia educativa che valorizza il contributo cristiano, senza aprioristiche apologie, ma facendone rilevare l’effettiva rispondenza ai bisogni via via emergenti nelle diverse fasi storiche. La proposta è quella di un neopersonalismo pedagogico che – in sintonia con le posizioni dell’UNESCO e dell’UNICEF – rilanci la prospettiva dell’istruzione per tutti.  Riferendosi così alla tradizione della pedagogia cattolica e personalista italiana, come pure ai contributi di Maria Montessori e di don Lorenzo Milani, il volume argomenta la necessità di avviarsi verso una “scuola dell’integrazione”. Fulvio De Giorgi, L’istruzione per tutti. Storia della scuola come bene comune, Editrice La Scuola, 2010, pp. 152, euro 10,50.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: