Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 34 n° 276

È di scena il Natale nei Teatri di cintura

Posted by fidest press agency su lunedì, 20 dicembre 2010

Si comincia martedì 21 e mercoledì 22 dicembre (ore 21) al Teatro Tor Bella Monaca con la magia di un capolavoro della commedia partenopea “Natale in casa Cupiello”, per la regia di Lucio Garofalo. Scritta nel 1931, l’opera è l’affresco poetico e rassegnato della famiglia napoletana rappresentata nelle sue cangianti sfaccettature dalla ironia di uno dei massimi esponenti della cultura italiana del Novecento, Eduardo De Filippo. Mentre da martedì 21 a giovedì 23 dicembre (ore 21) il Teatro Biblioteca Quarticciolo diventa palcoscenico per un “Incontro con una cometa”, uno spettacolo di e con Laura De Luca per la regia di Giovanni Antonucci, che ripercorrere la storia della cometa di Halley e delle sue periodiche apparizioni sopra la terra, offrendo l’occasione di una riflessione più generale sul rapporto dell’umanità con il pianeta e con tutto il creato. Il concerto di Natale è invece affidato al Quartetto Urbano, l’ensemble romano formato da Giovanna Marini, Antonella Talamonti, Xavier Rebut, che presenta il 26 dicembre (ore 17) al Teatro Biblioteca Quarticciolo “Un altro modo è possibile”: il viaggio sonoro che percorre l’Italia in una grande partitura, esplorando universi sonori e linguaggi musicali dai mondi contadini alle realtà urbane, dai canti rituali a creazioni originali. Sarà invece Gaspare Nasuto a celebrare il Natale al Teatro Tor Bella Monaca il 26 dicembre (ore 17) portando l’ Arte delle Guarattelle napoletane e tutti gli altri piccoli e grandi segreti del Teatro tradizionale dei burattini napoletani. Considerato tra i grandi interpreti e autori di Pulcinella, Nasuto presenterà “Pulcinella e l’asino del diavolo”, in una miscela esplosiva di tradizione e sperimentazione. Il nuovo anno comincia in musica nei Teatri di Cintura che aprono il 1 gennaio 2010 al Teatro Tor Bella Monaca (ore 18) con il Concerto di Capodanno “Er Lupo Manaro”, un ciclo di sonetti di Giuseppe Gioachino Belli, ognuno dei quali è un’immagine di Roma durante l’Ottocento governata dal Papa Re e vista attraverso gli occhi della gente del popolo. Ognuno crea un racconto, un carattere insieme realistici e ricchi di spirito attraverso la lente della satira feroce e disincantata che rivela l’amaro atteggiamento di Belli nei confronti della vita e della condizione umana. Parole e musiche in un intreccio sapientemente interpretato con arguzia e fantasia da Elio Pandolfi, e accompagnato al pianoforte da Marco Scolastra, che esegue brani di autori italiani contemporanei come Clementi, Rossini, Donizetti. Al Teatro Biblioteca Quarticciolo il nuovo anno si apre con “La cupetta”, un progetto di musica e cibo dedicato ai repertori del Natale tipico dei musici ambulanti e delle orchestrine di novena con al centro la mandola del virtuoso Mimmo Epifani e gli strumenti della tradizione – zampogna, organetto, tamburello. Un vero e proprio viaggio nella memoria musicale, in particolare del centro-sud italiano, che permette di scoprire – attraverso storie, suoni e strumenti musicali – l’affascinante mondo legato alla tradizione del Natale e alle festività di fine d’anno, in scena anche il 2 gennaio a Tor Bella Monaca. Si continua il 4 e 5 dicembre (ore 21) con “Buongiorno contessa”, uno spettacolo su testi di Palazzeschi, Diderot, Prevert, Lerici, Montale, Benni, Dante e De Filippo che Mariano Rigillo e Anna Teresa Rossini presenteranno a Tor Bella Monaca per avventurare gli spettatori in un viaggio attraverso i sentimenti, la natura, la fantasia, la quotidianità.
Ma l’appuntamento più speciale è per il 6 gennaio al Teatro Tor Bella Monaca, tappa preferita della Befana che, anche quest’anno, si presenterà puntuale portando dolci, carbone e tanta magia. Nell’attesa che la simpatica vecchietta faccia capolino, il teatro organizza a partire dalle ore 16.00, un momento di intrattenimento, spettacoli di magia e giocoleria, una grande tombolata con premi, laboratori e animazione per tutte le fasce d’età. Anche al Teatro Biblioteca Quarticciolo (dalle 10 alle 19) il 6 gennaio è festa con “SvettaCivetta. Befana perfetta”, un laboratorio di giochi che accompagnerà il pubblico dei più piccini in un viaggio tra divertimento e magia nella giornata dell’Epifania. SvettaCivetta, da un’idea di Sabina de Tommasi, è un laboratorio per costruire con i bambini (e con tutti quelli che hanno voglia di giocare con le parole) anagrammi, filastrocche, indovinelli, acrostici, tautogrammi, sciarade, e tanto altro, prendendo spunto dalle filastrocche di Rodari e Tognolini, dai libri di Ersilia Zamponi e dalle esperienze di Oulipo/Oplepo. Insieme ai bambini anche le musiche dal vivo di Maurizio Capone BungtBangt, un musicista che costruisce da solo i suoi strumenti con materiali riciclati: la Scialacqua, realizzata con una vecchia canna da pesca e il Chàchà, con coperchi di latta; e ancora bidoni della spazzatura, lattine, vecchie pentole, secchi di metallo di varie grandezze, tubi di plastica e di metallo, utensili da lavoro, bombole del gas, bottiglie, lamine di metallo.
Ed ancora una volta il Teatro diventa campo di calcio con il progetto Diecipartite della storia della Roma, secondo lo stile di scrittura e interpretazione di Giuseppe Manfridi che, con la regia di Stefano Sparapano, portano in scena il racconto di “Roma-Liverpool 1-1 del 30 maggio 1984”, lo spunto per raccontare il punto più alto e contemporaneamente più basso della storia giallorossa è anche lo spunto per parlare di un’epoca, di una Roma, intesa come città, mai tanto ospitale e accogliente, mai così ostile. In scena il 7 gennaio (ore 21) a Tor Bella Monaca e il 9 gennaio (ore 21.) a Quarticciolo.
Si termina il 7 e l’8 gennaio (ore 21) al Teatro Biblioteca Quarticciolo con “Lu Santo jullare Francesc” di Dario Fo per la regia di Giampiero Frondini, che non rappresenterà l’intero testo di Fo, ma i momenti più congeniali al proprio particolare stile di fabulatore, recitando il Francesco nel linguaggio parlato da lui già sperimentato in Mistero Buffo e negli altri fortunati spettacoli di fabulazione. Mentre il Teatro Tor Bella Monaca chiude le feste con Il teatro delle marionette degli Accettella, in scena con “Il gatto con gli stivali” l’ 8 ed il 9 gennaio (ore17).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: