Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 321

Archive for 22 dicembre 2010

Diamo sostanza ai valori cristiani

Posted by fidest press agency su mercoledì, 22 dicembre 2010

“Il Governo dovrebbe dialogare ancora di più con le famiglie, sostenendole in maniera più significativa e tangibile per rendere la nostra comunità più coesa e forte e affrontare meglio il periodo difficile che attraversiamo”. Così l’On. Domenico Scilipoti (Movimento di Responsabilità Nazionale), in riferimento alla necessità di dare  supporti alle famiglie numerose, incentivi per l’asilo nido, sostegni alle donne che vogliono avere più figli. “I sociologi parlano di morte della famiglia. Una sana famiglia –  continua l’On. Scilipoti (MRN) – si basa sul rapporto naturale tra l’uomo e la donna e sulla procreazione; occorre spingere l’azione politica del Governo a trovare le risorse necessarie a incentivare la maternità, frenata da condizioni economiche sfavorevoli. In Italia attualmente la natalità, gradita, è tenuta alta dagli immigrati. Nel Nord Europa le donne fanno più figli perché ci sono politiche sociali favorevoli alle famiglie. Incentiviamo dunque il desiderio italiano di maternità, dando sostanza ai valori cristiani.. Trovare le risorse non è difficile: per esempio, è sufficiente ridurre drasticamente i finanziamenti pubblici ai giornali dei partiti,  o smistare il 70 % dei rimborsi elettorali verso le famiglie. Basta con gli sprechi – conclude l’On. Scilipoti –  proiettiamoci verso la produttività e verso la famiglia, primo mattone su cui si regge la società” . (Dott. Giuseppe Cuschera)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Guida per gli studi superiori

Posted by fidest press agency su mercoledì, 22 dicembre 2010

La Provincia di Torino mette a disposizione  una “Guida per informarsi e orientarsi dopo la terza media 2011”. La guida illustra le opportunità di istruzione e formazione professionale in Torino e provincia;  contiene le informazioni sui cambiamenti introdotti dopo il riordino degli indirizzi della scuola secondaria di secondo grado; presenta l’offerta formativa dei sistemi d’istruzione tecnica, professionale, liceale e dell’istruzione e formazione professionale nel territorio. La prima parte indica e descrive i percorsi (istituti tecnici, istituti professionali, istruzione e formazione professionale e licei): le caratteristiche principali, le novità introdotte, i profili di ogni indirizzo e i piani orari annuali ministeriali. La seconda parte raccoglie tutta l’offerta di istruzione e formazione professionale: pagine messe a disposizione di istituti e agenzie formative che presentano la loro attività. Nella guida si trovano anche informazioni rivolte agli allievi stranieri, agli alunni disabili, a chi è interessato alle scuole militari; precisazioni sugli interventi per il diritto allo studio.
Le ultime pagine sono dedicate a una raccolta di parole da ricordare (parole chiare), all’indice (A-z) delle scuole statali e delle Agenzie formative, all’indirizzario A-z degli Istituti paritari. “La Provincia – spiega l’assessore all’Istruzione Umberto D’Ottavio – ha predisposto la guida in una nuova e particolare versione per dare ai ragazzi e alle famiglie l’opportunità  di conoscere tutte le informazioni essenziali relative ai cambiamenti previsti nei regolamenti di riordino dell’istruzione. Leggerla può essere utile a chi ancora deve valutare alcuni elementi, così come a chi ha già un’idea da confermare e focalizzare. La guida può essere letta con i propri docenti e i docenti orientatori delle scuole e delle agenzie; in ogni caso, gli esperti di ORIENTARSI sono disponibili a fornire spiegazioni e sostegno.”

Posted in Recensioni/Reviews, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il panettone artigiano tiene a Venezia

Posted by fidest press agency su mercoledì, 22 dicembre 2010

La corsa alle tavole imbandite per le festività natalizie è entrata nel vivo: panettoni, pandoro, dolci e specialità gastronomiche non mancheranno nemmeno quest’anno nelle case degli italiani. In provincia di Venezia, come nel resto d’Italia, i prodotti artigiani continuano a essere in cima alle preferenze dei clienti attenti all’acquisto di articoli di qualità preparati nel rispetto della tradizione nella lavorazione e con l’impiego di ingredienti sani e certificati.  Che le aziende artigiane alimentari siano riuscite a far fronte alla crisi economica lo dimostrano i dati forniti dalla Confartigianato Provinciale di Venezia: nel III trimestre 2010 sono 1.131 le aziende attive nel settore, per un +1,9% sullo stesso periodo del 2009 (1.110 le imprese in attività a settembre dello scorso anno). Il totale di 4275 addetti (l’1,3% del montante nazionale) è distribuito soprattutto in pasticcerie, panifici e gelaterie (626 addetti) e in servizi di ristorazione e cibi da asporto (431).Questo in un contesto regionale che, sempre nel III trimestre 2010, ha visto una crescita del numero di imprese del 2,8% sullo stesso periodo dello scorso anno, per un totale di 6.343 aziende alimentari artigiane e 22.179 addetti, di cui 3.035 operanti in pasticcerie, panifici e gelaterie (7,2% del totale nazionale). Panettoni, pandoro, prodotti dolciari e alimentari artigiani continuano dunque a essere simbolo del “Made in Italy” più genuino. A tal proposito, il nome “pandoro” o “panettone” (come quello di altri dolci tipici) può essere riportato sulla confezione solo quando il prodotto rispetti la specifica legge del 2006 che regolamenta la produzione e gli ingredienti secondo norme restrittive. E se la qualità dei prodotti artigiani non si discute, anche i prezzi rimangono sotto controllo: Confartigianato fa rilevare che, nonostante i rincari del 28,3% delle materie prime alimentari, ad ottobre 2010 la dinamica dei prezzi dei prodotti di pasticceria si è mantenuta all’1,6%, al di sotto del tasso d’inflazione dell’1,7%.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Pesce. Consigli contro le truffe

Posted by fidest press agency su mercoledì, 22 dicembre 2010

L’ennesimo sequestro di prodotti ittici ci induce a ricordare le “istruzioni per l’uso” per quando ci si acquista pesce, che in particolari occasioni, come quelle delle festivita’, vede i consumatori in fila ai banchi di vendita.Partiamo dalle etichette, che devono indicare:
1. Il nome (denominazione commerciale).
2. Pescato o allevato (metodo di produzione).
3. Il Paese nel quale e’ stato allevato o la zona di cattura se pescato.
Come riconoscere un pesce fresco? Occhio all’occhio, si potrebbe dire, perchè quello fresco lo ha trasparente (non lattiginoso), convesso (curvatura verso l’esterno) e l’iride (la parte scura) ben delineata. Ci sono altre caratteristiche cui fare attenzione, come il colore delle branchie, che devono essere rosse o rosacee (purtroppo si possono colorare), il corpo che deve essere turgido e non molle (il ghiaccio, però, può nascondere la flaccidità), l’odore che deve essere fresco e marino, infatti il pesce fresco non puzza, anche se una spruzzata di acqua di mare puo’ coprire eventuali cattivi odori. In caso di acquisto di pesce allevato preferire quello fatto crescere in mare e non in vasche. (Primo Mastrantoni, segretario Aduc)

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Una Daspo per i parlamentari?

Posted by fidest press agency su mercoledì, 22 dicembre 2010

“Per i parlamentari che nei giorni scorsi e ancora oggi propongono l’uso di sistemi e metodi di repressione preventiva classici del passato regime fascista, gli stessi che continuano senza pudore a sostenere una spregiudicata azione politica che sta causando forti tensioni sociali e una instabilità generale che sta portando il Paese a dover ricordare, se non rivivere i periodi più bui della storia passata, gli stessi che stanno mettendo a dura prova le basi stesse della democrazia o che sorridendo dichiarano di non comprendere le ragioni delle sempre maggiori manifestazione di piazza e di civile dissenso, gli stessi che esaltano i poliziotti e i militari dopo averli “accoltellati alle spalle” con provvedimenti normativi che di fatto stanno attuando uno smantellamento sistematico delle forze di polizia e delle forze armate, ma che poi li chiamano a difendere i palazzi della politica, a questi e solo a questi parlamentari bisognerebbe applicare il principio del D.A.SPO. affinché gli sia impedito di accedere al Parlamento e continuare a fare ulteriori danni al Paese.“ Lo dichiara Luca Marco Comellini, Segretario del partito per la tutela dei diritti di militari e forze di polizia (Pdm)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Libro “il nostro sud” a palazzo Chigi

Posted by fidest press agency su mercoledì, 22 dicembre 2010

Ariccia 22 dicembre alle 17,30 presso Palazzo Chigi verrà ampiamente discusso il tema del libro con il Vescovo Mons. Giancarlo Bregantini, attuale presidente della Commissione Episcopale per i Problemi Sociali e il Lavoro, già vescovo nella Locride.  Il nome Bregantini è davvero sinonimo di vescovo antimafia, reso inoffensivo con lo spostamento dalla Locride? In realtà, il presule è molto più del consunto stereotipo. Nel libro-intervista argomenta con la consueta freschezza le sue chiare ed evangelicamente ben fondate posizioni sui temi più scottanti. Il libro intervista edito da Città Nuova “Il nostro Sud in un Paese (reciprocamente) solidale” di mons. Bregantini che verrà presentato pone al centro i temi del federalismo fiscale e unità d’Italia, Vescovi e Sud, Lega Nord e Mezzogiorno, donne e ’ndrangheta, Fiat e sindacati, grande centro e politici cattolici, Chiesa e lavoro. Paolo Loriga condurrà il dibattito con il vescovo ed il pubblico che si precede numeroso.  presenti oltre a Paolo Loriga caporedattore di Città Nuova e coautore del libro, Salvatore Cantone, presidente dell’associazione Antiracket “Pomigliano per La Legalità – Domenico Noviello”, e altre personalità del mondo imprenditoriale, sindacale e formativo. L’ingresso è aperto a tutti i cittadini.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Calipari e discorsi di Berlusconi

Posted by fidest press agency su mercoledì, 22 dicembre 2010

Lettera al direttore.  Gentile direttore, alla luce delle notizie recenti sulla morte di Calpari, mi piacerebbe che pubblicaste questa mia intitolata “Distrazione o tradimento?”,  apparsa su Liberazione il 3 maggio 2005, nella quale parlavo di tradimento e dei discorsi di Berlusconi. Eccola: “Riguardo alla uccisione di Calipari, ho l’impressione si cerchi di eludere il problema vero, e cioè per quale motivo ai militari del posto di blocco non giunse l’ordine di non sparare su quella macchina. E’ probabile che gli americani dicano la verità riguardo alla non colpevolezza dei militari che hanno sparato; colpevoli sono coloro che non hanno fatto giungere il contrordine al posto di blocco, vale a dire di non sparare su quella determinata macchina. Alcune cose appaiono abbastanza chiare: è da escludere che Calipari non fosse a conoscenza del pericolo che avrebbe corso se si fosse immesso sulla strada senza avvisare chi di competenza. Calipari certamente deve aver ricevuto assicurazione che avrebbe potuto percorrere tranquillamente la strada. Colui che doveva trasmettere l’ordine ai soldati di non sparare, e non lo ha fatto, o è un rimbambito, o è un traditore. E’ ovvio, considerate le caratteristiche dell’evento, che non si è trattato di un agguato, ma non è altrettanto ovvio che non si sia trattato di un incidente voluto. Un agguato avrebbe compromesso l’amicizia tra Italia e America; un “incidente” non avrebbe creato grossi problemi tra i due Paesi. I discorsi di Berlusconi lo dimostrano”. (Renato Pierri)

Posted in Lettere al direttore/Letters to the publisher | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Spot eutanasia

Posted by fidest press agency su mercoledì, 22 dicembre 2010

“Nella Rai il pluralismo è sempre necessario e dunque benvenuto, ma quando si riduce a pluralismo di slogan si fa fatica a coglierne l’utilità”. Così Andrea Sarubbi, deputato del Partito democratico, commenta la messa in onda, nella tv pubblica e in radio, dello spot sull’eutanasia promosso dall’associazione Luca Coscioni. “C’è una differenza profonda – prosegue Sarubbi – tra l’atto pietoso di staccare la spina a un malato terminale, per evitargli sofferenze inutili, e l’iniettare una dose letale nel corpo di una persona sana, ma stanca di vivere. Exit Internationallo sa bene, visto che nelle sue cliniche svizzere è in aumento il numero di persone depresse che chiedono di morire, ma nello spot dimentica di dirlo, riducendo il dibattito sulla vita e la morte ad una difesa senza contrappesi della libertà di autodeterminazione”. “Per quanto legittima – conclude il deputato del Pd –  la propaganda degli  spazi autogestiti rischia di riportare il dibattito all’eterna sfida tra guelfi e ghibellini. La fatica del Parlamento nell’interrogarsi su questi temi e nel trovare risposte il più possibile condivise conferma, invece, la complessità dell’argomento, che merita da parte della tv pubblica un approfondimento costante, anche lontano dall’emotività dei casi di cronaca”.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Riforma sistema universitario

Posted by fidest press agency su mercoledì, 22 dicembre 2010

Le aspre polemiche e l’acceso conflitto politico e sociale che si sono creati a riguardo ci preoccupano gravemente. Da una parte consideriamo irresponsabile che la politica, chiamata a risolvere i conflitti sociali e a dare ad essi adeguate risposte, appaia preoccupata da ogni parte a ricondurre il dibattito sul futuro dell’università italiana all’interno del più generale clima politico attuale caratterizzato da una profonda contrapposizione, costringendo così una questione politica di così alta importanza ad un dibattito in larga parte ideologico e che sempre meno sembra mettere al centro il bene dell’università, dei suoi studenti e di coloro che per essa e in essa lavorano. D’altra parte dispiace profondamente assistere a simili e speculari posizioni all’interno del mondo studentesco. Crediamo che sia quantomai necessario e urgente oggi compiere lo sforzo di un percorso comune. La promozione del diritto allo studio, l’impegno per una università di qualità, efficiente ed equa, la lotta contro ogni forma di consociativismo che blocca la meritocrazia devono essere oggetto di un confronto e un impegno comune all’interno del mondo studentesco. Mai come oggi l’unione fa la forza e la divisione fa invece il gioco di chi rappresenta gli interessi economici, politici e personali, che animano certe devianze della nostra università. Sul merito del testo all’esame del Senato il Forum Nazionale dei Giovani si è già più volte espresso, sottolineando come esso non manchi di provvedimenti e intenti positivi, ma sia ancora caratterizzato da importanti mancanze: l’eccessivo potere potenzialmente in mano al Rettore, il mancato rafforzamento della rappresentanza studentesca, la mancanza di totale chiarezza nella distinzione dei compiti del Senato accademico e del Consiglio d’Amministrazione, il limite di un solo rinnovo per il contratto dei ricercatori e la mancanza di norme sufficientemente stringenti per l’attuazione del nuovo sistema di reclutamento dei docenti. Auspichiamo che domani si tenti, da ogni parte, un ulteriore sforzo di condivisione e reciproco ascolto. Chi andrà contro tale intento, a parole o con i fatti, sarà per noi gravemente responsabile delle conseguenze politiche e sociali che ne seguiranno.Invitiamo con decisione tutto il mondo accademico, e in particolare quelle associazioni studentesche che al Forum Nazionale dei Giovani aderiscono, ad intraprendere all’indomani del voto, con coraggio e lungimiranza, strade di comune impegno per una università che ritorni ad essere al servizio degli studenti e del Paese. (fonte: Ufficio Stampa – Forum Nazionale dei Giovani)

Posted in Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La situazione economica dell’Italia

Posted by fidest press agency su mercoledì, 22 dicembre 2010

“La situazione economica del Paese è sempre più grave. Il governo non può più far finta di niente, o corre ai ripari immediatamente o, altrimenti, non sarà più possibile salvare l’Italia dal disastro”. Lo dice, in una nota, il vice capogruppo dell’Italia dei Valori alla Camera, Antonio Borghesi. “Il quadro che fornisce oggi l’Istat è drammatico. E’ la fotografia di una società in fase di decadenza – aggiunge Borghesi – Disoccupazione giovanile in salita, aumento degli inattivi dovuto allo scoraggiamento e alla rinuncia della ricerca di un impiego: sono segnali allarmanti, che si vanno ad aggiungere a dati di per sé gravissimi: si sono già persi 600 mila posti di lavoro e si ha la certezza che se ne perderanno altri 550 mila. Tutto questo non accennerà a rientrare se il governo non interviene immediatamente con un pacchetto di riforme per la crescita”.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La “peste” che colpisce le istituzioni

Posted by fidest press agency su mercoledì, 22 dicembre 2010

Dichiarazione di Marco Cappato, Radicali italiani – Lista Bonino-Pannella Secondo il TAR della Lombardia, nel ricorso presentato dopo le elezioni regionali riguardanti le irregolarità formali (assenza di timbri, ecc.), non avevamo allegato “alcun principio di prova” o “elemento indiziario riferito a precisi fatti concreti”. E’ irrilevante, per il TAR, il fatto che noi, non disponendo di copie dei moduli, potevamo solo riferirci a ciò che avevamo visto con i nostri occhi e che anche l’Ufficio elettorale stesso confermò quando furono costretti a rifare i controlli. Addirittura il TAR arriva a definire “privo di rilevanza” anche il conteggio che rifece l’Ufficio elettorale, e che rappresenta la certificazione da parte di un giudice della fondatezza del nostro ricorso. Il risultato è che irregolarità sono certe e evidenti, ma che ci si è impedito di contestarle sia prima delle elezioni che dopo le elezioni. Per quanto riguarda le firme false, secondo il TAR Lombardia il fatto di avuto finalmente l’accesso ai moduli non costituirebbe un fatto nuovo, meritevole di accogliere “motivi aggiunti” rispetto al ricorso iniziale, dal momento che già a febbraio avevamo potuto procedere, per nostra stessa “ammissione”, “a un esame dettagliato dei moduli”. Il TAR sceglie così di ignorare la differenza tra il fatto di poter esaminare migliaia di moduli (di tutte le liste) per sole tre ore da parte di quattro militanti radicali e invece il fatto di ottenere una copia da far esaminare per giorni da parte di un perito. Secondo il TAR infatti, dal primo esame che avevano potuto fare nella sede del tribunale, Cappato e Lipparini “avevano anche tratto alcune circostanziate illazioni che non pare possano considerarsi come semplicemente desumibili ictu oculi”. Insomma il TAR non può “considerare” che sia accaduto ciò che è esattamente accaduto, cioè che Lipparini e io abbiamo visto subito (“icto oculi”) che quei moduli erano una porcheria, ma naturalmente non potevamo sapere (perché nell’ufficio elettorale non disponevamo di altro che dello “icto oculi”, e non si capisce di cos’altro avremmo potuto disporre) che vi fossero addirittura oltre 500 firme false prima di aver avuto la consegna di una copia dei moduli, alla quale è seguita immediatamente la nostra contestazione al TAR. Il risultato è che il TAR si è rifiutato di aprire quei moduli, sapendo che lì dentro avrebbe trovato della monnezza lombarda made in Firmigoni più tossica di quella campana. Le Motivazioni rese sotto la firma del Presidente estensore Adriano Leo rappresentano un testo che andrà studiato nelle università. Se e quando l’Italia diverrà uno Stato di diritto e democratico, sarà necessario studiare la peste che aveva colpito le nostre istituzioni, nel silenzio dei potenti del regime tanto della maggioranza quanto di quella che continua senza vergogna a chiamarsi opposizione, in questo caso in particolare quel Partito democratico che “le prove” contro Firmigoni, a noi inaccessibili, richieste dal TAR, le custodisce nei propri cassetti da 9 mesi. A questo link la sentenza del Tar: http://www.radicali.it/sites/default/files/ sentenza%20tar.pdf

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

22 dicembre: manifestazione studenti

Posted by fidest press agency su mercoledì, 22 dicembre 2010

Roma. “Serve un atto di coscienza da parte di tutti per evitare che Roma diventi un campo di battaglia. Isolare i violenti  appare quindi un gesto di responsabilità civile e morale che non può essere disatteso” – lo dichiara in una nota Fabrizio Santori, Presidente della Commissione sicurezza di Roma Capitale alla vigilia delle probabili manifestazioni previste per domani. “Abbiamo chiesto di predisporre le massime misure di sicurezza per evitare incidenti, ma di fronte alle nuove intimidazioni è evidente che serve la collaborazione delle famiglie, degli insegnanti, del comparto socio – educativo tutto e di quegli studenti che scendono in piazza spinti solo dalla forza delle loro idee per condannare ogni sorta di azione  illegale e distruttiva. Appare quanto mai pleonastico rivolgerci alla responsabilità di quelle forze politiche che, pur di strumentalizzare la battaglia politica, fomentano, giustificano o addirittura osannano chi vuole trasformare la città in uno scenario di guerra, causando per giunta ingenti danni  economici che gravano sulle spalle dei cittadini e dei commercianti. Chi non prenderà le distanze da coloro che, nascondendosi dietro il pacifico e democratico diritto a manifestare, hanno come obiettivo quello di mettere a ferro e fuoco la città, ledendone l’immagine anche a livello internazionale, si deve ritenere responsabile anche di eventuali tragedie che, fortunatamente, la scorsa volta sono state scongiurate – conclude Santori”.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Studenti: la solidarietà dei poliziotti

Posted by fidest press agency su mercoledì, 22 dicembre 2010

“Non fatevi ingannare dalle provocazioni dei politicanti di questo governo che vogliono deviare l’attenzione dell’opinione pubblica dai reali problemi del Paese a ipotetici scontri di piazza”. Lo afferma Franco Maccari, Segretario Generale del COISP – il Sindacato Indipendente di Polizia, rivolgendosi agli studenti che protestano contro la riforma “Gelmini” e le politiche dell’esecutivo. Prosegue Maccari: “Si tratta di una vera e propria ‘strategia della tensione’: il terrore degli scontri di piazza torna utile ad un Governo che vede crollare giorno dopo giorno la propria credibilità. La politica sta scientificamente e strumentalmente dirigendo contro le Forze dell’Ordine una situazione di disagio sociale che ha prima creato e poi fatto esplodere. Agli studenti chiediamo di non cadere nella trappola tesa dai vari Gasparri e La Russa: le Forze di Polizia non sono il nemico da combattere. Noi siamo solidali con le battaglie degli studenti! Alle manifestazioni partecipano i nostri figli, i nostri fratelli e le nostre sorelle. Questo governo prima ha pugnalato alle spalle le Forze dell’Ordine, ora vuole manganellare gli studenti e tutti coloro che esprimono il proprio dissenso. Protestare è un diritto sacrosanto! La violenza è inutile e soprattutto non ha senso la battaglia contro le Forze dell’Ordine, che sono in piazza non per proteggere i ‘palazzi’, ma per tutelare innanzitutto l’incolumità dei manifestanti. Soprattutto è inutile la presenza nello scenario politico di fomentatori d’odio come Gasparri e La Russa: sono loro i veri attentatori della democrazia e i traditori delle Istituzioni”.

Posted in Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Agenda assessori comune Roma

Posted by fidest press agency su mercoledì, 22 dicembre 2010

Roma 22/12/2010 Presidente della Commissione Politiche sociali e Famiglia TREDICINE Ore 16: Centro Enea, via Boccea 530   Il presidente della Commissione Politiche Sociali e Famiglia di Roma Capitale, Giordano TREDICINE, partecipa alla mostra fotografica del regista Francesco PATIERNO presso il Centro Enea, struttura di seconda accoglienza per i rifugiati politici.
Ore 16.30: Centro Anziani Montemario, via Trionfale 9089   Il presidente della Commissione Politiche Sociali e Famiglia di Roma Capitale, Giordano TREDICINE, partecipa alla festa di Natale organizzata dal Centro Anziani Montemario. Previsto un concerto dell’orchestra Montemario.
Ore 19: Centro Anziani Ventura, via G. Ventura 60   Il presidente della Commissione Politiche Sociali e Famiglia di Roma Capitale, Giordano TREDICINE, partecipa alla festa e allo scambio di auguri presso il Centro Anziani Ventura.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Stangata: allarme asili nido

Posted by fidest press agency su mercoledì, 22 dicembre 2010

Le  notizie che arrivano sul fronte dei servizi offerti dalle amministrazioni locali sono allarmanti. Le rette per il nido e per le mense stanno avviandosi verso aumenti mostruosi (solo a Roma sono del 35% per i nidi e quasi del 100% per le mense scolastiche. Ma tutti i comuni si muovono nella stessa direzione della capitale con aumenti continui negli anni e che spesso sono a due cifre e vicine al 30%).   Tanti, troppi, comuni d’Italia, sull’onda dei tagli ai trasferimenti statali, stanno perpetrando un vero e proprio scippo ai danni delle famiglie, soprattutto le meno abbienti. E su questo il Forum delle associazioni familiari lancia l’allarme. In periodi di magra tutti devono fare sacrifici. Ma possibile che debbano essere sempre e solo le famiglie con figli a pagare per prime?
Alcune amministrazioni comunali mostrano di essere più sensibili alle esigenze delle famiglia, altre non guardano tanto per il sottile e preferiscono infierire sulle famiglie con figli, pensando (anche non tanto nascostamente) che “tanto li hanno voluti loro, che ci pensino loro a mantenerli (i figli)”. Il tutto senza rinunciare alle luminarie di Natale e a tante spese superflue. «Al governo chiediamo» afferma il presidente del Forum, Francesco Belletti «di non scaricare le proprie esigenze di bilancio su famiglie ed enti locali che a loro volta le scaricano sulle famiglie che, in questo modo, si trovano attaccate su tutti i fronti. Ai Comuni chiediamo di tagliare, in una scelta di priorità, settori diversi dai servizi alle famiglie. Troveranno così nelle famiglie e nelle loro associazioni dei partner pronti a condividere la cura dei propri cari».

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Natale: festeggiare in sicurezza

Posted by fidest press agency su mercoledì, 22 dicembre 2010

Innanzitutto, la sicurezza dei giocattoli. Nel nostro Paese, ci sono norme che dettano precisi obblighi per i produttori, che prevedono sanzioni e ritiro dal mercato in caso di non ottemperanza e aiutano gli adulti a fare un acquisto senza pericoli. L’UNI, Ente Nazionale di Unificazione e CEI, Comitato Elettrotecnico Italiano, definiscono i principi generali di sicurezza. L’UNI ha elaborato le norme UNI En 71, che stabiliscono requisiti e metodi per garantire la sicurezza dei giocattoli per bambini fino ai 14 anni. Il CEI ha inoltre pubblicato le norme CEI En 62115 “Sicurezza dei giocattoli elettrici” e CEI En 50410 “Norme particolari per i robot decorativi”, che si occupano di quegli oggetti che hanno almeno una funzione che dipende dall’elettricità, il cui collegamento deve poi rispondere ai requisiti previsti nella norma CEI En 61588. I giocattoli non devono presentare spigoli vivi e bordi taglienti; le parti sporgenti che possono provocare ferite o perforazioni devono essere protette; i meccanismi di apertura e chiusura devono avere dei dispositivi di bloccaggio automatico e molle e meccanismi in movimento non devono essere accessibili alle dita. I giocattoli che i bimbi più piccoli portano alla bocca, devono essere progettati in maniera tale che le parti che si possono staccare siano di dimensioni tali da non essere ingerite. I giocattoli nei quali bambini possono introdursi, debbono avere fori di ventilazioni e porte apribili senza sforzo. Devono riportare, infine, obbligatoriamente, la fascia di età dei giovani utilizzatori. Le avvertenze e le istruzioni per il montaggio e l’uso, devono poi essere redatte nella lingua ufficiale del paese di acquisto.

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Smaltimento diversificato dei rifiuti: nuove regole

Posted by fidest press agency su mercoledì, 22 dicembre 2010

Un’indagine della Confederazione italiana agricoltori, prevede che durante il periodo di Natale, finiranno nella spazzatura circa 500mila tonnellate di rifiuti alimentari. L’impatto sull’ambiente delle tavolate di Natale non è dunque da sottovalutare. Il giorno di Natale entra in vigore il Decreto legislativo 205/2010 che prevede sanzioni più elevate per i privati che abbandonano rifiuti per strada o comunque nell?ambiente. La direttiva comunitaria, definisce alcuni concetti basilari, come le nozioni di rifiuto, recupero e smaltimento, e stabilisce gli obblighi essenziali per la gestione dei rifiuti, in particolare un obbligo di autorizzazione e di registrazione per un ente o un?impresa che effettua le operazioni di gestione dei rifiuti e un obbligo per gli Stati membri di elaborare piani per la gestione dei rifiuti. Stabilisce inoltre principi fondamentali come l’obbligo di trattare i rifiuti in modo da evitare impatti negativi sull’ambiente e sulla salute umana, un incentivo ad applicare la gerarchia dei rifiuti e, secondo il principio “chi inquina paga”, il requisito che i costi dello smaltimento dei rifiuti siano sostenuti dal detentore dei rifiuti, dai detentori precedenti o dai produttori del prodotto causa dei rifiuti. E’ certo che la previsione delle nuove sanzioni riuscirà a limitare questa pratica così brutta e diffusa. Un atto di cosciente responsabilità da parte nostra, consentirà ai nostri rifiuti di prendere la destinazione degli impianti di riciclaggio per farli trasformare in vera e propria risorsa piuttosto che inviarli alle discariche.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Treni e rimborsi: scheda pratica dell’Aduc

Posted by fidest press agency su mercoledì, 22 dicembre 2010

Trenitalia proprio in questi giorni in cui 20 centimetri di neve hanno bloccato Firenze, la Toscana e non solo, con la conseguente soppressione di quasi tutti i treni ha dato dimostrazione della sua mancanza di efficienza. Sara’ bene quindi, visto che l’amministratore delegato di questa azienda ha gia’ messo le mani avanti rispetto a ventilati rimborsi, ricordare le regole dello stesso gestore.
Per quanto prevede il Regolamento CE 1371/200, nonche’ le condizioni di trasporto di Trenitalia, nel caso di viaggio annullato o ritardato di piu’ di un ora e’ possibile: – chiedere il rimborso integrale del biglietto se il viaggio non viene effettuato; – chiedere rimborsi parziali del biglietto se il viaggio viene comunque effettuato o proseguito (del 25% se il ritardo e’ compreso tra i 60 e i 119 minuti e il 50% se il ritardo e’ pari o superiore ai 120 minuti) Si deve inoltre ricevere gratuitamente:
– pasti e bevande in quantita’ ragionevole rispetto ai tempi di attesa (se disponibili in stazione o sul treno); – sistemazione in albergo con trasporto compreso, qualora sia necessario un soggiorno di una o piu’ notti; – se il treno e’ bloccato sui binari, il trasporto fino alla stazione ferroviaria o ad un punto di partenza alternativo o (a seconda del caso) alla destinazione finale del servizio. Il trasporto  alternativo deve essere offerto in tutti i casi in cui il viaggio in treno non possa proseguire (stante il ritardo minimo di 60 minuti). Tutte le modalita’ da seguire per richiedere i rimborsi sono riportate su questa scheda pratica curata da Rita Sabelli, responsabile Aduc per l’aggiornamento normativo: http://sosonline.aduc.it/scheda/treni+diritti+dei+passeggeri+regole_18518.php

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Evitiamo il collasso del Paese

Posted by fidest press agency su mercoledì, 22 dicembre 2010

“Esprimo forte soddisfazione per l’inaugurazione odierna del tavolo di lavoro dell’area di responsabilità nazionale, in vista del futuro gruppo parlamentare alla Camera” lo dichiara l’on. Americo Porfidia, membro di Noi Sud “L’area – spiega il deputato campano – s’è posta l’obiettivo di farsi gruppo parlamentare entro gennaio, per poter garantire la fine della legislatura ed evitare il collasso del paese . Noi Sud ha sempre considerato l’opzione delle elezioni una via sbagliata per uscire dalla crisi; i mercati finanziari non aspettano altro per aggredire l’Italia che una compiuta crisi di governo. Riprendendo le parole del Presidente della Repubblica – conclude Porfidia – siamo orgogliosi di poter contribuire per apportare moderazione nella politica nazionale con l’obiettivo di giungere a fine legislatura e riequilibrare le posizioni tra nord e sud del paese”

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »