Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 338

Democrazia e diritti dell’uomo

Posted by fidest press agency su domenica, 9 gennaio 2011

Editoriale. L’esigenza fondamentale dell’uomo è quella di essere considerato “persona” e, di conseguenza, soggetto di diritto. E’ il suo modo di essere derivante dalla sua esistenza e dai rapporti che instaura con un altro uomo-soggetto. Da questa relazione di reciprocità si fonda la società e la sua complessa rete intersoggettiva sia nei contatti personali sia in quelli correlati alle rispettive attività. Ne scaturisce uno studio approfondito sulla questione di sapere in che consistano questi diritti e se essi debbano essere considerati come dei diritti naturali o solo risultanti dal diritto positivo. Ma su tutto ciò vi presiede il diritto di libertà sia pure acquisito secondo i luoghi, le epoche e la natura dello Stato in cui vive. In pratica può verificarsi che l’uomo creatore dello Stato diventi a sua volta un sottoposto al potere di un’autorità divenuta autonoma e dominante e che potrebbe vanificare in parte o in tutto i suoi diritti. Da qui la nascita dei conflitti ma anche dei riconoscimenti che intendono prescindere da tutto il resto. Pensiamo al diritto alla vita. Dire, ad esempio, che l’essere vivente vuole morire è un concetto irrazionale e va respinto. Di conseguenza il diritto alla vita “è il diritto che ha la sua origine nell’uomo-soggetto, che è soggetto del diritto, un diritto pertanto incontestabile” come ha affermato in suo scritto Guido Gerin. Ma, aggiungerei, non basta. Lo Stato in quanto tale deve farsi carico di qualcosa in più. Il diritto alla vita non si apre e si chiude al primo vagito. Vanno soddisfatte le sue esigenze di nuovo venuto dalla tutela alla sua salute, all’istruzione, ad avere un tetto dove ripararsi, un lavoro. Ma anche di una società che soddisfi il suo bisogno di conoscere e anche di interrogarsi sul come “egli possa giungere a dar vita a uno stato che salvaguardi la libertà e la vita dell’uomo soggetto.” Dobbiamo, purtroppo, rilevare che la libertà posta a fondamento degli altri diritti acquisibili dall’uomo soggetto è di continua minacciata e a volte con forme subdole, camuffate. Non basta, infatti, ad una democrazia affermare di garantire i diritti ma deve saperlo dimostrare con i fatti. Oggi, invece, lo stato-partito cerca di conservare in tutti i modi il monopolio del potere e non si fa scrupoli nell’esercitare la pressione della paura nei cittadini, isolandoli, disarmandoli e soprattutto sopprimendo tutte le forme di pluralismo reale e concreto come la libertà d’informazione e di associazione. Ma oggi non dobbiamo considerarlo solo un “vezzo” delle ideologie totalitarie ma anche il sottile veleno che si insinua negli stati liberal democratici, e contro la stessa volontà di coloro che lo hanno creato, e lo fanno in nome di interessi mercenari, di gruppi di potere senza scrupoli e quanto altro. A questo punto quale potrebbe essere l’antidoto?  E’ semplice e complesso in pari tempo: dobbiamo vigilare ed essere sempre più consapevoli che come difendiamo la nostra privacy, la nostra famiglia così dobbiamo farci carico di difendere la democrazia per individuare ed eliminare la gramigna prima che soffochi la spiga di grano perché anche ciò che si presenta fuori dalle nostre mura ci appartiene e ci influenza. (Riccardo Alfonso http://www.fidest.it)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: