Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 321

Il futuro dell’Europa

Posted by fidest press agency su giovedì, 13 gennaio 2011

Inizio d’anno caldo sul fronte dell’Unione europea: la ripresa dalla crisi è decisamente in atto a livello mondiale, ma il nostro continente stenta ancora. In realtà la situazione è ancora molto diversa tra i differenti Paesi: la Germania è tornata ad essere la locomotiva con dati del tutto rassicuranti grazie al percorso di riforme profonde intrapreso da tempo, su altri Paesi invece gravano ancora molte nubi legate al debito, sia esso dello Stato, delle banche o delle famiglie. Il tema della governance economica comune, in grado di affrontare le sfide di un mondo in cui i protagonisti sono le macro-regioni o i macro-Stati, resta quello essenziale. E il principale strumento a disposizione resta sempre lo stesso: l’euro, che dal 1° gennaio ha un nuovo partecipante: l’Estonia. Adesso sono 17 i Paesi che fanno parte della zona euro, e quello affacciato sul Baltico è il primo che faceva parte fino a vent’anni fa dell’Unione Sovietica.   Ma per far funzionare la macchina le sole regole dell’euro, ovvero i vecchi criteri di Maastricht, non bastano più: la crisi ha fatto emergere questa verità, ormai incontestata. Neppure gli importanti strumenti di intervento nei casi di difficoltà, introdotti nel corso del 2010 in seguito alla crisi della Grecia e ormai pronti a intervenire a sostegno anche di altri casi problematici, sono sufficienti a garantire gli obiettivi di sistema: la European Financial Stability Facility è nata e opera per gestire le situazioni complicate, non è uno strumento di gestione ordinaria. Ai criteri sulla stabilità della moneta e agli strumenti d’intervento eccezionali occorre affiancare la vera e propria governance economica che rilanci la crescita, come vuole la strategia “Europa 2020”. In questo contesto, proprio oggi la Commissione presenta l’analisi annuale della crescita, che delinea chiaramente la via che l’Europa dovrà seguire nei prossimi dodici mesi. È necessario intervenire, tanto sul piano europeo che su quello nazionale, su dieci livelli legati alla stabilità macroeconomica e sul risanamento di bilancio, sulle riforme strutturali e sulle misure a sostegno della crescita. Parte così, in concreto, il primo “semestre europeo”, che cambia il modo in cui i governi dei 27 Paesi membri, definiscono le proprie politiche economiche e di bilancio. Sarà la prima volta che Stati membri e Commissione discutono insieme della stabilità macroeconomica, delle riforme strutturali e delle misure volte a rilanciare la crescita con un approccio globale. Nei prossimi sei mesi ciascuno Stato e la Commissione valuteranno insieme i progetti di leggi di bilancio, che poi diventeranno operative con l’approvazione definitiva da parte di ciascun Parlamento, come sempre in autunno.
La comunicazione della Commissione riguarda tre aspetti principali: la necessità di un risanamento di bilancio rigoroso onde rafforzare la stabilità macroeconomica, le riforme strutturali per incentivare l’occupazione e le misure a sostegno della crescita. È necessario ad esempio mobilitare il mercato del lavoro, come evidenzia il Rapporto sull’occupazione contenuto nel documento odierno, che quantifica in quasi 6 milioni i posti di lavoro persi in Europa dall’inizio della crisi. E allora: rendere il lavoro più attraente, riformare i sistemi pensionistici, reinserire i disoccupati nel mondo del lavoro e conciliare sicurezza e flessibilità, ogni Paese in base al contesto in cui opera. Temi non distanti, tanto per fare un esempio concreto, a quelli in discussione in questi giorni in Italia sul caso FIAT. Insomma, non sono formali ma davvero sostanziali gli auguri di Buon Anno che la Rappresentanza a Milano della Commissione europea formula alla Commissione stessa, al Parlamento europeo, al Consiglio e alla nuova Presidenza ungherese, alle altre istituzioni europee, a quelle nazionali e in particolare all’Italia che celebra quest’anno il suo 150° anniversario, a tutti i cittadini e a istituzioni, enti e persone che collaborano con essa, a cominciare dalla sempre preziosa rete di sportelli Europe Direct.  (Matteo Fornara Rappresentanza a Milano) (matteo fornara)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: