Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 126

Diversità e identità umana

Posted by fidest press agency su martedì, 18 gennaio 2011

Le generazioni che stanno vivendo la nostra contemporaneità sono chiamate a risolvere un problema esistenziale essenziale e che con il trascorrere del tempo diventa sempre più pressante e improcrastinabile. Si tratta di irrobustire la propria identità, integrità e dignità personale e ove si fossero smarrite di andare a recuperarle. In altri termini siamo consci che si è allentato l’amore verso i propri simili e la natura che ci ospita e tale defaillance è a tutti i livelli: morale, sociale, culturale, economico e spirituale. Lo notiamo, in pratica, con il rallentamento dei costumi, la poca rappresentatività di coloro che ci governano e l’esempio degradante dei loro comportamenti. Le ricadute sono inevitabili nello sviluppo, nella maturazione nella crescita dell’umanità. Rischiamo di parlare di libertà ma non di opera di liberazione ricadendo nella schiavitù del mondo. Parliamo spesso di istruzione, educazione, assistenza sociale ma finiamo con il fare dell’essere umano un’immagine sempre meno coerente con l’ideale. Dimentichiamo, sovente, che il bene della persona umana, la sua identità personale sta a fondamento di ogni società. Se noi non siamo conseguenti a questo volere noi finiamo con lo spezzare la catena che allaccia l’identità dell’esistente creato alla perfezione spirituale. Questo percorso virtuoso ha un senso e ci dà una risposta se noi nella nostra individualità riusciamo ad esprimere una forza interiore capace di esteriorizzare i suoi principi animatori e di saper discernere la guida, una sorta di primus inter pares, per illuminare il nostro cammino eliminando, man mano i vari coni d’ombra. Ecco perché non possiamo accettare che il nostro alfiere si mostri poco all’altezza del compito assegnatogli. Da qui l’invito a cercare non chi deve necessariamente essere a capo di un esercito o di un governo ma chi dalla guida di questo esercito e di questo governo sappia trasfonderne un insegnamento morale per gli spiriti più deboli. E se il nostro discorso vale per quello che è dobbiamo fare in modo che la democrazia affondi sempre e comunque, nella terra feconda che si chiama libertà, giustizia, fratellanza umana. Cerchiamo quindi gli uomini e le donne forti sulla tenuta dei valori perché essi siano per noi la luce che ci guida lungo una strada a tratti impervia per una meta che ci accomuna e della quale dovremmo, sempre, restarne degni beneficiari. (Riccardo Alfonso http://www.fidest.it)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: