Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 335

Business analytics aziendale

Posted by fidest press agency su mercoledì, 19 gennaio 2011

Lo studio “Inside the Midmarket: A 2011 Perspective” , commissionato da IBM e condotto in modo indipendente da KS&R, Inc., segnala una svolta da parte delle aziende di medie dimensioni nel 2011: più della metà ha in programma infatti un aumento del proprio budget IT nei prossimi 12 mesi, rispetto a solo il 20% nel 2009, con investimenti in aree chiave per il business quali la collaborazione, la business analytics, la mobilità, il cloud computing e sistemi di gestione delle relazioni con i clienti. Allo stesso tempo, queste imprese prevedono di aggiornare la propria infrastruttura centrale per migliorarne le prestazioni, la sicurezza e l’affidabilità. In effetti, più di due terzi delle aziende sta adottando soluzioni di virtualizzazione per sfruttare un’infrastruttura condivisa e migliorare  l’efficienza, abbassando i costi e aumentando la scalabilità.  I confronti tra lo studio attuale e quello del 2009 rivelano un radicale spostamento di interesse: dal controllo dei costi  verso una maggiore attenzione alla crescita, ai clienti e all’innovazione. Oggi il 21% è ancora orientato al tema  “Efficienza e controllo dei costi”, mentre la grande maggioranza (79%) si concentra su crescita, innovazione e clienti. Nel 2009, il 53% definiva la strategia  della propria azienda come improntata a “Efficienza e Controllo dei Costi”, mentre meno della metà (47%) si focalizzava su crescita, innovazione e clienti. Questo cambiamento di mentalità si riflette negli elementi che stimolano l’adozione della business analytics come fattore chiave per  migliorare le efficienze (37%), aumentare le informazioni e la conoscenza dei clienti (37%), sostenere le strategie di espansione (15%).
Più del 70% delle aziende di medie dimensioni cerca una relazione di consulenza, più che un semplice rapporto commerciale, con il proprio fornitore di IT. Tutte le medie imprese citano l’affidabilità dei prodotti, le prestazioni dei prodotti e il prezzo competitivo tra i principali motivi della scelta del proprio fornitore di IT principale.
Lo studio “Inside the Midmarket: A 2011 Perspective” è stato commissionato da IBM e condotto in modo indipendente da KS&R, Inc. L’indagine, condotta su 2.112 responsabili delle decisioni di business e information technology in imprese di medie dimensioni (100-1000 dipendenti), ha coinvolto tutti i principali settori di mercato.  I partecipanti provenivano da 22 paesi, tra cui Stati Uniti, Canada, Gran Bretagna, Paesi Nordici (Danimarca, Finlandia, Islanda e Norvegia), Svezia, Germania, Francia, Italia, Benelux (Belgio, Paesi Bassi, Lussemburgo), Spagna, Giappone, Cina, Brasile, India, Russia, Australia, Messico, Corea, Singapore, Sudafrica, Polonia, Nuova Zelanda e Repubblica Ceca. Lo studio è stato condotto nel quarto trimestre del 2010 per registrare le priorità di business e IT e la direzione degli investimenti attuali e imminenti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: