Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 338

Adozioni internazionali

Posted by fidest press agency su giovedì, 20 gennaio 2011

L’Associazione Avvocati Matrimonialisti Italiani condivide l’ambizioso progetto del Parlamento Europeo di facilitare le adozioni internazionali al fine di impedire, o quantomeno ridurre, il fenomeno della compravendita illegale di bambini o la sosta di questi ultimi presso internat o strutture simili. In merito il presidente nazionale AMI avv. Gian Ettore Gassani dice: “ Da anni si parla in Europa e nel mondo di semplificare il percorso delle adozioni internazionali.
Tuttavia manca una politica comune che concretamente miri ad assicurare sostegno all’infanzia e all’adolescenza abbandonate. A parere dell’AMI per facilitare le adozioni internazionali occorrerebbe innanzitutto prevederne la gratuità atteso che l’adozione, nobile ed alta scelta
d’amore e di coraggio, rappresenta un lusso finanche per i benestanti e che in altri ceti sociali è possibile solo accendendo un mutuo. Occorre inoltre velocizzare le pratiche burocratiche: i tempi dell’adozione internazionale, specie nel nostro Paese, sono ancora lunghi ed incerti”. I costi di un’adozione internazionale per due coniugi italiani variano tra 5 e 20.000 euro (senza tenere conto di tante spese accessorie, ma spesso indispensabili, da sostenere all’estero). I tempi sono compresi tra i 18 ed i 40 mesi, a seconda del Paese di origine del bambino da adottare. “Fin quando i genitori adottivi italiani ed europei saranno vessati sul piano economico e burocratico, le
adozioni internazionali saranno sempre difficili ed i bambini abbandonati saranno sempre più alla mercé di organizzazioni criminali che, facendo leva sulle debolezze ed imperfezioni dell’attuale sistema, continueranno a proporne la compravendita al mercato nero. ‘Comprare’ un bambino o adottarlo costa la stessa cifra (circa 15-20 mila euro). La differenza è che il mercato nero consegna i bambini in tempo reale mentre l’attuale sistema sempre più burocratico ed ipocrita, costringe le coppie ad attese insopportabili. Pertanto il Parlamento Europeo spieghi bene cosa intende quando dichiara di voler facilitare le adozioni internazionali. Vi è la netta sensazione che si tratti dell’ennesima, vuota, enunciazione di principio”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: