Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

La Lega e il Federalismo fiscale

Posted by fidest press agency su domenica, 23 gennaio 2011

“Caro ministro Bossi, le stanno portando via il federalismo fiscale. Lo soffocano sotto il peso di emergenze  che nulla hanno a che vedere con gli interessi reali del Paese.  Lo depotenziano perché distratti dalla sopravvivenza di un governo in apnea, quasi non si rendessero conto che in agenda c’è la definizione della più importante riforma sul funzionamento dello Stato del gli ultimi decenni”. Lo scrivono, in una lunga  lettera aperta pubblicata ieri mattina sul sito di TrecentoSessanta, il senatore Marco Stradiotto e il deputato Francesco Boccia, entrambi componenti PD della Commissione Bicamerale per l’Attuazione del Federalismo Fiscale ed entrambi tra i fondatori dell’Associazione di Enrico Letta.  “È ormai chiaro a tutti – proseguono – che questo, semplicemente, non è federalismo. È un ibrido che rischia di trasformarsi in un pasticcio che non determinerà né autonomia né equità. Noi lo ripetiamo da mesi: al federalismo crediamo tanto quanto la Lega, ma vogliamo farlo bene. Chi amministra  correttamente va premiato, chi amministra male va sanzionato. Per questo sostituire le entrate proprie con quelle derivate distorce il principio cardine del federalismo, ossia lo stretto legame tra autonomia finanziaria e responsabilità, e tradisce l’assioma ‘pago-vedo-voto'”.  “Allo stesso modo – continuano – i paletti messi dal ministro Tremonti rischiano di mortificare sul nascere la riforma. La legittima preoccupazione di far quadrare i conti, anziché tradursi in veti preventivi, potrebbe infatti risolversi con ordinarie clausole di salvaguardia sui vincoli di finanza pubblica e sul divieto di aumentare  la pressione fiscale. Per questi motivi ripetiamo a lei, e ai ministri Calderoli e Tremonti, che servono garanzie reali sui servizi una volta definiti i fabbisogni. Prima si definiscono i fabbisogni, poi la perequazione. Le rilanciamo inoltre la proposta Letta sulle  detrazioni fiscali per 4 milioni di inquilini non proprietari, attraverso la cedolare secca. Infine, insistiamo sull’autonomia vera: i sindaci ottengono le risorse, i sindaci devono utilizzarle bene, i sindaci sono mandati a casa o riconfermati in funzione di questo utilizzo”. “Facciamo ancora in tempo – concludono – a evitare un corto circuito istituzionale. Il Paese, tutto intero, non ce lo perdonerebbe e a nessuno potremo dire, per scusarci: ‘E’ colpa di Ruby!’”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: