Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 25

Emergenza immigrazione: governo impreparato

Posted by fidest press agency su lunedì, 14 febbraio 2011

“Il governo si sta dimostrando ancora una volta impreparato ad affrontare l’emergenza immigrazione. Ciò è il frutto di una politica scellerata e dilettantesca che denunciamo da anni, con i tagli sconsiderati alle Forze dell’Ordine e lo spreco delle enormi risorse che pure sono state destinate ad affrontare le precedenti emergenze. Il risultato è che il nostro Paese ancora una volta si dimostra il ventre molle dell’Europa, e resta inerme davanti alle ondate di clandestini che invadono le nostre coste, da un lato senza avere la capacità di offrire solidarietà alle migliaia di disperati, dall’altro senza riuscire a garantire la sicurezza dei propri cittadini”. A sostenerlo è Franco Maccari, Segretario Generale del COISP – il Sindacato Indipendente di Polizia. “Negli ultimi anni – continua Maccari – c’è stato il tempo e ci sono state le risorse per programmare ed organizzare la risposta del nostro Paese alle ondate cicliche, e assolutamente prevedibili, di sbarchi di profughi e immigrati dal continente africano. Eppure si è preferito agire nella logica della perenne emergenza, investendo milioni di euro in quel business dell’accoglienza che è servito soltanto ad arricchire i soliti faccendieri. Tutto questo non soltanto a discapito della qualità dell’accoglienza degli immigrati, ma soprattutto a danno dei tantissimi Appartenenti alle Forze dell’Ordine, costretti ad affrontare l’emergenza immigrazione senza mezzi adeguati, in situazioni di estremo disagio e di grave pericolo. Uno scenario che ancora una volta si ripete”.

Una Risposta to “Emergenza immigrazione: governo impreparato”

  1. Se si considera l’uomo come risorsa,anzicchè come peso sociale,approfittiamo della venuta degli immigrati per affidare,a chi di loro si dimostra capace,la gestione di tutti i terreni agricoli abbandonati,che sono la vera ricchezza del nostro paese.Può darsi che fra qualche anno potremo dir loro:benvenuti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: