Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 335

Signore: perchè tanta sofferenza nel mondo?

Posted by fidest press agency su sabato, 19 febbraio 2011

Lettera al direttore. Dio non spiega a Giobbe il perché della sua sofferenza. Lo rimprovera semplicemente d’aver preteso di comprendere cose troppo più grandi di lui, e lo premia per la sua fede.  Il Signore non dà spiegazioni. Un ateo ne indicherebbe con facilità il motivo: la risposta a Giobbe è umana, non divina. Un religioso, invece, il professore della Pontificia Università Urbaniana di Roma, Stefano Virgulin, commenta: “Il libro di Giobbe non dà la chiave per sciogliere l’enigma della sofferenza del giusto…In realtà l’autore del poema non ha la risposta esauriente al problema…Del resto, qualunque spiegazione violerebbe il mistero di Dio che l’autore avverte in maniera fortissima” (Giobbe – La Bibbia – Ed. Paoline – 1987). Il che significa che Dio non vuole o non può rivelare il mistero agli  uomini, i quali devono restare nell’ignoranza di Giobbe. E Gesù stesso ne dà la conferma, giacché pur conoscendo le Scritture, e ben sapendo che il problema assillava ed avrebbe assillato per sempre gli uomini, non vi fa il minimo cenno.  Un credente però potrebbe chiedersi come mai agli apostoli che assistettero ai miracoli di guarigione fisica e spirituale operati da Gesù, al suo adoperarsi per alleviare per quanto possibile la sofferenza dell’umanità, non venne in mente di porre la domanda di Giobbe al loro maestro. Come mai nessuno dei dodici sentì l’umana esigenza di chiedere: “Signore, perché tanta sofferenza nel mondo?” Forse sapevano che non avrebbe potuto dare una risposta esauriente? (Renato Pierri)

Una Risposta a “Signore: perchè tanta sofferenza nel mondo?”

  1. Dio avrebbe potuto perdonare il tradimento di Adamo ed Eva,senza incarnarsi in Gesù e morire sulla croce.Ha quindi usato la crocifissione del Figlio per confermare l’importanza della sofferenza come mezzo di riscatto,condivisa dalle varie pene che soffre l’umanità,che collabora per la purificazione dal male che il peccato ha portato sulla terra.Naturalmente l’ateo non si spiegherà mai l’esistenza della sofferenza.Il credente deve accettarla,sapendo che Dio è amore e giustizia e se la permette è solo per il nostro bene,anche se potremo capirlo pienamente solo nella vita eterna,quando saremo liberati dell’ignoranza,pure conseguenza del peccato.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: