Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 259

Archive for 2 marzo 2011

Martedì Grasso: Carnevale Venezia 2011

Posted by fidest press agency su mercoledì, 2 marzo 2011

Venezia 8 marzo 2011  ore 21.00. La grande musica italiana live concluderà il Carnevale di Venezia 2011 “Ottocento – Da Senso a Sissi, la città delle donne”. sul palco del Gran Foyer, la suggestiva macchina teatrale allestita in Piazza San Marco, scenderanno due fra le artiste più rappresentative della musica leggera nazionale, Paola Turci e Marina Rei, un cast tutto al femminile per omaggiare la giornata della donna. La prima, una delle cantautrici più amate, esordisce a Sanremo nel 1986 e raggiunge la notorietà nel 1988 con l’album “Ragazza sola ragazza blu”.  Il talento della cantante romana si consolida con canzoni come “Ringrazio Dio”, “Ancora tu”, rivisitazione di successo di un classico di Battisti, “Sai che è un attimo”.Marina Rei , figlia d’arte, esordisce nel 1995 con il singolo “Sola” che incuriosisce in fretta il pubblico e gli addetti ai lavori. Nel 1996 partecipa al Festival di Sanremo con la canzone “Al di là di questi anni”,  aggiudicandosi il Premio della Critica. Dopo il successo del Festival ripubblica l’album uscito prima della sua partecipazione alla gara canora, dal titolo “Marina Rei” con il quale ottiene il disco di platino per le vendite. Tra i suoi maggiori successi, “Dentro me”, “Un inverno da baciare” e soprattutto “Primavera”,  tormentone dell’estate 1997, il cui videoclip con interprete Margherita Buy vince la manifestazione Disco per l’Estate.

Posted in Cronaca/News, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Pamela Villoresi è Medea

Posted by fidest press agency su mercoledì, 2 marzo 2011

Chiasso venerdì 18 marzo alle ore 20.30 al Cinema Teatro di Chiasso Pamela Villoresi sarà l’intensa protagonista della tragedia Medea di Euripide, che il Cinema Teatro di Chiasso propone chiudendo una trilogia di classici antichi, che ha portato in Ticino nei mesi scorsi l’Edipo sofocleo e Casina di Plauto. Medea è una figura inedita per il teatro antico, che Euripide fa irrompere all’interno della rappresentazione tragica come elemento di assoluta modernità; ed è una donna d’oggi perché è la prima ad agire non spinta da un impulso erotico o sentimentale ma da un desiderio di giustizia. La regia di Maurizio Panici, che ha debuttato lo scorso anno a Tindari al Festival dei Due Mari, cerca proprio di far emergere questa modernità del ruolo femminile in quanto portatore di un nuovo pensiero all’interno della società.  Il testo di Euripide è presentato in traduzione/adattamento di Michele Di Martino e Maurizio Panici. Accanto ai due attori principali, Pamela Villoresi (Medea) e David Sebasti (Giasone), troviamo Renato Campese (Creonte), Silvia Budri Da Maren (Nutrice), Andrea Bacci (Messaggero), Elena Sbardella (Prima Corifea) e lo stesso regista Maurizio Panici (Egeo). Le scene ed i costumi sono di Michele Cacciofera. Musiche di Luciano Vavolo.  Lo spettacolo è una coproduzione di: Associazione Teatrale Pistoiese Argot Produzioni Teatro dei Due Mari. (medea)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Ciò che ci divide dall’Europa

Posted by fidest press agency su mercoledì, 2 marzo 2011

Bruno Vespa e Silvio Berlusconi

Image by Hytok via Flickr

Il caso del ministro della difesa tedesco Guttemberg che per una storia di copia-incolla della sua tesi universitaria è stato costretto giorni fa alle dimissioni segna, inequivocabilmente, ciò che ci divide dall’Europa come mentalità e costume politico. L’esempio nostrano è noto. Si tratta del presidente del consiglio Silvio Berlusconi. Se tralasciamo i vari processi che lo hanno visto imputato, e ai quali per 16 anni non ha fatto altro che trovare espedienti vari di natura giudiziaria e legislativa per sottrarsi ad essi, e ci limitiamo all’ultimo rinvio a giudizio, per concussione e favoreggiamento prostituzione minorile per i quali sta ora ingaggiando una formidabile manovra difensiva che ha il fine di sottrarsi alla causa messa a ruolo il 6 aprile prossimo, la circostanza è davvero sconcertante. Dimostra chiaramente di volersi sottrarre al giudizio. Lo fa dicendo che il suo giudice naturale è il tribunale dei ministri e tutti noi sappiamo bene che lo fa come escamotage per ritardare i tempi processuali e avere l’opportunità di farla franca perchè per procedere i nuovi giudici devono, per legge, chiedere l’autorizzazione a procedere alla camera dei deputati e si da per scontato che tale richiesta sarà rifiutata. Ed ha già, c’è da giurare, preparato un discorsetto del tipo: “la mia maggioranza lo ha fatto per l’interesse del paese che ha bisogno d’essere governato”. Ora se è tanta frenetica questa sua voglia di sottrarsi ad un procedimento penale non sorge a qualcuno il dubbio che questi magistrati milanesi un po’ di ragioni l’hanno nell’accusarlo? E ancora non sarebbe stato più dignitoso dimettersi e difendersi come un comune cittadino? Ed invece tra un anno, tra due anni, tra dieci anni dobbiamo continuare a chiederci di questa Ruby, del bunga bunga nazionale e dello strano costume politico made in Italia che di certo potrà essere esportato solo in quei paesi a “democrazia incompiuta”. Ma lo sconcerto, a mio avviso, è ancora più grande se penso che gli Italiani continueranno a votarlo (se stiamo ai sondaggi elettorali di queste ore) e che in parlamento continua a fare proseliti. A questo punto sono i tedeschi, gli inglesi, i francesi e persino i polacchi a sbagliare o siamo noi che non abbiamo più la testa per capire quali sono i limiti della morale privata e pubblica di un uomo politico? E la confusione è tanta che persino la Chiesa di Roma cavilla sul concetto di moralità e non osa esprimere un giudizio chiaro nei confronti di uno che ritiene, c’è da pensare, al di sopra di tutto e quindi anche della dottrina cattolica. (Riccardo Alfonso http://www.fidest.it)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La Repubblica di un solo giorno

Posted by fidest press agency su mercoledì, 2 marzo 2011

Roma 2-3 marzo 2011  Teatro Biblioteca Quarticciolo 4-5 marzo 2011  Teatro Tor Bella Monaca  La Repubblica di un solo giorno  di Marco Baliani e Ugo Riccarelli   regia Marco Baliani  scene e costumi Carlo Sala   musiche Mirto Baliani   drammaturgia Maria Maglietta con Patrizia Bollini, Daria Deflorian, Gabriele Duma, Simone Faloppa, Renata Mezenov Sa, Mariano Nieddu, Alessio Piazza, Naike Anna Silipo, Alexandre Vella. Produzione Teatro di Roma Nei Teatri di Cintura è di scena “La Repubblica di un solo giorno” di Ugo Riccarelli e Marco Baliani, che ne cura anche la regia, una produzione del Teatro di Roma che si inserisce nel progetto dedicato al centocinquantesimo anno dell’Unità d’Italia dal titolo “Fratelli di Storia”. La Repubblica di un solo giorno” sarà in scena mercoledì 2 (ore 21.00) e giovedì 3 marzo (ore 10.30) al Teatro Biblioteca Quarticciolo e venerdì 4 (ore 10.30) e sabato 5 marzo (ore 21.00) al Teatro Tor Bella Monaca.  Uno spettacolo che è una lezione di storia scritta a quattro mani dal premio Strega 2004, Ugo Riccarelli, e dal grande rappresentante del teatro di narrazione in Italia, Marco Baliani.Un affresco storico che racconta con la forza del teatro la materia profonda degli uomini, le loro alte aspirazioni, la civiltà del diritto sono che oggi più che mai importanti e valide, e che per la loro delicatezza, per la loro vitalità, hanno sempre bisogno di studio e di attenzione, di memoria e di cura che possa ricordare i valori fondanti di un vivere civile, affinché quello che siamo riusciti a costruire, a far durare nel tempo, non si sciolga come una Repubblica di un solo giorno. “La Repubblica di un solo giorno” si riconduce alla storia della Repubblica Romana del 1849, a una vicenda appassionante e “forte”, densa di significati e di qualità, dall’aspetto romantico eppure moderno, durante la quale, seppur per un breve spazio di tempo, si è data dimostrazione di come sia possibile “costruire” una repubblica, sostenerla con dei valori autentici, davvero democratici. Un episodio appassionante della Storia del nostro Paese. Appassionante e allo stesso tempo, per le sue modalità, per l’importanza delle sue caratteristiche, poco conosciuto alla grande massa degli italiani. (la repubblica, giulio coniglio)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Luigi Tenco: Riaprire le indagini?

Posted by fidest press agency su mercoledì, 2 marzo 2011

ll sito http://www.lamescolanza.com pubblica un articolo di Giulia Lanza con una serie di rivelazioni e riflessioni sul presunto suicidio di Luigi Tenco al Festival di Sanremo del 1967. Sotto questa titolazione, “Chi cercava di uccidere Tenco subito prima che morisse?Una tra le tante domande rimaste senza risposta … Quel Festival del 1967 e il mistero irrisolto sulla morte del cantante. Suicidio? Tesi improbabile, non provata”, Giulia Lanza sottolinea, soprattutto, due aspetti cruciali: le contraddizioni, mai chiarite, sul ritrovamento della pistola; le minacce di morte, su cui non si indagò, ricevute dall’infelice cantante prima della misteriosa morte. Con una serie di altri particolari rimasti tuttora privi di accertamenti. La ricostruzione di quei tragici momenti, infatti, può fare affidamento solo su pochissimi elementi certi: Tenco è morto a Sanremo durante i giorni del Festival, ucciso da un colpo di pistola alla tempia partito da una pistola, la Ppk calibro 7.65, di proprietà dello stesso Tenco. Il suo corpo è ritrovato nella camera delSavoy nella notte tra il 26 e il 27 gennaio del 1967, dalla cantante Dalida rientrata in albergo verso le 2. Tutto quello che è successo nelle ore immediatamente precedenti il ritrovamento del cadavere è ancora avvolto in una fittissima nebbia, anche perché le indagini scattate di lì a poco sono state frettolose e superficiali. Proprio per chiedere chiarezza e, soprattutto giustizia, da diversi anni si è formato il gruppo “Luigi Tenco60’s – la verde isola”: attraverso il sito internet http://www.luigitenco60s.it e con il supporto di Facebook, il gruppo porta avanti una battaglia supportata da documenti, foto, ricostruzioni e analisi dettagliate, alla quale partecipano in migliaia per chiedere la riapertura delle indagini. In sintesi le cinque prove sostenute dal gruppo “la verde isola” sono: 1) il guanto di paraffina sulla mano di Tenco non dimostra che abbia sparato; 2) nelle foto scattate all’epoca, sotto i glutei di Tenco, non c’e’ la sua Ppk 7.65, ma una Beretta calibro 22; 3) foto a lungo inedite mostrano ferite lacero contuse sul volto di Tenco, come se fosse stato picchiato, non riportate sul referto ufficiale della polizia; 4) la lettera d’addio riporta calchi, come se fosse l’ultima pagina di una lunga denuncia. Si vedono le parole “già” e “gioco”. La firma è contraffatta; 5 ) foto che mostrano sul viso, sui pantaloni e sull’auto di Tenco tracce di sabbia: potrebbe quindi essere stato ucciso in spiaggia. (tenco)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Awa Ly: Parole Prestate

Posted by fidest press agency su mercoledì, 2 marzo 2011

Roma 23 marzo 2011- ore 22 The Place Via Alberico II, 27/29  Con Awa (voce), Massimo Giangrande (chitarra), Angelo Maria Santisi (violoncello) e Diana Tejera, Francesco Forni, Claudio Domestico, Roberto Angelini & friends… Il progetto verrà presentato dal vivo al music club The Place di Roma  con una formazione in trio composta da Awa alla voce, Massimo Giangrande alla chitarra e Angelo Maria Santisi al violoncello, alla quale si aggiungeranno i musicisti autori dei brani con le rispettive formazioni. Una grande jam session per lanciare un lavoro davvero particolare. Il lancio dell’Ep, che coincide con la stessa data del live, vedrà una distribuzione esclusivamente on line suBelieve digital, a tutt’oggi il primo distributore digitale per l’Europa.Parole prestate, questo il titolo dell’EP autoprodotto dall’artista e interpretato da lei per la prima volta in lingua italiana, raccoglie 5 brani inediti scritti da giovani talenti del mondo cantautorale, artisti generosi e sensibili che Awa ha già avuto modo di conoscere in maniera approfondita sul palco dei suoi concerti romani (e non solo): si tratta di Diana Tejera, Francesco Forni, Claudio Domestico, Roberto Angelini e Massimo Giangrande, che hanno curato appositamente per la sua voce la riscrittura e adattamento dei brani; un lavoro molto semplice, acustico e libero nell’arrangiamento, accompagnato peraltro da originali video di presentazione per ogni autore, ad opera della stessa Awa. (parole prestate, awa)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Nucleare, la sicurezza parla marchigiano

Posted by fidest press agency su mercoledì, 2 marzo 2011

Ancona – La Eusebi Group, tramite la società Eusebi Impianti S.r.l.  ha vinto la gara per il contratto per la progettazione, fornitura e installazione degli impianti antincendio presso la centrale nucleare di Mochovce, nel sud della Slovacchia. L’ordine è stato assegnato dalla Slovenske Elektrane joint-stock company slovacca di Enel S.p.A. la quale sta ampliando e potenziando la centrale di Mochovce, oggi in esercizio con 2 reattori nucleari da 880 MW di potenza a cui si aggiungeranno altre due unità in funzione entro il 2013. Questo importante appalto conferma la leadership di Eusebi Group nel campo della protezione antincendio a livello internazionale e continua la fruttuosa e attiva collaborazione fra la società ed Enel S.p.A. per la protezione di centrali elettriche, idroelettriche e termoelettriche sia in Italia che all’estero. (sicurezza)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

L’Altra lei – Storie di donne al cinema

Posted by fidest press agency su mercoledì, 2 marzo 2011

Chiasso 15 marzo – 5 aprile 2011 Cinema Teatro di Chiasso. Dopo il successo della prima edizione, riparte anche quest’anno, all’interno dei martedì del cinema a Chiasso, la rassegna L’altra Lei, storie di donne al cinema, organizzata dall’Ufficio Cultura – Cinema Teatro di Chiasso  in collaborazione con l’Associazione Progetto Geniodonna, la Federazione delle Associazioni Femminili Ticinesi di Lugano e Il Senato delle Donne di Como. L’iniziativa si articola in quattro martedì sera, dal 15 marzo al 5 aprile, compiendo un viaggio che parte dalla Svizzera ed in particolare dal magico mondo di Pipilotti Rist(Pepperminta), per attraversare e raccogliere la poesia e la forza dell’universo femminile in Italia – con le pellicole Come l’ombra di Marina Spada e Bellissime di Giovanna Gagliardi, e volare negli Stati Uniti, con Revolutionary Road di Sam Mendes. Le proiezioni saranno precedute da alcuni “corti” degli studenti di Dreamers – Scuola Video Como, diretta dal regista Paolo Lipari.Un quinto appuntamento extra, a chiusura di questa edizione, si tiene in collaborazione con l’Associazione Archivi Riuniti delle Donne Ticino, che festeggia il suo decennale con la proiezione all’aperto, nel parco di Casa Maderni a Melano, del film Home, di Ursula Meier, il 10 maggio.Il percorso, progettato in collaborazione con Maurizio Michelini, direttore della rivista Geniodonna, si arricchisce inoltre di un prologo musicale. Il 1° marzo, il Cinema Teatro di Chiasso ospita il concerto Maddalena Bombardini: la composizione femminile nei Conservatori veneziani.  Tutte donne naturalmente le interpreti: le violiniste Clara Marzorati e Mariateresa Lietti, la violista Chiara Zabatta e la violoncellista Anna Camporini.  Tutte le proiezioni avranno inizio alle ore 20.30. Quarto ed ultimo appuntamento a Chiasso martedì 5 aprile con Revolutionary Road (2008) di Sam Mendes, un film che ha fruttato il Golden Globe per la migliore attrice alla brava Kate Winslet, protagonista accanto a Leonardo Di Caprio. Ambientato negli anni Cinquanta, immerso in colori, musiche, oggetti dell’America più moralista, Revolutionary Road è trasposto fedelmente dall’omonimo romanzo di Richard Yates. Frank e April sono una giovane coppia della middle class che vive in un sobborgo di New York. Fuori abbonamento, si aggiunge martedì 10 maggio un quinto appuntamento open air con il cinema al femminile. A Melano, nel parco di Casa Maderni, si tiene la proiezione del film Home, di Ursula Meier, in collaborazione con l’Associazione Archivi Riuniti delle Donne Ticino, che festeggia il suo decennale. (home revolution)

Posted in Estero/world news, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Gli uomini ombra Di Carmelo Musumeci

Posted by fidest press agency su mercoledì, 2 marzo 2011

E’ un libro sconvolgente, opera di chi in carcere è diventato un grande scrittore, che scrivendo riesce a sopportare quella morte al rallentatore che è il carcere a vita, l’ergastolo ostativo, il “fine pena mai”. Leggendo questo libro ci si sente in colpa per avere avuto un’infanzia felice, una famiglia che ci ha protetto e aiutato a crescere e ci si domanda come saremmo stati se fossimo stati lasciati abbandonati a noi stessi, orfani o con genitori in carcere, o assenti, forse ognuno di noi avrebbe cominciato con qualche furtarello e poi sempre qualcosa di più grosso, fino a che, contro la nostra volontà, ci sarebbe scappato il morto e la galera. Gli uomini ombra, invisibili e dimenticati da tutti , morti viventi, perché irreali come le ombre, eppure capaci di forte amicizia e altruismo come i quattro rinchiusi nella stessa cella, Tiziano figlio di un boss diventato assassino per l’obbligo di vendicare l’assassinio del padre, Pietro che aveva ammazzato la moglie e l’amante, Giosuè che aveva ammazzato una decina di persone che volevano ammazzare lui, e Nicola che viveva nel ricordo della moglie che lo aspettava da otto anni e non riusciva mai a vederlo. Era l’unico che aveva ancora una ragione per vivere. Per lui, perché lo trasferiscano al nord dove sarebbe stato più facile vedere ogni tanto la moglie  gli altri tre dopo un tentativo di fuga fallito sono pronti a sacrificarsi. Finalmente Nicola può incontrare la moglie e gli altri tre sono finalmente liberi, le loro anime hanno lasciato i  loro corpi martoriati di botte.Le carceri italiane scoppiano. Molti detenuti non hanno nemmeno una branda o un materasso e dormono sdraiati per terra. Questo succede oggi nella civilissima Trieste. Molti dei detenuti non hanno compiuto altro reato che quello inventato da un governo razzista: il reato di clandestinità; molti altri sono poveracci che se fossero stati difesi da un bravo avvocato e non da un poco coscienzioso avvocato d’ufficio sarebbero fuori. Tutti avrebbero diritto a poter  svolgere un lavoro, a studiare, a fare sport,  a ricostruirsi un surrogato di vita, in particolare agli ergastolani, a coloro a cui la società dice: Lasciate ogni speranza o voi che entrate. Quanto si dovrà aspettare perché il carcere possa assolvere davvero la funzione rieducatrice? Come  si può pensare che una pena così barbara come l’ergastolo ostativo, che non lascia nessuna speranza di un futuro, possa  rieducare? Mi auguro che questo libro, oltre ad essere un  eccellente esempio di letteratura vissuta, serva a sensibilizzare tutti coloro che sono “cittadini rispettabili”, che spesso non per merito loro ma grazie a un po’ di fortuna non hanno mai conosciuto il carcere, alla necessità di abolire l’ergastolo, a non dividere la popolazione fra onesti- quelli fuori- e delinquenti-quelli dentro- Leggendo questo libro si impara quanta umanità può esserci anche “dentro”, forse più dentro che fuori. (Margherita Hack – in sintesi)

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Almaverde bio: fatturato 2010

Posted by fidest press agency su mercoledì, 2 marzo 2011

Almaverde Bio rafforza la sua crescita; i prodotti a marchio Almaverde Bio nel 2010 fanno registrare un fatturato di 29,4 milioni di euro con un incremento del 12,4% rispetto al 2009. I dati di Almaverde Bio Italia, la società consortile che oggi associa 12 imprese produttrici del comparto agroalimentare italiano che coprono una gamma completa di offerta di alimenti biologici freschi e trasformati, sono dati eccellenti che testimoniano e consolidano la grande vitalità del settore biologico  sia in Italia che in Europa. La commercializzazione dei prodotti a marchio Almaverde Bio oggi si concentra per l’85% sul mercato italiano e per il 15% sui mercati esteri dell’Unione Europea tra cui spiccano, in particolare, la Germania e la Grecia. La penetrazione dei prodotti nel mercato si è consolidata sul canale della Grande Distribuzione Organizzata con una quota del 75% mentre il 25% delle vendite si è concentrata sui negozi specializzati, il normal trade e il canale food service. Dati che confermano un’ offerta adatta a tutti i canali di vendita. Tra la  gamma di prodotti a marchio Almaverde Bio spiccano in generale i buoni risultati delle novità proposte nel 2010 con crescite importanti  in molti comparti, dalla IV e V gamma di frutta e verdura, alle carni.“Il mercato – dichiara Renzo Piraccini – Presidente di Almaverde Bio – ha premiato il valore del nostro marchio e questo risultato è una conferma della validità della politica che stiamo perseguendo volta a  garantire  al consumatore una identità e una  riconoscibilità dei prodotti biologici Almaverde Bio. La nuova compagine sociale – continua Renzo Piraccini-  è composta da imprese con forte specializzazione nel biologico e che stanno puntando con grande impegno allo sviluppo del marchio sia in Italia che all’estero”. (almaverde)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La Chiesa cattolica e l’omosessualità

Posted by fidest press agency su mercoledì, 2 marzo 2011

Firenze sabato 5 Marzo 2011, alle 18.00, nella sede di IREOS in via dei Serragli 3 presentazione del libro-inchiesta “Opus gay. La Chiesa cattolica e l’omosessualità” (ed. Newton Compton, 2010) della giornalista Ilaria Donatio.  All’incontro promosso dall’associazione IREOS, dal gruppo dei cristiani omosessuali di Kairos e dal Punto Pace Pax Christi di Firenze, in collaborazione con la Libreria Claudiana di Firenze, interverranno l’autrice del libro Ilaria Donatio e don Andrea Bigalli, redattore della rivista “Testimonianze”.  Partendo dalle numerose testimonianze raccolte nelle 240 pagine di Opus gay, si discuterà di omofobia e chiesa, del ruolo degli omosessuali tra i credenti, della teologia e della morale sessuale cattolica.  Perché, come ricorda Ilaria Donatio, «La Chiesa, … , è tante cose insieme. Soprattutto, non è quell’edificio monolitico che leggendo i documenti ufficiali pare essere»  ma «quanto tempo passerà prima che diventi quella ‘spiaggia dolcissima per tutti gli esclusi’ per cui don Tonino Bello ha speso tutta la propria vita?».  A seguire, alle 20, apericena a cui parteciperanno anche i credenti omosessuali del Gruppo l’Emmanuelle di Padova.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

L’O.U.A. suscita solo indignazione nei cittadini

Posted by fidest press agency su mercoledì, 2 marzo 2011

La “casta” ha  salvaguardato  gli avvocati in pensione  affondando tutti quelli non pensionati.Dal decreto “milleproroghe”  due notizie una cattiva e una buona per gli avvocati ed entrambe hanno un unico  attore  protagonista:l’O.U.A.   Per fortuna  che la notizia cattiva è bilanciata  da quella buona.  La notizia cattiva è quella che  gli avvocati non pensionati, in particolare i più giovani – non ancora inseriti nel mercato delle libere professioni – sono obbligati a versare un contributo previdenziale,  che è aumentato dagli originari mille e settecento euro circa agli attuali tremila e cinquecento, a prescindere dal reddito e dal compimento del trentacinquesimo anno di età. La notizia buona, è l’entrata in vigore dell’obbligatorietà  della mediazione civile dell’esperimento  del procedimento  di  mediazione   quale  condizione    di    procedibilità   della   domanda    giudiziale che avrà decorrenza a partire dal 20 marzo 2011. l’O.U.A. sapete cosa fa? Indice uno sciopero cont! ro la mediazione e contro i cittadini. Bocche cucite  sulla prima notizia da parte di chi, avrebbe dovuto difendere e non ha difeso i giovani e non giovani avvocati al contrario della seconda  nei confronti della quale vi è stato  e c’è un continuo attentato  contro il diritto degli avvocati a  conoscere  come realmente stavano e stanno le cose in materia di mediazione civile.  Ora s’avverte un grave disagio fra gli avvocati,  c’è la corsa a formarsi  per specializzarsi in  conciliatore per allinearsi con i  colleghi che  già da tempo sono “operatori della mediazione” – afferma Pecoraro presidente dell’organismo Internazionale di Conciliazione & Arbitrato dell’ ANPAR.  Gli avvocati  e gli ordini professionali, compresi quelli degli avvocati, più attenti ai fatti e non alle chiacchiere, dal 20 marzo 2010 sono pronti  a sedersi comodamente al tavolo ! della mediazione obbligatoria. Sono tanti gli ordini degli avvocati appartenenti all’O.U.A  che si sono costituiti in organismi  di conciliazione e contrari allo sciopero indetto due giorni prima dell’entrata in vigore della obbligatorietà.  Gli attacchi alla mediazione?  Si spiegano  con il clima  clientelare  con il quale vengono gestiti  alcuni ordini “politici”  degli avvocati,  altro che arricchimento di organismi privati di conciliazione.  Gli organismi privati di conciliazione assommano solo responsabilità  e non risorse a differenza degli organismi pubblici che hanno molte  risorse e poche responsabilità, sulle designazioni, il fenomeno clientelare c’era, resta e continuerà- conclude Pecoraro. (A. Bove)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Educare alla multiculturalità e alla solidarietà”

Posted by fidest press agency su mercoledì, 2 marzo 2011

San Giovanni Rotondo (FG) Dopo la prima fase realizzata dai bambini delle classi prime, terze, quarte e quinte a favore dell’Africa e delle Filippine, è in atto la seconda fase del progetto “Educare alla multiculturalità e alla solidarietà” della Scuola Primaria Dante Alighieri di San Giovanni Rotondo (FG) ed ha come destinatari i piccoli di Santo Anastáçio, ospiti presso l’Educandario São José del Brasile. In seguito ad un  approfondimento culturale generale, gli allievi, con l’aiuto dei docenti e della preziosa collaborazione dei genitori e del personale ATA, hanno predisposto la realizzazione di un piccolo spettacolo teatrale, ponendo l’attenzione sul rispetto della natura e sulla figura del “Curupira”, personaggio mitologico brasiliano,  protettore della foresta. Gli alunni delle classi seconde A – B – C – D sono entusiasti di esporre il frutto del loro impegno e di salutare i loro nuovi amici con il canto “Vamos Construir” di Sergio Piovesan, in lingua portoghese, come auspicio per tutti della costruzione di un ponte di amicizia e di solidarietà nel cuore di ognuno. Nei giorni 2 – 3 – 4 marzo 2011, presso la Scuola Dante, sarà allestito anche il mercatino solidale, con prodotti realizzati dagli stessi bambini brasiliani e loro educatori nelle ore di laboratorio espressivo-educativo, a cui tutti sono invitati. Info: Segreteria Scuola Dante Alighieri http://www.scuoladantesangiovannirotondo.it/

Posted in Spazio aperto/open space, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

I militari italiani “sotto attacco”

Posted by fidest press agency su mercoledì, 2 marzo 2011

Il cocer a.m. comunica: “ Se il fronte dell’afghanistan continua a mietere vittime, sul fronte interno l’attacco che il governo sta perpetrando nei confronti delle ff.aa. non desta meno preoccupazione. l’accanimento della politica nei confronti dei militari, senza precedenti storici, e’ un atto difficilmente qualificabile che si sta perpretando nei confronti di chi, preposto alla difesa, non ha all’interno adeguati mezzi di difesa. Se la politica ha l’intento di scardinare l’ordinamento delle ff.aa. rendendolo del tutto omogeneo ai rimanenti comparti del pubblico impiego, allora il personale militare chiede di avere i medesimi mezzi di tutela al pari di tutti i lavoratori. a questo punto si chiede alla politica di essere conseguenziale accogliendo le richieste che sono necessaria conseguenza di tale atteggiamento. Se il vuoto di tutela e’ occasione per incidere sulla condizione di chi, per legge, non ha voce per protestare, allora e’ giunto il momento per porre sul tavolo le seguenti rivendicazioni del personale dell’arma azzurra: consentire che il personale militare possa dotarsi di proprie rappresentanze sindacali per la tutela dei diritti come nel rimanente pubblico impiego;
1. provvedere all’estensione a favore del personale militare di tutti i diritti spettanti ai lavoratori del pubblico impiego (mobilità, giurisdizione, part time, flessibilita’, incompatibilita’);
2. prevedere la regolamentazione di forme legittime e democratiche di protesta e manifestazione del personale militare.Se la politica dovesse continuare a ritenere che l’accezione di specificita’ del comparto e’ qualla sin ad ora intesa e dimostrata con le continue vessazioni nei confronti del personale rappresentato, da ora in poi, l’accoglimento delle citate rivendicazioni saranno condizione imprescindibile per ogni utile proseguo di ogni trattativa  rientrante nelle competenze di questo consiglio, consapevoli che il personale militare si ricorderà nelle “opportune sedi” del trattamento ricevuto da questo governo”.

Posted in Spazio aperto/open space, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Ariccia si rifà il look

Posted by fidest press agency su mercoledì, 2 marzo 2011

Ariccia, Castelli romani. Prosegue la manutenzione e riqualificazione – rende noto l’assessore alla Manutenzione, Tiziano Schiaffini – della rete viaria di Ariccia. L’Amministrazione comunale ha infatti deliberato un piano di interventi per il triennio 2011-2013 di quasi 3 milioni di €, di cui 1 milione per il 2011. Tra gli interventi di prossimo avvio è previsto il rifacimento del manto stradale di via Ramo d’Oro e via Lega Latina, strade con una mobilità importante e per le quali è prevista anche la messa in sicurezza con attraversamenti pedonali rialzati, così come realizzati in via Strada Nuova e via dell’Uccelliera. Inoltre è partita la progettazione per il rifacimento di piazza Sabatini, che prosegue l’importante lavoro di riqualificazione e recupero igienico sanitario delle vie del Centro Storico con l’obiettivo di rivitalizzare il Borgo berniniano. Inoltre per Villa Ferraioli è prevista la realizzazione di una nuova tipologia di illuminazione a lampade led che garantiranno una capacità illuminante, per ogni lampione, doppia rispetto a quella attuale e con un risparmio energetico del 50%. È inoltre previsto il rifacimento dell’illuminazione di alcune vie nella zona dei Piani di Santa Maria. Questi lavori proseguono il nostro grande impegno rivolto al decoro urbano e  la sicurezza della città. Negli ultimi 2 anni infatti, sono stati investiti complessivamente più di 500mila € con i quali abbiamo terminato il rifacimento della pavimentazione di via Strada Nuova con attraversamenti pedonali rialzati, così come in via dell’Uccelliera, il rifacimento di tratti stradali di via Gramsci e via Appia a Galloro, l’ampliamento dello svincolo di Borgo San Rocco e i lavori, di imminente ultimazione, di rifacimento della pavimentazione di via Laziale e strade limitrofe. Proprio nell’ambito di questo intervento sono stati ripristinati circa 250 allacci fognari i cui liquami andavano in dispersione sul terreno e sono stati collegati a nuovi dotti fognari. Sono stati inoltre ripristinati tutti gli allacci idrici ormai fatiscenti.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Gas: aumenti bollette?

Posted by fidest press agency su mercoledì, 2 marzo 2011

“Se il blocco del gas proveniente dalla Libia perdurasse fino alla fine dell’anno, ci sarebbero aumenti nelle bollette degli italiani tra il 7 e il 9% cioè tra 28 e 36 euro a famiglia”. E’ quanto dichiara Massimiliano Dona, Segretario generale dell’Unione Nazionale Consumatori (UNC).”L’interruzione della fornitura del gas libico -continua Dona- ripropone ancora una volta il tema della sicurezza energetica nel nostro Paese così come accadde nel corso della crisi tra Russia e Ucraina”. “Il settore energetico -conclude il Segretario generale dell’UNC- è essenziale per la sicurezza nazionale. L’eccessiva dipendenza dell’Italia da alcuni Paesi per l’approvvigionamento di petrolio e gas deve essere progressivamente ridimensionata”.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Tassa su prelievo allo sportello

Posted by fidest press agency su mercoledì, 2 marzo 2011

Continua la settimana nera degli utenti-bancari. Sabato scorso è passato in aula (Milleproroghe) un ordine del giorno sull’anatocismo, in base al quale il Governo dovrà “valutare l’opportunità di intervenire in tempi rapidi con eventuali interventi normativi a tutela degli interessi legittimi dei cittadini negli eventuali contenziosi con gli istituti bancari”, una norma chiaramente salva-banche. Oggi esplode la tassa sul contante per i prelievi in filiale, già applicata da alcuni istituti bancari. E’ chiaramente un balzello che grava e graverà sulle tasche di una fetta di popolazione in difficoltà, anziani, immigrati, cittadini a basso reddito che non hanno un conto-corrente online o carte elettroniche. Poter disporre dei propri soldi, rischia di rendere ancora più fragile un rapporto di fiducia già critico, quello tra cittadini e banche. Siamo favorevoli ad una diminuzione del contante, ed un maggiore utilizzo delle carte di pagamento, ma non è questa di certo la via migliore. Al contrario, andrebbero incentivati sconti sui canoni delle carte di pagamento elettroniche per i clienti, oppure la riduzione delle commissioni per i negozianti. Così come si potrebbe applicare anche ai piccoli esercenti la struttura tariffaria riservata alla grande distribuzione: diminuzione graduale delle commissioni (che arrivano al 4%), al raggiungimento annuale di determinati volumi di pagamento. Accanto a tutto questo, è necessario che si intervenga contemporaneamente sulle conoscenze, permettendo ai cittadini di migliorare la propria cultura finanziaria, sia per disincentivare l’uso del contante, che per un accesso più consapevole agli strumenti finanziari.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Berlusconi e il conflitto d’interessi

Posted by fidest press agency su mercoledì, 2 marzo 2011

“L’Antitrust denuncia quello che Italia dei Valori sostiene da sempre, ovvero l’enorme conflitto di interessi che grava sulla testa del presidente del Consiglio che ha condizionato la vita politica ed economica di questo Paese” lo dichiara in una nota Antonio Borghesi, vicepresidente del gruppo IDV alla Camera. “La proroga degli incroci è urgente e improcrastinabile. Per questo, Italia dei Valori ha chiesto la calendarizzazione della sua mozione, con la quale impegna il governo a prorogare il divieto fino al 31 dicembre 2011 e ad adottare una normativa sugli incroci tra stampa e tv che non danneggi il pluralismo dell’informazione e contrasti le concentrazioni di potere” conclude Borghesi.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

Afghanistan: “Questo sacrificio vale a qualcosa?”

Posted by fidest press agency su mercoledì, 2 marzo 2011

E’ la domanda che, pubblicamente, si è posta  il presidente del consiglio qualche giorno fa nell’apprendere dell’ennesimo morto italiano. In proposito Marco Comellini Segretario del partito per la tutela dei diritti di militari e forze di polizia (Pdm) dichiara: “Cinque feriti e un morto in soli due giorni tra i nostri militari impegnati in Afghanistan. 37 morti dall’inizio di questa operazione che solo gli ipocriti continuano a definire di pace. Mentre il Governo e l’opposizione si perdono in inutili e sterili polemiche sulle presunte aggressioni alle libertà del Premier e sulle mancate dichiarazioni di condanna del dittatore libico, i nostri soldati continuano a morire per una guerra non nostra, per portare una democrazia che in quei paesi non può essere esportata. La missione in Afghanistan non ha più nessuno scopo: è fallita come del resto è fallita tutta la politica estera di un paese che, come il nostro, ha privilegiato l’interesse economico mascherandolo dietro le operazioni di pace condotte con le armi. I tentativi dell’Europa e delle coalizioni militari per imporre ai paesi di quelle aree una stabilità costruita sul fragile equilibrio delle armi si sta rivelando un completo fallimento. Finalmente anche il Presidente del consiglio ha espresso i suoi dubbi sulla prosecuzione della missione, dubbi che gli Italiani hanno da molto tempo. L’unico che non sembra essersi reso conto della situazione e che continua a dire che bisogna restare in Afghanistan è il Ministro della difesa a cui evidentemente il crescente numero di militari morti o feriti non fa più alcuna impressione. È legittimo quindi pensare che difronte all’acclarato fallimento della missione militare che ha registrato la 37esima vittima, vi siano altri interessi da curare, come quelli che hanno portato a livelli insostenibili per la nostra economia le spese per gli armamenti. La Russa abbia il coraggio di dire la verità sul conflitto in atto quando oggi si presenta al Senato per riferire sull’ennesima e speriamo ultima tragedia alla quale siamo costretti ad assistere.”

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Italia: nuova ondata profughi

Posted by fidest press agency su mercoledì, 2 marzo 2011

“Un’ora fa,” affermano i co-presidenti del Gruppo EveryOne, organizzazione per i diritti umani con sede in Italia, Roberto Malini, Matteo Pegoraro e Dario Picciau, “un profugo eritreo ci ha segnalato dalla Libia via telefono che alcune centinaia di africani sono in attesa di un miglioramento delle condizioni del mare per affrontare la traversata verso Lampedusa. Si tratta di rifugiati già colpiti da violenze e lutti ed è importante che l’Italia si prepari ad accoglierli secondo la Convenzione di Ginevra e a predisporre per loro un programma di aiuto umanitario, ivi compresa la necessaria assistenza medica e psicologica, con il sostegno dell’Europa”.  EveryOne lancia un allarme internazionale riguardante i profughi africani che vivono in Libia. “Siamo in contatto con numerose comunità di profughi e migranti provenienti dalle nazioni dell’Africa subsahariana,” spiegano Malini, Pegoraro e Picciau, “le quali ci segnalano innumerevoli episodi di aggressione, rapina, esproprio degli appartamenti in cui vivono, offesa e intimidazione. Un giovane eritreo, Kidane, ci ha riferito che la sua famiglia, dopo essere stata derubata di tutti i beni e messa in mezzo alla strada, è stata aggredita dai manifestanti libici che, gridando insulti razzisti, hanno percosso i suoi componenti con cieca violenza, costringendoli a una fuga disperata. Ricordiamo che in Libia vivono oltre un milione di migranti africani e che ognuno di loro è a rischio di linciaggio. Anche il sacerdote eritreo don Mussie Zerai ha diffuso oggi un appello, segnalando casi di persecuzione a Tripoli e riportando le parole del Vescovo di Tripoli, monsignor Martinelli, che definisce la situazione degli africani in Libia come “la più grave emergenza nel paese, perché queste persone sono colpite da violenza da parte delle due fazioni in conflitto” e paventa “un bagno di sangue” se non si agirà con estrema urgenza.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »