Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 335

La crisi al confine Libia-Tunisia

Posted by fidest press agency su giovedì, 3 marzo 2011

La situazione al confine occidentale della Libia è sempre piu complessa. Le informazioni raccolte da INTERSOS direttamente dal confine e dal proprio ufficio di Ginevra che si coordina con le maggiori agenzie delle Nazioni unite, confermano che il flusso di migranti che lasciano la Libia verso la Tunisia è in costante aumento. Oltre 75.000 persone hanno attraversato il confine dal 19 febbraio, la maggior parte dei quali sono egiziani che, avendo perso il lavoro per il quale si trovavano in Libia, chiedono ora di rientrare in patria. Circa 40.000 persone stanno attendendo dall’altra parte del confine, in territorio libico.L’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR) e l’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni (IOM) hanno lanciato un appello ai governi per supportare un’operazione di evacuazione delle persone, così da decongestionare la situazione al confine e poter quindi occuparsi delle persone identificate come in stato di bisogno e dei richiedenti asilo. INTERSOS sta valutando la situazione concreta e in costante coordinamento con i maggiori attori coinvolti, riteniamo che il supporto della comunità internazionale debba oggi concentrarsi nel fornire i mezzi logistici necessari a rimpatriare, via aerea e via mare,  le decine di migliaia di persone che lo chiedono. Attendendo che si proceda a un’accurata valutazione delle condizioni e dei bisogni dei richiedenti asilo in Tunisia.INTERSOS raccomanda che le risposte del governo italiano vadano proprio a sostegno delle azioni ora necessarie: sostenere il governo tunisino e le agenzie internazionali attraverso la fornitura di tende e beni di prima necessità, per garantire l’assistenza in questa fase transitoria.  E’ necessario inoltre che il nostro paese non agisca in modo unilaterale, ma lo faccia in stretto coordinamento con le agenzie delle Nazioni Unite presenti sul campo, in particolare con UNHCR, rispondendo al principale problema dell’urgente rimpatrio volontario delle persone ora in fuga, fornendo quindi senza ritardi adeguati mezzi navali e aerei. Occorre evitare che i necessari centri di transito e di assistenza si trasformino in campi permanenti in territorio tunisino, così come occorre tenere ben distinti, senza confonderli, l’assistenza umanitaria e la volonta governativa di prevenire presunti flussi di richiedenti asilo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: