Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 344

Italia in camicia

Posted by fidest press agency su giovedì, 10 marzo 2011

Boccaccio's statue in Uffizi

Image via Wikipedia

L’unità d’Italia cominciò con le camicie rosse di Garibaldi… Fu vera gloria? Una serie di annessioni, diventate “piemontesizzazioni”, dettero forma ad una nuova nazione, accomunata dalla medesima lingua ufficiale, datata di oltre cinque secoli. Se di unità linguistica si deve parlare allora è giusto riconoscere il merito a Dante, Petrarca e Boccaccio che imposero il nuovo idioma al decadente latino, diventato la lingua dei dotti e della Chiesa di Roma. L’Italia indossò la camicia rossa e si sentì unificata. Passarono gli anni tra guerre ed emigrazioni; i popoli conquistati all’unità furono chiamati a morire per dilatare confini che neppure conoscevano; oggi non esiste neanche un piccolo comune dell’entroterra siciliano, che non esibisca all’ingresso del palazzo municipale, il lungo elenco dei caduti che si conclude con la nota esaltazione di  Armando Diaz, che risultava “Firmato Armando Diaz” e i nuovi patrioti-per-forza battezzarono i loro figli “Firmato Armando” credendo che si trattasse del nome proprio del generale Diaz. Terminata la prima grande guerra con la diatriba tra interventisti e non, l’Italia si ritrovò a cambiare camicia, essendogli stata imposta quella nera. L’entusiasmo per la nuova camicia fece diventare tutti (o quasi) indossatori della nuova divisa, anche perché senza quella camicia nera era difficile anche trovare un posto di lavoro. Quando l’improvvisato sarto, inventore di quella camicia, fece la fine che sappiamo, la folla, prima osannante, gettò alle ortiche quella camicia, giurando sulla testa dei figli, di non averla mai indossata (il vezzo di giurare sulla testa dei figli non è ancora scongiurato). L’Italia, dalla disastrosa seconda guerra mondiale,  uscì  letteralmente senza camicia e chi poteva esibiva il dorso nudo. Ci pensò l’America con il piano Marshall a confezionare per tutti la nuova camicia, questa volta bianca, candida, per neutralizzare nel candore  un passato che di onorevole aveva ben poco. Ma grazie a quella camicia fornita in blocco con il Piano Marshall, l’Italia si rialzò, inventò il miracolo economico e garantì la democrazia, mentre si intrufolava nei gangli della Nazione il virus dell’egoismo liberista. La Nazione divenne Stato, essendosi dotata di una autorevole Costituzione, elaborata dai Padri Costituenti appartenenti a tutte le forze politiche anti-fasciste. La Nazione in camicia rossa, transitando per la camicia nera e, infine, adottando la camicia  bianca, divenne Stato, dichiaratamente democratico in quanto quella Costituzione garantista impose l’uguaglianza di tutti i cittadini di fronte alla legge. La libertà garantita dalla democrazia permise l’affermarsi del capitalismo, che della democrazia necessita per poi superare i concetti di uguaglianza e imporre la sua legge, che è legge economica ma non sociale. E la camicia? E’ cambiata nuovamente! Stavolta è diventata verde e la impone una piccola forza politica locale che è riuscita a diventare l’ago della bilancia del governo, nonché elemento determinante per la sopravvivenza del medesimo. Indossare la camicia verde diventa il viatico della impunità, dell’uso ricattatorio del potere, al punto  che lo stesso presidente del consiglio, invischiato  in una lunga serie di processi  penali, ha esibito una allegro foulard verde per assimilarsi al nuovo colore imposto  da chi lo mantiene in una vita politica artificiale grazie ad un accanimento  di scelte che si concretizza nel voto di fiducia. Ma non è la maggioranza degli italiani che indossa la nuova divisa, anzi la scelta che si vorrebbe imporre ha provocato una regressione storica, con il rifiuto di ogni colore. I governanti si allineano alle nuove esigenze per mantenere saldo lo strapuntino sul quale sono comodamente assisi e non si curano delle mode che imperversano e mutano colore; il colore è un optional, come le idee, per cui cambiano a seconda dello spirare del vento. All’orizzonte sognato dalla stragrande moltitudine degli italiani, compare una nuova camicia da far indossare  a questi governanti piacioni, parolai,  accomodanti, ma per nulla affatto concreti e propositivi; stavolta è il popolo italiano che sceglie ciò che il potere dovrà indossare: la camicia di forza, per liberarci dalla zavorra  e diventare, finalmente “Patria comune”. (Rosario Amico Roxas)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: