Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Archive for 23 marzo 2011

Romano nominato “Ministro” delle Politiche Agricole

Posted by fidest press agency su mercoledì, 23 marzo 2011

Giorgio Napolitano

Image via Wikipedia

“Ma –dicono le cronache- il presidente della Repubblica non ha mancato di manifestare le sue perplessità per le “pesanti ombre giudiziarie”che gravano sull’esponente dei Reponsabili. Nonostante questo, davanti alle sempre più pressanti richieste di Iniziativa Responsabile, fondamentale per la sopravvivenza dell’esecutivo, Berlusconi ha dovuto andare avanti comunque. Il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, ha reso pubblica una nota in cui si dice che “Il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano dal momento in cui gli è stata prospettata la nomina dell’onorevole Romano a ministro dell’Agricoltura, ha ritenuto necessario assumere informazioni sullo stato del procedimento a suo carico per gravi imputazioni”. “A seguito della odierna formalizzazione della proposta da parte del presidente del Consiglio, il presidente della Repubblica ha proceduto alla nomina non ravvisando impedimenti giuridico-formali che ne giustificassero un diniego. Egli ha in pari tempo auspicato che gli sviluppi del procedimento chiariscano al più presto l’effettiva posizione del ministro”. Come è noto Saverio Romano è cresciuto all’ombra di due big della Dc siciliana: Calogero Mannino, che fu un potente ministro proprio dell’Agricoltura, e l’ex governatore Salvatore “Totò” Cuffaro. Il primo entrato e uscito solo alla fine del 2008 da un lunghissimo processo per concorso esterno. Il secondo condannato definitivamente per favoreggiamento a Cosa Nostra a fine gennaio, e ora in carcere a Rebibbia per scontare una pena di sette anni. L’indagine su Romano per concorso esterno in associazione mafiosa nasce dalle dichiarazioni del pentito Francesco Campanella, secondo il quale Romano sarebbe stato votato e a disposizione dei boss di Villabate. Archiviata una prima volta nel 2005, era stata riaperta dalla Procura per il sorgere di nuovi elementi. Il giudice ha fissato per il primo aprile l’udienza in cui ascolterà le parti: il pm Nino Di Matteo e il legale dell’indagato, l’avvocato Inzerillo. Qualora lo richiedesse, potrebbe comparire davanti al gip per essere sentito lo stesso Romano. Nel corso dell’udienza il magistrato potrebbe indicare agli inquirenti di approfondire alcuni elementi dando ai pm un termine o archiviare. Per altro sul nuovo ministro pende un’altra indagine per corruzione aggravata dall’avere agevolato Cosa Nostra: ad accusarlo è Massimo Ciancimino (figlio di Vito, ex sindaco di Palermo in stretti rapporti con Provenzano) che dice di avergli pagato tangenti per 50 mila euro.Personalmente sono negativamente colpito dall’atteggiamento del Presidente Napolitano. Cosa significa esprimere perlplessità per “pesanti ombre giudiziarie” che gravano su Romano? Non glielo ha ordinato il medico di porre la sua firma in calce all’atto di nomina! Posto che l’udienza è fissata tra pochi giorni perché non attendere? Dire che non ha “ravvisato impedimenti giuridico-formali che ne giustificassero un diniego” mi pare un modo pilatesco di affrontare il problema. Forse era meglio che non dicesse nulla. In fondo per un Presidente della Repubblica che ha detto “si” a Raffaele Fitto, rinviato a giudizio per corruzione, e che ha nominato Ministro uno come Aldo Brancher, al tempo rinviato a giudizio per appropriazione indebita e ricettazione nell’ambito dello scandalo Banca Popolare di Lodi (poi è stato condannato a due anni), uno in più o in meno non poteva fare scandalo.Quanto a Berlusconi basti ricordare che il 23 dicembre, repingendo le accuse di “calciomercato” e di compravendita di parlamentari aveva aggiunto: “Non abbiamo nemmeno promesso cariche di governo. Si sono liberati posti in seguito all’uscita di Fli, ci sono 12-13 posti da assegnare ma nemmeno uno di questi posti verrà assegnato a coloro che per convinzione hanno dato supporto alla maggioranza in sostituzione di altri. Come volevasi dimostrare!” E’ quanto dichiara Antonio Borghesi parlamentare Idv

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Perchè il cane si mangia le ossa

Posted by fidest press agency su mercoledì, 23 marzo 2011

Roma 25 e sabato 26 marzo (ore 21) al Teatro Biblioteca Quarticciolo debutta Francesco Suriano, autore e regista dello spettacolo “Perchè il cane si mangia le ossa”, un viaggio in una città immaginaria tra gli esclusi e gli ultimi. La storia, tra realtà e follia, di un uomo del Sud che ritorna a Torino dove per anni ha lavorato, ma dove tutti lo scambiano per un nordafricano senza permesso. Uno spettacolo per ricordare anche coloro che sono morti lavorando alla Thyssen Krupp. Un uomo del Sud, Rocco Fuoco, racconta la sua vita come fuga da sé e delirio del sé: è un  ex metalmeccanico che ritorna verso un Nord che lo ha respinto. Transito che favorisce incontri e  scambi dai toni ironici e visionari tra donne e uomini che vivono ai margini: un ostello per   casa, la stazione, il bar, le strade popolate di ragazzi razzisti con i pantaloni larghi e i capelli corti e  ragazzi razzisti con i pantaloni stretti e i capelli rasati, finti poliziotti, donne fatali e innamorate. Tutti lo scambiano per un diverso, un extracomunitario e tentano di fargli credere che facendo parte di una fantomatica associazione risolverà i suoi problemi. La sua corsa furiosa avrà termine in un cimitero dove scoprirà le tombe dei suoi ex compagni di fabbrica: qui il personaggio Rocco Fuoco diventa Carlo Marrapodi, interprete dello spettacolo ed ex operaio della Thyssen Krupp di Torino, che racconta il suo ultimo giorno di lavoro.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Morte Liz Taylor

Posted by fidest press agency su mercoledì, 23 marzo 2011

Screenshot of Elizabeth Taylor from the traile...

Image via Wikipedia

«Con la morte di Liz Taylor il mondo perde una delle più grandi protagoniste del cinema in assoluto e forse l’ultima vera grande diva della Hollywood degli anni d’oro». E’ quanto dichiara l’assessore capitolino alle Politiche Culturali, Dino Gasperini, appresa la notizia della scomparsa della celebre attrice inglese a 79 anni. «Una interprete straordinaria – aggiunge Gasperini – legata a Roma sia per aver girato pellicole incise nella memoria comune di tutti noi, come Cleopatra e Quo Vadis, sia perché uno dei suoi stilisti preferiti era un romano, quel Fausto Sarli scomparso anch’egli qualche mese fa».

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Romano, neo ministro dell’agricoltura

Posted by fidest press agency su mercoledì, 23 marzo 2011

Soddisfatto il sottosegretario alla Presidenza del consiglio e leader di Forza del Sud Gianfranco Miccichè: “Finalmente da oggi il Sud può contare su un altro suo uomo in Consiglio dei ministri”. (Repubblica del  23 marzo 2011) E Rosario Amico Roxas commenta laconicamente:  Cosa   nostra   iè….!

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La cena al teatro Duse

Posted by fidest press agency su mercoledì, 23 marzo 2011

Bologna da venerdì 25 a domenica 27 marzo, feriali ore 21, domeniche ore 16 e 21, Teatro Duse – Via Cartoleria, 42  Prezzi:  Platea   €  15,00 1° Galleria    € 10,00 2° Galleria   €  7,00 Al Teatro Duse, la Compagnia Teatroaperto/Teatro Dehon – Teatro Stabile dell’Emilia-Romagna presenta lo spettacolo più esilarante e divertente della stagione. ALESSANDRO FORNARI in “La cena” di Renato Foresti, liberamente tratto da “La cena dei cretini” di Francis Veber. Regia di Guido Ferrarini, scene di Fabio Sottili, costumi di Renata Fiorentini, luci di Tonino Sbarro, fotografo di scena Gino Rosa, organizzazione di Tiziano Tommesani. Con: Alessandro fornari, Marco Manfredi, Aldo Sassi, Federica Tabori, Marcella De Marinis, Andrea Zacheo, Lorenzo Spiri. La commedia narra di un gruppo di amici che organizza una cena dove ognuno deve portare il più cretino che trova. Il loro imperativo è superare la monotonia e il tedio quotidiano. Per qualche ora di puro divertimento farebbero qualsiasi cosa. E in parte già la fanno. Si sono inventati un rituale tutto loro: la cena dei cretini. Pierre Brochant e i suoi fidati amici hanno escogitato un principio molto semplice, in grado di assicurargli, almeno una volta alla settimana, grasse risate liberatorie. Si tratta sostanzialmente di questo: invitare a cena un perfetto cretino, una di quelle persone idiote da beffeggiare per la strada. E c’è pure un premio in palio: lo vince chi riesce a portare l’idiota totale. Il mercoledì diventa così un appuntamento irrinunciabile. E questa volta Pierre è fuori di sé dalla gioia. Ha stanato una persona che potrebbe assicuragli il premio. Il cretino in questione si chiama Francois Pignon ed è un oscuro contabile del Ministero delle Finanze. Uno il cui unico svago è la costruzione di oggetti di ogni sorta composti esclusivamente da fiammiferi. Il campione mondiale dell’idiozia! Ma Pierre non può sapere cos’altro nasconde il cretino della serata: non può neanche immaginare che Pignon ha l’inquietante potere di attirare su di sé e su chi lo circonda le peggiori sventure… La storia in sé stessa è semplice e si rifa a un tipo di intrattenimento cui erano soliti, e probabilmente lo sono ancora, i ricchi annoiati che per sentirsi sempre superiori organizzavano delle feste o delle cene, come in questo caso, in cui ogni membro del gruppo doveva portare un qualche emarginato o soggetto particolare. In questo caso l’oggetto della cena è il “cretino”, o colui che sia diverso dalla gente cosiddetta comune, sia negli atteggiamenti che nel vivere sociale http://www.teatroduse.it (Alessandro Fornari, Marco Manfredi)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La città dei giovani

Posted by fidest press agency su mercoledì, 23 marzo 2011

Alessandria  24 e venerdì 25 marzo (ore 9.00) presso la Caserma Valfrè di Alessandria si terrà la terza edizione del “Progetto Evoluzione”, manifestazione ideata da La città dei giovani, associazione giovanile, apartitica e senza finalità di lucro nata con lo scopo di promuovere e diffondere la cultura giovanile e presieduta da Nicola Santagostino, con il patrocinio dell’Ufficio scolastico provinciale di Alessandria e della Provincia di Alessandria. Il progetto è rivolto agli studenti dell’ultimo biennio delle scuole medie superiori, agli universitari ed agli adulti interessati ad entrare o a inserirsi nuovamente nel mondo della formazione e del lavoro.Giovedì 24 marzo all’interno del “Progetto Evoluzione” verrà presentato il progetto Prevenzione, pensato dalla stessa associazione e sviluppato da giovani per altri giovani, che tratterà temi quali il bullismo, le stragi del sabato sera, alcool e droghe. Venerdì  25 marzo, sempre nell’ambito del salone “Evoluzione”, ci sarà un’altra grande partnership de La città dei giovani con il Gruppo Armani che, per l’occasione, vestirà i ragazzi dell’associazione. Il programma di “Progetto Evoluzione” prevede anche workshop, laboratori, job cafè, attraverso stand espositivi di scuole, università, enti, aziende e mediante un’area interattiva dove verranno forniti servizi di orientamento ed organizzati momenti di incontro con rappresentanti del mondo dell’Università e del lavoro. (la città dei ragazzi)

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Linguaggi esperienziali”

Posted by fidest press agency su mercoledì, 23 marzo 2011

Catania dal 19 al 30 marzo 2011 Accademia Federiciana via Borgo 12  è in corso la rassegna d’arte contemporanea “Linguaggi esperienziali”.Ideata e curata dal critico d’arte Fortunato Orazio Signorello, la mostra si snoda attraverso un percorso che vede accostati opere realizzate con le tecniche più svariate: dalla pittura alla scultura, dalla grafica alla computer art, dai progetti performativi al dualismo narrativo rappresentato dalle immagini e dalla scrittura. Il fil-rouge che lega gli autori non è una corrente d’appartenenza, né una scelta stilistica, ma una solida preparazione tecnica relativa all’esperienza, basata sull’esperienza o derivata da essa. La mostra, patrocinata dalla Kritios Edizioni, propone opere realizzate da 52 artisti contemporanei di diversa formazione e provenienza, che consentono di conoscere meglio i linguaggi espressivi in voga nell’ultimo decennio nel panorama artistico italiano. In esposizione opere figurative, astratte, informali e concettuali eseguite da Renato Bacilliere, Salvatore Balsamo, Massimo Bardi, Michelangelo Beltrami, Angela Cacciola, Carmelo Cafici, Paolo Calafiore, Milena Crupi, Antonio D’Amico, Anna Di Mauro, Nelly D’Urso, Anna Fazio Rubino, Angela Giglio, Fili Giarratana, Giovanni Greco, Pinella Insabella, Anna Maria La Torre, Serena Leonardi, Salvatore Lucisano, Pier Domenico Magri, Lorella Mandis, Agata Marletta,Carmelo Marchese, Carmen Marino Speciale, Giuseppina Martinez, Salvatore Milazzo, Giuseppe Montagnino, Ciro Mozzillo, Francesca Musumeci, Amelia Nicolosi Ferro, Celestina Pace, Ida Pace, Letizia Pace, Angela Palmieri Beltrami, Anna Petralia, Ina Pizzino, Gaetano Privitera, Byron Salas (Bysa), Elisabetta Sanfilippo, Gabiria Scuderi, Antonella Serratore, Ada Sozzi, Antonio Speciale, Giuseppe Spinoso (Jos), Rosa Maria Taffaro, Luisa Turinese, Claudia Viglianisi, Dino Ventura (Mat), Angela Maria Viscuso e da Pasquale Viscuso. Materia, colore, armonia estetica, soluzioni innovative e altro ancora è visibile nelle opere di medio e grande formato realizzate per lo più negli ultimi 3 anni, testimoniando come, attraverso percorsi diversi ma talvolta affini, gli espositori sono sempre più propensi a dedicarsi, dal punto di vista espressivo, nell’ardua ricerca del nuovo. Visitabile nei giorni feriali dalle 17,30 alle 20. L’ingresso è libero. La prossima mostra promossa dall’Accademia Federiciana, una mostra personale di Amelia Nicolosi Ferro, si terrà dal 9 al 16 aprile.  web http://www.accademiafedericiana.org. (Pasquale Viscuso)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Baz al Dehon

Posted by fidest press agency su mercoledì, 23 marzo 2011

Bologna 25 e sabato 26 Marzo, alle ore 21, Teatro Dehon Via Libia, 59 nell’ambito del progetto “Grandi Comici”, Ridens Management presenta BAZ (Marco Bazzoni) in “COME SONO CADUTO IN BAZ ”.   Prezzo: Intero: 22 Euro – Ridotti: 19 Euro Il lettore multimediale programmato solo per riprodurre ciò che altri hanno già fatto (musica, cinema, televisione) con l’ausilio di semplici CD. Dal vivo il comico/attore sassarese, una volta svestiti i panni del personaggio rivelazione delle ultime 4 edizioni di Colorado, dimostra un talento ed una bravura uniche per un vero e proprio show che pochi sanno fare.  www.vivaticket.it. (baz)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Mancanza infermieri

Posted by fidest press agency su mercoledì, 23 marzo 2011

Cresce il numero di infermieri aderenti al Collegio Ipasvi di Udine (+12), mentre diminuiscono quelli impegnati nelle strutture sanitarie regionali e, quelli operativi, sono sempre più anziani. Su questi numeri si è incentrato il dibattito svoltosi alla recente affollata assemblea degli iscritti all’Ipasvi (3.961 infermieri, assistenti sanitari e infermieri pediatrici) della provincia di Udine, svoltosi all’hotel “Là di Moret” di Udine. «In regione – sottolinea Sabrina Spangaro, presidente dell’Ipasvi provinciale – per garantire un minimo di assistenza infermieristica degna di questo nome, mancano almeno 600 infermieri. Inoltre, a causa del numero chiuso universitario, per i prossimi 5 anni, in regione, non sarà possibile formare più di 1.000 infermieri; quelli che lasceranno il lavoro saranno 3.000». Gli interventi della giornata hanno messo in evidenza il fatto che, in Italia, l’attuale età media degli infermieri si attesta attorno ai 42 anni mentre, nel 2002, era di 38 anni. Il 27% degli infermieri supera l’età di 45 anni; nel 2003 erano il 12%; saranno il 50% tra 10 anni, quando il 39% degli stessi andrà in pensione. Inoltre si sono fatte considerazioni rispetto alle motivazioni per cui il personale infermieristico femminile, decisamente in percentuale maggiore nella popolazione infermieristica complessiva, ricorre al part time. Sono stati presentati alcuni dati rilevati da un’indagine sulla percezione della crisi economica da parte degli infermieri e sulle ricadute che questa crisi comporta. Crisi che, sempre più spesso, sta influendo su scelte che guardano solo all’efficientismo, tralasciando l’aspetto qualitativo del processo assistenziale. «La carenza ormai cronica di infermieri in servizio (in Friuli Vg sono 5,8 ogni 1.000 abitanti, contro i 9,6 della media Ocse) e la crisi dei bilanci sanitari, influiscono sensibilmente sulla qualità dei servizi forniti ai pazienti», conclude la Spangaro. «Nonostante i nostri continui e costanti tentativi di mantenere alta l’attenzione pubblica su tali tematiche, come categoria ci sentiamo abbandonati dalla Regione, il nostro primo ente di riferimento». (sabrina)

Posted in Spazio aperto/open space, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Dizionario di curiosità romane

Posted by fidest press agency su mercoledì, 23 marzo 2011

Roma 30 marzo – ore 18 Sala “Pietro da Cortona”, Musei Capitolini – piazza del Campidoglio,  Presentazione “Dizionario di curiosità romane” di Willy Pocino (Edilazio, 495 pagine  con  illustrazioni b/n – 23,00 euro) Introduce: Paolo Masini, Membro dell’Assemblea Capitolina  Interventi di: Paolo Fallai, giornalista Corriere della Sera Marco Ravaglioli, giornalista Rai Francesco Sisinni, già Direttore Ministero Beni Culturali  Sarà presente l’Autore  La città  di Roma presenta aspetti curiosi e caratteristici: in ogni angolo, dal più remoto al più appariscente, si respira il fascino dell’antichità e si scopre la meraviglia delle bellezze artistiche e architettoniche. Leggende e racconti costituiscono tasselli preziosi del grande mosaico della Roma segreta, minore, affascinante, tutta da scoprire attraverso le pagine del libro – frutto di numerosi anni di studio e di raccolta di documenti –  che, in ordine  alfabetico, presenta le notizie più curiose e particolari legate a monumenti, luoghi, personaggi della capitale d’Italia.Willy Pocino fondatore e direttore della rivista mensile “Lazio ieri e oggi”, è  iscritto all’Albo dei giornalisti di Roma e al Sindacato Libero Scrittori Italiani. È  membro onorario dell’Associazione culturale “Alma Roma” e del “Centro  Romanesco Trilussa”, socio del “Gruppo dei Romanisti” e dell’Accademia  Tiberina.Ha scritto numerosi libri su Roma e il Lazio, tra i quali Le fontane di Roma,  Finestra su Roma, Rione Monti e dintorni, Gli acquedotti romani antichi e  moderni, Le Confraternite romane, Le curiosità del Lazio. Ha ottenuto  importanti riconoscimenti, tra cui il Premio della cultura della Presidenza del  Consiglio dei Ministri (1975 e 1992). (copertina)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

3° Festival del Cortometraggio

Posted by fidest press agency su mercoledì, 23 marzo 2011

Napoli Sono aperte le iscrizioni per la terza edizione del Festival del Cortometraggio “I Corti sul Lettino – Cinema e Psicoanalisi”, a Napoli, diretto dallo psichiatra e critico cinematografico Ignazio Senatore ed organizzato da Pietro Pizzimento. Si rinnova un appuntamento che in breve tempo è diventato un evento nazionale tra i più ambiti per i filmaker italiani e stranieri. Nelle due precedenti edizioni, le giurie, presiedute dai registi Roberto Faenza e Giuseppe Piccioni, avevano selezionato e premiato il migliore cortometraggio, regista, sceneggiatore, attore protagonista, attrice protagonista, documentario e colonna sonora. Con questa nuova edizione saranno introdotte ben quattro novità: il premio del pubblico, che avrà la possibilità di votare il corto preferito, quello per il miglior corto d’animazione, il miglior corto straniero – con i sottotoli in italiano – e la migliore fotografia. Per regolamento ogni opera deve avere una durata massima di 60 minuti, inclusi i titoli di testa e di coda e sono ammessi anche i cortometraggi già presentati o già premiati in altri concorsi.  L’iscrizione al 3° Festival del Cortometraggio “I Corti sul Lettino –  Cinema e Psicoanalisi” è gratuita e la data di scadenza è il 31 maggio 2011.  L’evento ad ingresso gratuito si svolgerà il 5 e  6 settembre 2011 dalle ore 21.00 alle 24.00, nell’ambito della rassegna “accordi @ DISACCORDI” – XII Festival del Cinema all’Aperto, presso il Parco del Poggio a Napoli.  I partecipanti dovranno inviare alla segreteria del concorso una copia digitale del cortometraggio e la scheda di adesione al bando che si può scaricare dal sito http://www.cinemaepsicoanalisi.com (corti sul lettino)

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Monopoly sale in cattedra

Posted by fidest press agency su mercoledì, 23 marzo 2011

Milano Università Bocconi. La business school per eccellenza ha scelto il gioco di simulazione imprenditoriale più famoso del mondo per una speciale lezione dedicata ai manager del futuro. Insomma, il Monopoly, dopo aver divertito milioni di persone nei suoi oltre 70 anni di storia, diventa un vero e proprio oggetto di studio, mentre esce in tutta Italia la nuova edizione Tricolore dedicata al 150° anniversario dell’Unità.  Prodotto in 40 lingue, diffuso in 106 paesi, circa 300 milioni di scatole vendute nei suoi 76 anni di vita. Sono i numeri di quello che ormai non è più solo un gioco da tavolo, ma un vero oggetto di culto. Ed è così che l’Università Bocconi ha deciso, in collaborazione con Hasbro, di proporlo come caso aziendale da fare analizzare ai propri studenti nel corso di una lezione insolita e dinamica, che si è tenuta proprio oggi nelle severe aule del prestigioso ateneo.La storia dell’edizione dedicata al 150° anniversario dell’Unità d’Italia ha inizio nel maggio del 2010, quando gli italiani sono stati chiamati a votare, tra 140 candidate, le 22 città italiane che sarebbero andate a comporre la versione nazionale del tabellone del Monopoly. Un referendum popolare svoltosi sul sito monopolyitalia.it con un successo incredibile e sfide all’ultimo click: basti pensare che hanno votato circa 100 mila persone, per un totale di 2 milioni di voti. Alla fine della votazione, chiusa ufficialmente il 21 luglio 2010, le sorprese non sono mancate: prima fra tutte la rivincita della provincia rispetto alle grandi città.  Roma, Bologna, Venezia e Firenze non hanno raggiunto i voti necessari a entrare nel tabellone, mentre tra le big solo Torino e Milano sono riuscite ad affermarsi.   Un successo che ha superato ogni aspettativa e sbaragliato la concorrenza di analoghe operazioni fatte all’estero, dalla Germania all’Inghilterra. Ed è così che Hasbro ha pensato di premiare le città vincitrici con il Monopoly on tour, un viaggio tra imprevisti e probabilità nel cuore della provincia italiana che ha toccato le 22 città che compongono il tabellone del nuovo Monopoly Italia. Un’epopea che ha trovato un nuovo riconoscimento proprio nella speciale lezione universitaria che la Bocconi ha dedicato oggi al caso Monopoly.

Posted in Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Ordine militare e disordine normativo

Posted by fidest press agency su mercoledì, 23 marzo 2011

Esiste una regola generale comune a tutti gli Stati di diritto, secondo la quale qualsiasi autorità è subordinata alla legge e l’obbedienza è subordinata all’autorità. Ogni Stato, inoltre, ha previsto gli opportuni rimedi per i casi di violazione di questa regola generale, in ragione della filosofia giuridica che ha ispirato le sue scelte politiche. Analizziamo i rimedi italiani e quelli che ha previsto la Germania. Per farlo, poniamo in relazione l’articolo 47 del Codice Militare tedesco con l’articolo 51 del Codice Penale italiano, che, in virtù della Legge di Principio sulla Disciplina Militare, si applica anche ai militari. Il rimedio offerto dall’ordinamento giuridico italiano è stato elaborato nel clima che si respirava in Italia nel 1930, anno di emanazione del Codice Penale vigente; mentre la Germania ha scritto la sua norma dopo i processi di Norimberga, nei quali la difesa più ricorrente utilizzata dai collegi difensivi degli accusati era basata sulla seguente frase: “ordini superiori”.  L’art. 51 del codice penale italiano prevede che:1. L’esercizio di un diritto o l’adempimento di un dovere imposto da una norma giuridica o da un ordine legittimo della pubblica Autorità, esclude la punibilità.2. Se un fatto costituente reato è commesso per ordine dell’Autorità, del reato risponde sempre il pubblico ufficiale che ha dato l’ordine.3. Risponde del reato altresì chi ha eseguito l’ordine, salvo che, per errore di fatto, abbia ritenuto di obbedire ad un ordine legittimo.4. Non è punibile chi esegue l’ordine illegittimo, quando la legge non gli consente alcun sindacato sulla legittimità dell’ordine”. Diversamente, l’art. 47 del codice militare tedesco prevede che:”Se l’esecuzione di un ordine militare porta alla violazione della legge criminale il superiore che ha impartito l’ordine sarà il solo responsabile. Comunque il subordinato che obbedisce condividerà la punizione se ha ecceduto l’ordine impartitogli o se avrebbe potuto rendersi conto che l’ordine concerneva un atto costituente reato civile o militare”. In buona sostanza, in Germania il militare che riceve un ordine “dubbio” deve semplicemente chiedersi: l’ordine che ho ricevuto viola qualche legge civile o militare? Se la risposta è affermativa non lo deve eseguire, in caso contrario, vi darà attuazione.In Italia, invece, il militare che riceve un ordine “dubbio” deve porsi le domande che seguono. Si tratta di un ordine lecito, di un ordine illecito (criminoso) oppure di un ordine illegittimo? Qui subentra un primo problema in quanto, se è vero che ogni ordine criminoso (illecito) è anche illegittimo, non vale l’inverso, non essendo ogni ordine illegittimo di per sé anche criminoso. Ammettiamo che il militare ritenga l’ordine, semplicemente, illegittimo, ma non già criminoso (illecito); in questo caso, il militare si dovrà, ulteriormente, chiedere: Si tratta di un ordine illegittimo sindacabile oppure di un ordine illegittimo insindacabile? (come quello impartito adUnodinoi). La dottrina più attenta ha introdotto l’ulteriore quesito che dovrebbe porsi l’esecutore italiano: Si tratta di illegittimità formale oppure di illegittimità sostanziale? Per far comprendere le difficoltà che incontra colui che deve eseguire l’ordine, faccio un esempio: l’ordine ricevuto dal superiore di punire un proprio inferiore, che tipo di ordine deve considerarsi? E’ un ordine illecito, legittimo o illegittimo? Se illegittimo, si tratta di illegittimità formale oppure sostanziale? E’ un ordine illegittimo insindacabile oppure illegittimo sindacabile? Se sindacabile, quando diventa insindacabile? Non finisce qui. Qualora, malauguratamente, il militare dovesse essere sottoposto ad un giudizio per aver eseguito l’ordine (dubbio), dovrà sperare che tutti i giudici chiamati a giudicarlo, ponendosi le stesse domande, rispondano allo stesso modo, il che non è scontato. Nel nostro caso, infatti, il secondo giudice ha dato alle domande una risposta che concorda con quella fornita daUnodinoi, mentre il primo ed il terzo giudice hanno dato risposte contrarie. Diciamo, quindi: L’ordinamento italiano, a differenza di quello tedesco, prevede un’eccezione alla regola secondo cui tutti gli organi dello Stato sono subordinati alla legge. Essa è contenuta nell’ultimo comma dell’art. 51 C.P., che prevede il caso in cui la legge non consenta al subordinato di sindacare la legittimità dell’ordine ricevuto. Ma in quali casi la legge non consente di sindacare la legittimità degli ordini? Cioè quali sono gli ordini illegittimi insindacabili? La legge succitata nulla dice sul punto della sindacabilità. Altra fonte normativa di rango inferiore si limita a dire che gli ordini che vengono confermati vanno eseguiti. Quindi nel caso in cui venga confermato un ordine che viola una norma di legge non penale, secondo l’ordinamento italiano va eseguito, secondo quello tedesco no. Tale convinzione si fonda sì sull’incertezza normativa, ma è sostenuta e rafforzata anche da altri elementi sinergicamente combinati tra di loro. Voglio così  sintetizzarli:il divieto imposto ai militari di riunirsi liberamente e di costituire associazioni professionali;le limitazioni imposte alla libera manifestazione del loro pensiero;l’impossibilità di accedere agli atti amministrativi in caso di violazione di interessi legittimi (la normativa vuole che i trasferimenti di reparto siano assimilati agli ordini militari, quindi possono avvenire per non meglio specificate esigenze di servizio);le sanzioni degli “arresti semplici” svincolate dal principio di legalità e di tassatività degli illeciti;la normativa che regola gli avanzamenti, soprattutto degli ufficiali;la normativa che regola i giudizi annuali caratteristici (che incidono pesantemente sulla progressione di carriera con ovvie ripercussioni stipendiali);gli organismi di rappresentanza che, oltre a non poter parlare di alcuni argomenti, non sono a base democratica in quanto presieduti dal più alto in grado.In tempo di guerra la convinzione che attiene al “quadrupede slegato”, certamente, è una formula vincente perché fa degli uomini armati un corpo unico con una volontà affievolita al fine di attuare le disposizioni ricevute da chi assume le decisioni strategiche. Ma in tempo di pace, quando i militari, deposte le armi, sono dei pubblici ufficiali (i cui atti fanno fede fino a querela di falso), possono rimanere con una volontà limitata o, quantomeno, condizionata se non addirittura intimidita?  Quando le domande sono difficili, le risposte vanno ricercate nei Sacri Testi che, oltre a contenere parole di vita eterna, offrono anche utili spunti di riflessione per regolare la vita di quaggiù. Si legge che quando i militari posti a guardia del Santo Sepolcro si recarono dai capi giudei a riferire ciò che, nell’adempimento delle loro consegne di servizio, avevano visto con i loro occhi, cioè che Gesù era risorto, i capi giudei, che rappresentavano il potere politico di allora, dissero ai militari: <<DICHIARATE: i suoi discepoli sono venuti di notte e l’hanno rubato, mentre noi dormivamo. E se mai la cosa venisse all’orecchio del Governatore, noi lo persuaderemo e vi libereremo da ogni preoccupazione>>. (Mt 28, 13 – 14). A quell’epoca, i capi giudei erano interessati, principalmente, a difendere e consolidare il loro potere. Oggi, però, sono altri tempi. (Cleto IAFRATE associazione civica FICIESSE – in sintesi)

Posted in Diritti/Human rights, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Nuovo segretario provinciale D.C.Roma

Posted by fidest press agency su mercoledì, 23 marzo 2011

L’avv. Claudio Mignone è il nuovo segretario provinciale di Roma della D.C. L’incarico gli permetterà di far parte di diritto del Consiglio nazionale della Democrazia Cristiana. A lui è affidatala riorganizzazione della presenza politica della Democrazia Cristiana nella provincia di Roma, nel provvedere alle operazioni di iscrizione alla D.C. per l’anno 2011 e nel procedere alla ricostituzione degli organismi politici direttivi previsti dallo Statuto del partito.  Il tutto finalizzato anche alla celebrazione del XXII Congresso nazionale della Democrazia Cristiana che prevediamo possa essere celebrato entro la fine del 2011.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Nanotecnologie applicate all’auto

Posted by fidest press agency su mercoledì, 23 marzo 2011

Immaginiamo i sedili delle auto che si adeguano automaticamente al livello di comfort desiderato, o che cambiano colore a seconda del nostro umore. Immaginiamo materiali anti graffio autopulenti, oppure particelle che si mescolano al carburante permettendo all’auto di raggiungere il doppio dell’efficienza fornita dai comuni carburanti. Le nanotecnologie hanno la capacità di modificare, a livello molecolare, le proprietà dei materiali e non soltanto nel comparto auto, ma in tutti i settori industriali. In un recente studio, Nanotechnology for Automotive Application, Frost & Sullivan analizza il potenziale commerciale delle nanotecnologie emergenti nell’industria automobilistica identificando dieci nuove applicazioni che rivoluzioneranno il settore automotive. Queste nuove applicazioni sono classificate in quattro macro-aree (sicurezza, comfort, efficienza e ambiente) e spaziano dai nanosensori alle nanoceramiche integrate nei motori, alle nanotecnologie in sistemi elettrici e convertitori catalitici. Frost & Sullivan prevede una fortissima espansione e si aspetta che il mercato possa raggiungere i $6.46 miliardi entro il 2015. Nello studio cinque regioni vengono messe a confronto valutandone il potenziale di adozione. Gli Stati Uniti sono in testa con il Giappone e l’Europa dell’Est che seguono con grande distacco. Chiudono la lista Cina e Corea, considerate come le ultime due regioni in termini di maturità e quindi di grado di adozione della tecnologia. La valutazione delle opportunita’ condotta da Frost & Sullivan suggerisce sei maggiori fattori trainanti, tra i quali due, in particolar modo, hanno un maggiore impatto sul settore auto: il crescente tasso di finanziamento affiancato da una vivace attività di start-up e le unicità delle nanotecnologie nel campo applicativo dell’industria automobilistica.Frost & Sullivan, la Growth Partnership Company, lavora in stretta collaborazione con i propri clienti per aiutarli ad accelerare la loro crescita e a raggiungere risultati di rilievo in termini di crescita, innovazione e leadership di mercato. Il Growth Partnership Service di Frost & Sullivan offre ai manager e ai loro team una serie di strumenti quali ricerche e modelli di best practice che permettono l’identificazione, la valutazione e l’implementazione di significative strategie di crescita. Frost & Sullivan ha oltre 50 anni di esperienza maturata lavorando per conto e in collaborazione con importanti societa’ a livello globale fra cui le prime 1000, aziende emergenti e investitori e vanta una rete di piu’ di 40 uffici in cinque continenti. Per far parte della nostra Growth Partnership, si prega di visitare il sito http://www.frost.com

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Sport reporter 2011”

Posted by fidest press agency su mercoledì, 23 marzo 2011

Roma 25 marzo, alle ore 11, nella Sala Stampa di Palazzo Valentini,  sede della Provincia di Roma, in via IV Novembre, 119/A.  “Emozioni e brivido, sintesi dello sport”. Questo il titolo della prima edizione del concorso giornalistico “Sport Reporter 2011” indetto dal quotidiano online Regione Digitale. Il concorso è patrocinato dalla Provincia di Roma e dalla commissione Atleti del CONI, con la partnership di Tiscali, RomaUno Tv, Hippogroup Capanelle spa, dell’autodromo di Vallelunga  “Pietro Taruffi”, ACI, Istituto Europeo III Millennio, SportLive, FuturaRadio web e del Laboratorio  dei Cento.   Obiettivo del Premio, aperto a tutti i maggiorenni non iscritti all’albo dei giornalisti, è avvicinare le  persone, in particolare i giovani, al mondo dello comunicazione attraverso lo sport e dare loro la  possibilità di mettere in evidenza le loro capacità agli occhi del mondo dell’informazione. Il  concorso inoltre, vuole dare maggiore visibilità a  tutte quelle discipline considerate “minori” o comunque di nicchia.  A giudicare i lavori, divisi in tre categorie (Auto-motociclismo, Equitazione-ippica-polo, Tennisscherma-golf) una giuria di altissimo livello, presieduta da Diego Cimara, giornalista del Tg1, e composta da professionisti del mondo della comunicazione e dell’organizzazione di eventi sportivi.  Il concorso, inoltre, offrirà ai partecipanti un ciclo di workshop dedicati all’apprendimento delle  regole di base del giornalismo sportivo e delle tecniche di ripresa video-fotografiche anche  attraverso una esperienza sul campo di eventi sportivi. La premiazione dei vincitori avverrà nel  corso di una serata di gala nel prossimo mese di giugno.   All’incontro presenzieranno, in rappresentanza della giuria, il giornalista Diego Cimara, l’onorevole  Ugo Onorati e il vicedirettore dell’Adnkronos, Antonio Palmieri, il presidente dell’Istituto Europeo  Terzo millennio Andrea Pizzicaroli.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Passaporto sanitario per immigrati

Posted by fidest press agency su mercoledì, 23 marzo 2011

L’immigrazione di massa dai paesi del Nord Africa ribellatisi ai vecchi regimi, pone in evidenza in tutta la sua drammaticità il problema dell’immigrazione dai paesi a basso reddito verso l’Italia e l’Europa. L’Italia è stata investita negli ultimi anni da un flusso immigratorio di clandestini continuo, di notevoli dimensioni che ha saputo controllare con grandi difficoltà. Se le conseguenze del fenomeno immigratorio sul piano economico e sociale e dell’ordine pubblico sono state analizzate pur in modo insufficiente, non è invece mai stato analizzato l’impatto del fenomeno sul piano della sanità pubblica. La pressione migratoria di questi giorni su Lampedusa ha messo in evidenza le difficoltà a garantire le condizioni di igiene ai clandestini che possono facilmente essere vittime di malattie a seguito dell’affollamento e della promiscuità. I milioni di immigrati sul territorio nazionale hanno introdotto nuovi elementi sul piano della sanità pubblica: 1) introduzione di nuove patologie non sufficientemente note ai medici italiani con pericolo di diffusione di malattie contagiose, in particolare la tubercolosi; 2) difficoltà da parte del medico di medicina generale ed ospedaliero di rapportarsi con lo straniero a causa delle differenze linguistiche e culturali; 3) difficoltà nell’utilizzo delle strutture sanitarie da parte dei regolari a causa delle norme burocratiche che presiedono all’utilizzo delle strutture pubbliche. Sul piano della sanità pubblica il principale pericolo per la popolazione italiana è rappresentato dai clandestini, non potendo questa popolazione essere controllata. Le autorità del nostro paese devono porre particolare attenzione alla possibile diffusione di malattie come la tubercolosi, la poliomielite, la meningite meningococcica, l’epatite A e B, la febbre tifoide. Un intervento fondamentale dovrà essere il censimento sanitario della popolazione immigrata, clandestina o regolare, attraverso screening mirati in prevalenza al controllo della TB, malattia diffusa altamente contagiosa trasmissibile per via aerea, ad alta endemia nei paesi africani e dell’Est Europa. Il censimento della popolazione immigrata deve coinvolgere necessariamente tutte le regioni italiane e deve prevedere che ogni immigrato sia in possesso di un documento: PASSAPORTO SANITARIO, sia cartaceo che informatico per consentire al medico delle strutture pubbliche di conoscere immediatamente lo stato di salute dell’individuo con i risultati delle indagini sanitarie eseguite. (Walter Pasini Direttore Centro di Travel Medicine and Global Health)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Alla scoperta dell’etnomedicina

Posted by fidest press agency su mercoledì, 23 marzo 2011

Empoli Il 29 marzo gli operatori dell’Asl 11 saranno al “Virgilio” per ritirare i questionari e consegnare ai partecipanti libri connessi all’argomento. Dalle pratiche cerimoniali e magiche all’uso di erbe a scopo curativo, la medicina popolare o etnica comprende una vasta gamma di credenze e tradizioni popolari che l’unità operativa di medicina naturale e l’educazione alla salute dell’unità operativa igiene e sanità pubblica dell’Asl 11 stanno approfondendo grazie alla collaborazione degli studenti delle classi quarte e quinte dell’istituto “Virgilio” di Empoli.Si sta concludendo, infatti, la fase sperimentale del progetto “Etnomedicina” che ha visto coinvolti gli studenti cui è stato chiesto di intervistare e sottoporre un questionario informativo ai propri parenti e conoscenti per scoprire le usanze di medicina popolare conosciute. Gli operatori dell’Asl 11, quindi, stenderanno un rapporto che conterrà i risultati dell’analisi dei dati contenuti nei questionari. Gli studenti, infine, useranno il rapporto per produrre il materiale didattico da diffondere nell’istituto scolastico. Lo scopo del progetto è quello di promuovere l’etnomedicina per divulgare conoscenze utili alla corretta gestione delle tradizioni popolari, scongiurando usi terapeutici pericolosi e dannosi e, al tempo stesso, riconducendo questi saperi ad una dimensione razionale e scientifica.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Caritas: emergenza Giappone

Posted by fidest press agency su mercoledì, 23 marzo 2011

«Facciamo tutto quanto ci è possibile» dice padre Daisuke Narui, il direttore di Caritas Giappone. C’è la consapevolezza che ogni sforzo è solo un piccolissimo tassello nell’enormità dei bisogni, ma c’è anche un grande senso di unità, di solidarietà, di condivisione. A Sendai è stato aperto nei giorni scorsi un centro di aiuti per i sopravvissuti del terremoto e dello tsunami. Voluto dai vescovi di Sendai, Niigata, Saitama e da Caritas Giappone, è un riferimento per tutta l’azione della piccola ma attiva Chiesa giapponese. Il potente terremoto ha danneggiato in particolare quattro province nella diocesi di Sendai: Aomori, Iwate, Miyagi e Fukushima. In quest’ultima è stata danneggiata la centrale nucleare e c’è grande apprensione per le possibili gravissime conseguenze. Nella città di Sendai, molti edifici hanno resistito, ma gli abitanti hanno paura e i rifugi temporanei sono dunque ancora in piena attività. La Caritas continua a fornire beni di prima necessità anche grazie al sostegno di molti volontari: circa 200 persone sono attivamente impegnate già dai primi giorni dopo il disastro. Anche a livello internazionale la mobilitazione è stata grande, a partire proprio dalle Caritas dell’Asia: Myanmar, Vietnam, Singapore, Macao, Taiwan, ma anche Corea, India e Pakistan. Caritas Italiana ha messo a disposizione un primo contributo ed ha lanciato una raccolta fondi per continuare a sostenere gli interventi di Caritas Giappone.Per sostenere gli interventi in corso si possono inviare offerte a Caritas Italiana tramiteC/C POSTALE N. 347013 specificando nella causale: “Emergenza Giappone 2011”.Offerte sono possibili anche tramite altri canali, tra cui:
°    UniCredit, via Taranto 49, Roma – Iban: IT 88 U 02008 05206 000011063119
°    Intesa Sanpaolo, via Aurelia 396/A, Roma – Iban: IT 95 M 03069 05098 100000005384
°    Banca Popolare Etica, via Parigi 17, Roma – Iban: IT 29 U 05018 03200 000000011113
°   CartaSi e Diners telefonando a Caritas Italiana tel. 06 66177001 (orario d’ufficio)

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Ennesima truffa ai poliziotti

Posted by fidest press agency su mercoledì, 23 marzo 2011

“Vergogna! Non è che abbiamo la sfera di cristallo, ma quando abbiamo mostrato le nostre remore ed il nostro scetticismo di fronte all’ennesima promessa fattaci dal Governo non volevamo solo esorcizzare un incubo, volevamo far capire che ormai siamo tristemente avvezzi alle colossali prese per i fondelli… e ci abbiamo visto giusto. E’ ora di dire basta, Maroni deve andare a casa, perché per quanto riguarda gli interessi dei Poliziotti che dovrebbe tutelare è un inconcludente e non ha alcuna capacità di farsi valere”. Non usa mezzi termini Franco Maccari, Segretario Generale del Coisp – il Sindacato Indipendente di Polizia, nel manifestare l’indignazione nata al termine dalla riunione di ieri del Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Gianni Letta con i Sindacati di Polizia, convocata in vista del Consiglio dei Ministri di oggi per discutere degli impegni già assunti dal premier Silvio Berlusconi in persona, nonché dal Ministro dell’Interno Roberto Maroni, circa il reperimento di ulteriori 79 milioni di euro – oltre agli 80 già promessi – da destinare al Comparto sicurezza e difesa per il finanziamento di misure perequative. “Letta – spiega Maccari – ha riferito che oggi in Cdm non ci sarà alcun provvedimento normativo che ci riguarda, né è mai stato calendarizzato. E’ l’apoteosi della menzogna! Sono talmente tanto spocchiosi e pieni di sé che quando raccontano sciocchezze neppure si mettono d’accordo come si deve! Mercoledì scorso, al question-time, Maroni aveva assunto solennemente l’impegno da parte dell’Esecutivo di approvare il provvedimento normativo con il quale avrebbero eliminato le gravi penalizzazioni che fino ad oggi ci hanno riservato. ‘Sono giuste le rivendicazioni dei Sindacati’, aveva detto il Ministro Baroni; ‘c’è l’esigenza di dare la necessaria valorizzazione economica a comparti che hanno acquisito negli anni una forte dignità dal punto di vista giuridico, non sempre accompagnata dal dovuto riconoscimento economico’, aveva aggiunto il bugiardone, e ancora: ‘a Polizia, Forze armate e Vigili del fuoco che si stanno spendendo con straordinari risultati anche nelle emergenze, non possiamo non riconoscere un migliore trattamento economico’… Balle!”. “Non se ne può proprio più – aggiunge il leader del Coisp -! Mi pare evidente che non basterà la manifestazione già indetta per oggi davanti a Palazzo Chigi, dove intendevamo recarci per vigilare che venissero mantenuti gli impegni assunti da Berlusconi in persona, che ci aveva parlato fuori dalla sua residenza ad Arcore garantendoci che ci avrebbero fatto avere i nostri soldi. Il Governo vuole realizzare l’ennesimo raggiro ai danni dei Poliziotti… I nostri iniziali timori, che cioè volessero fare il gioco delle tre carte utilizzando in realtà i fondi destinati al riordino delle carriere per le misure perequative, erano un sogno rispetto alla realtà. Questi neppure ci perdono tempo più a pensare come sfotterci!”. “A parte il fatto che vogliamo proprio vedere che reazione avranno ora quegli “ottimistoni” dei nostri colleghi sindacalisti che hanno fatto dietro front il giorno della manifestazione di Arcore per via della loro sconfinata fiducia in questo straordinario Governo –conclude Franco Maccari-, domani saremo davanti al Viminale assieme alle nostre sagome dei Poliziotti col coltello piantato nella schiena, a gridare che continuano inesorabilmente a pugnalarci alle spalle, ed a chiedere le dimissioni del Ministro Maroni, che si è guadagnato così tanto il nostro amore che abbiamo deciso di assicurargli compagnia in ogni suo più piccolo spostamento!”

Posted in Spazio aperto/open space, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »