Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 34 n° 316

8th International Workshop cardiologia

Posted by fidest press agency su domenica, 3 aprile 2011

Milano Ieri sono stati chiusi i lavori  dell’8° Congresso Mondiale di Cardiologia Interventistica Pediatrica, presieduto dal Dr. Mario Carminati, Direttore della Cardiologia Pediatrica del Policlinico San Donato e dal Comitato Scientifico: Dott. Massimo Chessa e Gianfranco Butera che si è svolto a Milano dal 31 marzo al 2 aprile presso il Marriott Hotel via Washington, 66.  Nei 3 giorni di Congresso sono stati presentati 22 live cases, in diretta via satellite, da Berlino (Germania), Varsavia (Polonia), Leuven (Belgio), San Donato Milanese, Napoli, Massa, che hanno consentito ai partecipanti di interagire attivamente durante lo svolgimento delle procedure, ponendo domande sui casi trattati ai membri della Faculty, nonché agli operatori in sala.   Durante il Workshop è stato presentato un nuovo device, specificamente ideato per la chiusura percutanea del difetto interventricolare perimembranoso. “Questo device – ha affermato il Dott. Carminati – rispetto ai precedenti, ha caratteristiche tali da adattarsi in maniera ottimale all’anatomia del setto interventricolare, riducendone la forza radiale pur mantenendo o addirittura migliorandone la stabilità, in modo da minimizzare l’effetto negativo di traumatismo sul tessuto di conduzione, responsabile di blocco atrio-ventricolare che si è osservato in alcuni casi nell’esperienza con precedenti device”. Fra gli interventi trasmessi in diretta via satellite nel corso del Congresso, alcuni presentavano particolari complessità, risolte brillantemente dai Cardiologi.Qui di seguito la descrizione di alcuni casi
• Il Dott. Gianfranco Butera, cardiologo pediatra del Policlinico San Donato, ha effettuato la chiusura di difetti interatriali multipli ed aneurisma del setto in una ragazza di circa 20 anni. La procedura è stata effettuata dalla vena femorale, mediante un catetere di circa 3 mm di diametro, attraverso cui è stato impiantato il sistema di occlusione che ha permesso di trattare la patologia. In questo modo si è evitata la chirurgia e la cicatrice toracica.
• Il Dott. Mario Carminati e il Dott. Philipp Bonhoeffer (UK) hanno compiuto con successo un complesso intervento di impianto transcatetere di valvola polmonare su una piccola paziente di 12 anni. I 600 partecipanti al Congresso hanno potuto seguire l’intervento, che è stato trasmesso in diretta via satellite dalla Sala di emodinamica del Policlinico San Donato di Milano. Grazie a questa procedura interventistica, la paziente non ha subito l’apertura del torace e sarà dimessa entro tre giorni dall’intervento.
• Il Dott. Donald Hagler (USA) e il Dott. Mario Carminati hanno trattato un paziente adulto plurioperato con cardiopatia complessa e valvola biologica che presentava un parziale distacco della protesi. Questo difetto residuo è stato trattato con successo per via percutanea con due dispositivi di occlusione, evitando così un ulteriore intervento a cuore aperto.
• Il Dott. M. Carminati e il Dott. G. Butera hanno effettuato, con successo, dalla Sala di emodinamica del Policlinico San Donato, un intervento su un bambino che presentava un difetto interventricolare. Per il tipo di anatomia e la posizione del difetto, l’intervento presentava una particolare complessità. Il bambino sta bene e sarà dimesso domani. Da Massa, inoltre, è stato trasmesso via satellite l’intervento effettuato dal Dott. J. De Giovanni (UK) su un paziente di quasi 30 anni, plurioperato, con ostruzione della vena cava. Il paziente è stato trattato, con successo, con stent.   Un caso di coartazione aortica è stato inoltre trattato, dai Dottori S. Qureshi (UK) e M. Chessa. Il paziente è stato trattato con uno stent ricoperto. Questa tipologia di stent, grazie al rivestimento, permette di ridurre i rischi di rottura del vaso. Tutti gli interventi si sono risolti con successo.   La Faculty internazionale di questa ottava edizione era composta da 60 membri, fra i massimi esperti nel settore, provenienti da 30 Paesi. Il Congresso, dedicato in particolare, ai cardiologi pediatri interventisti che si occupano delle tecniche transcatetere per la cura dei difetti cardiaci congeniti ma anche a pediatri, neonatologi, anestesisti, neurologi, si è concluso con una promessa da parte del Dottor Mario Carminati: prossimo appuntamento fra due anni, a Milano.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: